Aderisco all’appello di Viterbo

Aderiamo come quaccheri conservative (solo cristiani) in Italia all’appello dei nonviolenti di Viterbo

www.quaccheri.it

www.quaccheriecumenici.it

www.quaccherimedioolona.it

Se esiste una versione in inglese pregasi inoltrarcela per il sito www.ecumenics.eu : lo leggono in America prevalentemente

UN APPELLO ALL’ONU AL TERMINE DELLA “SETTIMANA D’AZIONE CONTRO IL RAZZISMO”

Concludendosi domenica 24 marzo 2019 la “Settimana d’azione contro il razzismo”, il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo indirizza al Segretario Generale dell’Onu il seguente appello.
*
Egregio Segretario Generale dell’Onu,
si conclude oggi in Italia la “Settimana d’azione contro il razzismo” promossa dall’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, iniziativa che si svolge ogni anno avendo al suo centro la “Giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale”, Giornata istituita dall’Onu.
Come ogni anno, il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo ha aderito all’iniziativa promuovendo incontri di studio e di riflessione.
Al termine di questa settimana rivolgiamo a lei, e tramite lei anche al Consiglio di Sicurezza e all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, un urgente appello ad intervenire nei confronti del governo italiano per contrastare i crimini razzisti che esso da mesi sta commettendo contro l’umanita’.
*
In particolare segnaliamo i seguenti crimini:
1. Omissione di soccorso nei confronti di naufraghi in pericolo di morte, e sabotaggio dei soccorritori volontari che salvano vite umane nel Mediterraneo, negando loro approdo in porti sicuri in Italia.
2. Conclamata volonta’, espressa in piu’ forme ed occasioni, di far si’ che i naufraghi superstiti siano respinti in Libia, dove essi tornerebbero con tutta probabilita’ ad essere vittime di segregazione in lager, schiavitu’, torture e costante pericolo di morte.
3. Persecuzione razzista ed effettuale favoreggiamento della riduzione in schiavitu’ attraverso criminali e criminogene misure contenute nel cosiddetto “decreto sicurezza della razza”.
4. Sequestro di persona aggravato, reato per il quale i complici del governo che siedono in Senato hanno impedito alla magistratura italiana di procedere nei confronti del Ministro dell’Interno reo confesso, garantendo cosi’ una scandalosa impunita’ al ministro e al governo.
5. Reiterata istigazione all’odio razzista e apologia del delitto di omissione di soccorso.
6. Violazione di convenzioni internazionali, di leggi ordinarie, e della stessa Costituzione della Repubblica italiana, al fine di attuare una criminale politica razzista.
*
E’ in atto in Italia un vero e proprio colpo di stato che mira ad instaurare un regime razzista, violatore dei diritti umani, negatore dei principi fondamenti e dei supremi valori della democrazia, dello stato di diritto, della dignita’ umana.
L’Onu, che ha proclamato la Dichiarazione universale dei diritti umani, deve intervenire in difesa delle vittime dei crimini razzisti commessi dal governo italiano, deve intervenire a sostegno dell’ordinamento giuridico costituzionale democratico italiano, deve intervenire per impedire che in Italia s’imponga il razzismo, l’anomia, la barbarie.
*
Cento anni fa in Italia nasceva il fascismo: averlo lungamente sottovalutato ai suoi esordi e negli anni successivi, ha poi provocato la piu’ immane tragedia del XX secolo.
Non si commetta di nuovo lo stesso errore.
Si contrasti subito la criminale politica razzista e golpista del governo italiano.
Ci si opponga subito alle abominevoli violazioni dei diritti umani di cui essa consiste.
Ci si adoperi subito per difendere in Italia la democrazia, la legalita’ costituzionale, lo stato di diritto, la civile convivenza.
Nelle forme adeguate ed opportune, ma subito, senza esitazioni e senza ambiguita’, l’Onu intervenga nei confronti del governo italiano per far cessare i crimini razzisti in corso.
Ogni vittima ha il volto di Abele.
Salvare le vite e’ il primo dovere.

Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo

Viterbo, 24 marzo 2019

Mittente: “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: centropacevt@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: