Archive for 19 Maggio 2019

The Hellish Cycle

Maggio 19, 2019

19.05.2019 – Human Wrongs Watch

The Hellish Cycle
(Image by ILO)

By Baher Kamal

Indebted, exploited, hunt down, shamed at Home… The harsh reality of Southeast Asia’s migrants

Sorry for coming back to this issue, but its immense human dimension justifies this new attempt to report on another aspect, which is deliberately hidden, unwanted to be seen by the new wave of racist, xenophobe, far-right pseudo-politicians, which is now steadily growing in the biggest industrialised powers on Earth: United States and so far a full dozen of European countries. See what it is about:

Further to the 8 May 2019 article The Most Expensive 529 Billion Dollars, informing about the immense human cost that over 260 million migrant workers worldwide have to pay to rescue their impoverished families, now it has been reported that tens of millions of them are left far worse off, both economically and socially, when they return home, all of this due to a hellish cycle of debts and indebtedness.

In fact, the International Organization for Migration (IOM) on 10 May 2019 reported that 1 in 6 migrants in Southeast Asia sub-region are forced to struggle with debt when they return to their countries of origin, being indebtedness a key factor in influencing migration outcomes and an important element in the decision-making process of migrants.

Southeast Asia sub-region is home to around 650 million people living in 11 countries: Brunei, Cambodia, East Timor (Timor-Leste), Indonesia, Laos, Malaysia, Myanmar (Burma), the Philippines, Singapore, Thailand, and Vietnam.

Debt, a primary cause to migrate

The findings of the study Debt and the Migration Experience: Insights from Southeast Asia tells that debt is often a “primary cause” of migration.

“With households routinely taking on debt to cope with acute crises such as illness and failed crops, the growth and availability of formal loans offered by banks and micro-finance institutions in rural areas is contributing to changing borrowing patterns and an increased burden of debt among low-income households.”

In some contexts, loans undertaken can be far greater than average income, and migration is increasingly seen as a coping strategy in response to debt stress. “In Cambodia, for example, over 40 per cent of rural remittance-receiving households report repayment of debt as the main use of remittances.”

Meantime, migrants also take on debt to fund their journeys, IOM explains, adding that the increasing cost of migration and recruitment in the region, often taken on by employees, causes prospective migrants to borrow heavily in order to cover the cost of recruitment. Full repayment of these loans can take anywhere from months to years.

In addition, debt undertaken by migrants to gain legal status or extend their stay legally has been flagged as a particular area of concern. “The unpredictable legal costs in countries of destination make it difficult for migrants to anticipate them. This subsequently causes them to resort to loans and take on a higher burden of debt,” adds the report.

The findings are based on qualitative interviews conducted throughout 2018 with current and returned migrants in Cambodia, Myanmar and Thailand, as well as survey data collected by IOM and the International Labour Organization (ILO).

Exposed, exploited, discriminated

The International Organization for Migration concludes that there is a “strong link between indebtedness and increased vulnerability to trafficking and related exploitation.” Reason: migrants in debt are more likely to make potentially risky choices, often choosing to remain in jobs with poor working conditions, while wage deductions used by employers to cover recruitment costs can also inhibit workers from changing jobs or leaving.

Meanwhile “debt contributes to negative economic, social and psychosocial outcomes when migrants returned home. Indebted migrants were more likely to encounter financial insecurity due to a lack of savings, struggling businesses and difficulties in finding decent work.”

In addition to reduced financial status, the study finds that indebted returnees also reported social and psychological problems, including shame, embarrassment and discrimination in their communities, as well as harassment and violence from lenders. “These pressures subsequently provided strong incentives for them and their families to migrate again.”

In short, the 2019 Debt and the Migration Experience: Insights from Southeast Asia study underlines the very fact that debt and indebtedness are central to the lives of migrants from this Asian sub-region. And that indebtedness can motivate the need for migration and, conversely, migrants regularly use loans to finance costly cross-border moves.

It also strongly emphasises the key facts that the remittances that migrants then send home are often used to repay household debt.

The wider picture

Being part of the big Asia-Pacific region, South-East Asia –also known as the Greater Mekong sub-region- appears to be among the most impacted by poor, informal and vulnerable working conditions.

On this, the International Labour Organization’s report Asia-Pacific Employment and Social Outlook 2018 sheds light on the labour market challenges facing this big region, considered the most populous of the world.

According to the report’s first edition, although the regional unemployment rate is projected to remain at 4.1 per cent through 2020, the vulnerable employment rate is expected to creep up towards 49 per cent, reversing a downward trend of at least two decades.

While the Asia-Pacific region has made rapid progress to substantially reduce extreme poverty, one fourth of all workers in the region – 446 million workers – still lived in “moderate or extreme poverty” in 2017 and “nearly half of the workforce – 930 million people – were still making a living in vulnerable employment as own-account or unpaid contributing family workers.”

The ILO report informs that high employment ratios and productivity gains in the region mask persistent and worrying decent work deficits.

“Many people, in particular in the region’s developing economies, still have no choice but to take jobs with poor working conditions that do not generate stable incomes nor safeguard them and their families against poverty in the longer term,” says Sara Elder, the lead author of the report and Head of the ILO Regional Economic and Social Analysis unit.

“What is especially frustrating here is that despite the region’s important economic gains, there are still so many workers just barely getting by. Any household crisis – injury or death of a breadwinner, loss of job, natural disaster, crop failure, etc. – threatens to push them backwards into poverty.”

Informal, low-paid or even unpaid jobs

While in the Asia and the Pacific region more than 2 in 3 workers were in informal employment in 2016 –which is closely linked to the 48.6 per cent of workers still in vulnerable categories of employment– the informal employment rate is particularly high in Southern Asia, where almost 88 per cent of workers were informally employed.

Also while large numbers of workers in the Asia-Pacific region, especially those in low-paid jobs, work more than 48 hours per week, the average hours worked in Southern Asia and Eastern Asia in 2017 were the world’s highest, at 46.4 and 46.3 hours per week, respectively.

In other words, tens of millions of human beings who have been impoverished, find themselves forced to borrow, migrate to pay back their debts, be exploited, detained, persecuted, trafficked, trapped behind fences and walls, obliged to return and to be strangled by lenders, while socially shamed and discriminated in their own societies.

Most probably none of the new xenophobe, supremacist, populist politicians who are more and more on the rise in the US and Europe would want to hear a word about this hidden side of migration.

And even if they did, they would just ignore such an inhumane reality, continue with their inflammatory speeches, feeding irrational fears, spreading hate sentiments in their citizens through indiscriminately demonising all migrants… for the sake of winning elections.

Wouldn’t it be wiser, human and rational to stand against that fact that the world military expenditure grew to 1.8 trillion dollars in 2018?

Even for purely selfish motivations, wouldn’t this huge amount of tax-payers’ money which is spent on producing killing machines, be best devoted to alleviate the incalculable consequences of climate change? One such consequence would be that climate migrants might reach one billion by 2050!

Invito agli olgiatesi

Maggio 19, 2019

Paolo Colombo presenta la squadra della lista Movimento 5 stelle candidata alle elezioni Amministrative di Olgiate Olona, ed il programma che attuerà la nuova amministrazione.
Sarà presente:
Daniele Pesco, Senatore M5S e Presidente commissione bilancio
Roberto Cenci, consigliere regionale M5S Lombardia, commissione ambiente.
Paola Macchi e Andrea Togno, candidati M5S al Parlamento europeo
o SI CAMBIA ….O TUTTO SI RIPETE.

60296419_2578013885556877_9189168781325238272_n

Meeting Minutes

Maggio 19, 2019
Meeting Minutes del 19 maggio 2019: buona domenica!
GOD’S WAY
May I know
God’s way
And how to live
Each day!
 
David Herr
 
 
Excuse me David for the delay … I am very busy
 
 
“Col segno della croce e i nomi della Trinità, si può benedire il pane, la minestra…. se volete anche gli strumenti da lavoro. Ma non le armi”.
 
Ignazio Silone (L’avventura di un povero cristiano)
 
 
* 1926 A Fumone (FR) muore Celestino V, il papa che ha rinunciato al pontificato.
 
* 5a domenica di Pasqua
 
* Vesak (buddisti)
 
* 1762 nasce a Rammenau (Sassonia) Johan Gottliev Fichte, filosofo tedesco
 
 
 
I quaccheri pur non essendo papisti, non avendo gerarchie o chiesa, esprimono rammarico per i fischi della piazza leghista e sovranista contro il fratello Francesco (Vescovo di Roma e Papa per i cattolici): si comporta sul tema dell’emigrazione come un cristiano non denominazionale. La nostra solidarietà umana e religiosa e un invito a schierarsi contro le tesi razziste domenica al voto. Il posto giusto per esprimere il proprio pensierfo e scelta di campo.
 
 
” Poichè Dio ha già stabilito la base peculiare della nostra comunità, in quanto già da prima che entrassimo nella vita comune con gli altri cristiani ci ha saldati a loro in un corpo con Gesù Cristo, noi non entriamo come pretendenti ma come redenti grazie e compartecipanti alla vita comune con gli altri cristiani”
 
Dietrich Bonhoeffer
 
 
Due anni da pubblicammo -unici in Italia – come documento storico su ecumenici.blog la pagina “La Santa Sede e il terzo Reich” , una tesi di Laurea avventista, che oggi finalmente appare superata con il mancato allineamento di Roma col ministro degli Interni italiano. Gesù opera nei cuori di tutti gli uomini e donne. Papa compreso.

Trump fa arrestare i pacifisti arroccati da un mese nell’ambasciata venezuelana a Washington

Maggio 19, 2019

18.05.2019 – Peacelink – Patrick Boylan

Trump fa arrestare i pacifisti arroccati da un mese nell’ambasciata venezuelana a Washington
(Foto di PeaceLink)

Ora che gli attivisti sono stati arrestati, i media mainstream accettano finalmente di parlare della loro clamorosa occupazione dell’Ambasciata venezuelana a Washington, durata oltre un mese. Scopo del loro barricarsi nell’edificio diplomatico: “impedirne l’uso da parte degli uomini di Juan Guaidò, l’autoproclamato presidente del Venezuela e burattino di Trump.” E gli attivisti aggiungono: “Se Trump ha voluto riconoscere Guaidò e vuole ora consegnargli l’ambasciata a Washington, è perché vuole realizzare un golpe bianco nel Venezuela – un golpe che potrebbe provocare una guerra civile. Non vogliamo che il Venezuela diventi un’altra Siria.”

Invece pochi mass media hanno parlato di questo straordinario avvenimento quando, per 46 giorni e cioè dal 10 aprile, gli occupanti tenevano in scacco Trump. Quando, cioè, riuscivano a tenere a bada, sia la polizia metropolitana e federale, sia gli squadristi pro-Guaidò che assediavano l’ambasciata per impedire ai sostenitori dei pacifisti, anche usando metodi violenti, di consegnare il cibo, l’acqua e le medicine di cui gli occupanti avevano bisogno. Durante tutte quelle settimane, assoluto silenzio stampa. Bisogna chiedersi perché.

Tra i media che ne hanno parlato sono PeaceLink e le testate affiliate, il TGcom24 (5 righe) e l’edizione italiana di Euronews (che però ha dato la falsa notizia dello sgombero dell’ambasciata da parte della polizia quando invece gli occupanti stavano resistendo ancora).

Ma al di là delle notizie fornite o taciute (o falsificate) in queste settimane, cerchiamo di capire ora come sono andate realmente le cose a Washington.

Per avere un’idea precisa, ecco in dettaglio quello che è successo ieri e poi oggi, il 15 e il 16 maggio 2019, all’ambasciata venezuelana occupata: sono tutti fatti documentati. Poi traete le conclusioni voi.

Ieri, 15 maggio, è stata una giornata positiva: gli occupanti hanno avuto tre successi inaspettati.

(1.) La polizia municipale di Washington aveva effettivamente previsto per la mattina del 15/5 di sgomberare i pacifisti dall’ambasciata. La notte precedente, infatti, la polizia aveva tolto le catene che tenevano chiuse le porte dell’edificio – vedi foto in alto – e aveva consegnato un avviso intimando agli occupanti di uscire immediatamente, pena l’arresto per violazione di domicilio. Poi, mercoledì all’alba, gli agenti si sono presentati alla porta dell’ambasciata.

Mara Verheyden-Hilliard, the activists’ attorney, tells reporters that federal agents could not produce an arrest warrant

Ma ad aspettarli c’era l’avvocata del Soccorso Rosso statunitense, Mara Verheyden-Hilliard, che ha posto loro questa domanda: “Voi avete un mandato d’arresto regolarmente rilasciato da un giudice?” “No”, è stata la risposta. E, difatti, la polizia municipale di Washington non può ottenere, da nessun giudice, un mandato d’arresto per persone che si trovano all’interno di una ambasciata, in quanto, per trattato internazionale, l’edificio costituisce una zona extraterritoriale. “In tal caso”, ha risposto l’avvocata al capo della polizia, fatto arrivare d’urgenza dai suoi uomini, “se voi procedete all’arresto degli occupanti di questo edificio eseguendo ordini palesemente illegali, voi commetterete un reato e sarete perseguibili ai sensi della legge 42 USC § 1983, Bivens.”

Può sembrare incredibile, ma il Presidente Trump, il Segretario di Stato Pompeo e il Consigliere per la Sicurezza Bolton avevano ordinato il raid della polizia senza preoccuparsi della sua legalità o meno e senza aver fornito alla polizia un pezzo di carta da poter esibire. Impreparato, il capo della polizia ha preferito fare marcia indietro, ordinando ai suoi uomini di non effettuare il raid e di rimanere immobili sul marciapiede mentre lui si consultava con i suoi superiori.

(2.) Secondo successo della giornata d’ieri. Il Sindacato Nazionale Avvocati aveva inviato, tre giorni fa, una diffida formale tramite fax a Pompeo, al Direttore del Servizio di protezione delle ambasciate e al capo della polizia di Washington. Il documento spiega il grande pericolo politico in cui tutte le ambasciate del mondo potrebbero incorrere in seguito al precedente creato da Trump nel tollerare le aggressioni degli squadristi pro-Guaidò contro gli occupanti dell’ambasciata venezuelana. Qualsiasi ambasciata, infatti, potrebbe essere assediata da gruppi di oppositori politici, senza che la polizia locale intervenga per proteggerla. Anzi, la stessa polizia potrebbe entrare dentro la sede e cacciare tutti i diplomatici, sostituendoli con persone più gradite: basterebbe che il paese ospitante dichiari di non riconoscere le elezioni di un determinato Capo dello Stato straniero per farlo decadere insieme al suo ambasciatore. Sarebbe il Far West diplomatico.

La diffida è stata indirizzata anche all’Alto Commissariato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite. Questo perché molteplici paesi membri dell’ONU si sono allarmati davanti ai rischi che potrebbero incorrere le loro ambasciate se fossero messe in discussione da Trump le protezioni garantite dalla convenzione di Vienna del 1961.

Ora la buona notizia: per spingere l’Alto Commissariato a indagare sui comportamenti dell’amministrazione Trump, il governo Venezuelano e le attiviste di CodePink sono riusciti a tenere una conferenza stampa sugli eventi a Washington alle ore 16 (le 22, ora italiana) nella sede ONU a New York – conferenza stampa che ha rotto finalmente il silenzio mediatico mainstream intorno alla vicenda dell’ambasciata occupata (almeno negli Stati Uniti). Inoltre, ha spronato diversi paesi a sollecitare un intervento in merito da parte dell’Alto Commissariato per i Diritti Umani.

@RevJJackson has arrived to show solidarity with #EmbassyProtectionCollective and with the hopes of bringing food into the building, still under siege.

(3.) Infine, ecco il terzo successo di ieri: nel pomeriggio è apparso all’improvviso, davanti all’ambasciata, il reverendo Jesse Jackson, storico leader dei diritti civili negli Stati Uniti e erede di Martin Luther King. Il suo arrivo è stato provvidenziale.

Infatti, dentro l’ambasciata le scorte di cibo e d’acqua stavano diminuendo e mancava la corrente da una settimana. Le pacifiste di CodePink avevano cercato di far pervenire agli occupanti alcuni cesti di provviste con l’antico sistema della corda lanciata da una finestra. Solo che, quasi sempre, gli squadristi pro-Guaidò, in agguato giorno e notte, avevano strappato i cesti dalle loro mani prima che potessero legarli alla corda. Mentre la polizia guardava sempre dall’altra parte, naturalmente. Anzi, in almeno un’occasione, un poliziotto ha tagliato la corda.

La penuria di cibo e d’acqua spiega perché, dei venti occupanti iniziali, sedici hanno deciso di lasciare l’Ambasciata qualche giorno fa, in modo che le poche scorte rimaste bastassero per i quattro attivisti rimasti dentro. Ma poi anche loro hanno fatto sapere che le loro scorte stavano finendo.

Ed ecco che irrompe sulla scena ieri pomeriggio, come la cavalleria nei vecchi film western, Jesse Jackson con i suoi uomini muniti di sacchi di provviste, taniche d’acqua e di un mini generatore d’energia elettrica!

Naturalmente, gli squadristi pro-Guaidò hanno cercato di malmenarli e di strappare via le provviste, come hanno fatto con le CodePink. Ma questa volta la polizia è intervenuta – forse in seguito agli eventi della mattinata o forse per paura di uno scandalo nazionale se venisse ferito una celebrità come Jesse Jackson (77 anni). Gli uomini di Jackson, quindi, hanno potuto legare la corda, lanciata dal primo piano, ai loro sacchi, alle loro taniche e al loro generatore e poi gli occupanti li hanno tirati su mentre le CodePink per strada esultavano. Jackson ha promesso di tornare con i suoi uomini ogni giorno, per tutto il tempo che occorreva.

E poi è arrivato oggi, il 16 maggio 2019: il giorno del fattaccio.

Police just loaded one of the remaining embassy protectors into a squad car

Alle ore 9.15, una squadra d’assalto SWAT (armi speciali) ha sfondato la porta sul retro dell’ambasciata; sono poi entrati in azione gli agenti federali armati. C’è sicuramente un motivo, legato alla necessità di trovare una giustificazione legale per l’incursione, che spiega perché la polizia metropolitana, largamente utilizzata nelle settimane precedenti davanti all’ambasciata, sia stata rimpiazzata oggi da agenti speciali provenienti dal poco noto Servizio Sicurezza del Dipartimento dello Stato (DSS).

Comunque sia, il capo di accusa è stato regolarmente letto ai quattro attivisti in manette: “interferenza nelle funzioni di protezione delle ambasciate” svolte dal DSS. Gli agenti federali hanno anche mostrato all’avvocata degli occupanti, Verheyden-Hilliard, un mandato di arresto firmato dal giudice federale G. Michael Harvey, in base ad una richiesta formulata dal “legittimo ambasciatore venezuelano” Carlos Vecchio.

Ovviamente, la legalità di quel mandato rimane tutto da vedere.  Per esempio, in base a quale principio di giurisprudenza può un semplice giudice federale statunitense determinare che Vecchio sia il “vero ambasciatore” e non l’uomo nominato a suo tempo da Maduro?  Nessun principio.  Per cui è ovvio che Trump e Pompeo, nell’ordinare gli arresti all’interno dell’ambasciata, hanno semplicemente imbastito una messa in scena del “rispetto della legalità” e niente di più.

Medea Benjamin, co-fondatrice delle CodePink, ha immediatamente rilasciato una dichiarazione alla stampa in cui ha sottolineato che non è affatto finita la lotta contro il golpe di Trump in Venezuela. Inoltre, ha diffidato Trump e Pompeo dal cedere l’ambasciata agli uomini di Guaidò nell’immediato. La soluzione ideale, ha spiegato Benjamin, sarebbe quella usuale praticata in campo diplomatico quando una proprietà viene contesa tra due governi: si nomina un governo terzo (nel caso presente, Benjamin ha fatto il nome della Svizzera) per tutelare il bene in questione (qui, l’edificio al No. 1099 della 30esima Strada NW a Washington), non consentendo che venga utilizzato da nessuno dei due contendenti, fin quando un arbitrato o una sentenza in giudizio non ne determini il proprietario legittimo.

Intanto, per mantenere alta la pressione su Trump, Pompeo e Bolton, è previsto per questo sabato pomeriggio a Washington davanti all’ambasciata venezuelana, a mezzogiorno (ore 18 in Italia), una grande manifestazione di sostegno per i quattro arrestati, per la legalità internazionale e contro ogni golpe. Oltre alle CodePink, si riuniranno davanti all’ambasciata del Venezuela, gli attivisti di tutte le altre formazioni che hanno sostenuto l’occupazione sin dall’inizio, in particolare la Answer Coalition, Popular Resistance e Black Alliance for Peace.

La partita oggi è stata decisa da una discutibile giocata della squadra di Trump al 90°. Ma il campionato è lungo ed è tutto da decidere.

 

 Qui l’articolo originale sul sito del nostro partner


Yolanda - "Det här är mitt privata krig"

Kreativ text, annorlundaskap, dikter, bipolaritet, Aspergers syndrom, samhällsdebatt

Pioniroj de Esperanto

esplori la pasinton por antaŭenrigardi = esplorare il passato per guardare avanti

Haoyan Do

stories about English language and people in Asian communities in America and in Asia.

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Luciana Amato

Parole e disincanto

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Acquistaditutto.com

acquistionline,venditeonline,sport,casa,smartwatch,smartphone,iPhone,integratori,cucina,motori,pizza,pasta,

Giornalista Indipendente

Riproduzione Riservata - Testata Giornalistica n.168 del 20.10.2017

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

among Friends

the blog of four Quakers

Medicina, Cultura, e Legge.

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie. Autore: Stefano Ligorio.

Quaker Scot

Occasional thoughts from Troon and beyond

Gioia per i libri

Recensioni - Poesie - Aforismi

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.