Archive for settembre 2019

Meeting Minutes

settembre 22, 2019

Meeting Minutes domenicale del 22-9-2019

Il senso di colpa si combatte solo con la pratica della virtù

Simone Weil
* 1980 L’Iraq invade l’Iran

* 1895 nasce a NY Babette Deutch, poetessa romanziera e critica USA

“Dio può essere meglio onorato se conosciamo , apprezziamo e amiamo la vita che ci ha dato in tutti i suoi valori, dunque se sentiamo forte e franco anche il dolore per dei valori vitali diminuiti o perduti.

Dietrich Bonhoeffer

Greta Thunberg: “Change is Coming, Whether You Like It or Not”

settembre 21, 2019

21.09.2019 – New York City – Amy Goodman

This post is also available in: Spanish

Greta Thunberg: “Change is Coming, Whether You Like It or Not”
(Image by David Andersson)

Sixteen-year-old Swedish climate activist Greta Thunberg has sparked a global movement with her “school strike for the climate.” Last year, she started skipping school on Fridays to stand outside the Swedish parliament demanding climate action. Since then, she has inspired millions around the world to join her. The final two Fridays of this month, Sept. 20 and 27, are expected to be some of the largest global protests in history. These two strike days fall on either side of the United Nations’ Climate Action Summit on Monday, Sept. 23.

Organized during the U.N.’s annual General Assembly meeting, which brings leaders from around the world to New York City, the Climate Action Summit aims to “spark the transformation that is urgently needed and propel action that will benefit everyone.” U.N. Secretary-General Antonio Guterres described the urgency of the moment this week:

“July was the hottest month ever. These five years will be the hottest five years on record. We see the rising level of the ocean taking place, the highest concentrations ever of CO2 in the atmosphere … we are really dealing with a very dramatic threat, not only to the future of the planet, but to the planet today.”

Greta arrived in New York City on Aug. 28 after a two-week voyage aboard a zero-emissions, high-speed sailboat. Since then, she has been on the go, joining youth school strikes at the United Nations and in front of the White House, giving scores of interviews and engaging with grassroots activists, politicians and others to demand urgent action. On Monday night, in recognition for her work linking the climate emergency to human rights, Amnesty International gave her its 2019 Ambassador of Conscience Award.

Speaking with members of the Senate Climate Change Task Force in Washington, D.C., Tuesday, Greta said: “Don’t invite us here to tell us how inspiring we are without doing anything about it … I know you are trying, but just not hard enough. Sorry.”

The Paris climate agreement, signed by almost every nation in 2015, was supposed to accelerate the transition from fossil fuels to renewables. President Donald Trump announced his intention to pull the United States out of the agreement on June 1, 2017 — failing to note that the earliest date the U.S. could leave would be November 2020. That is why the Trump administration has been sending low-level officials to the annual U.N. Climate Summits, where they spend their time promoting coal and other fossil fuels while energetically avoiding questions from the press.

Despite the Paris agreement, the planet as a whole continues to burn more fossil fuels. In a report issued just over a week ago, the U.S. Energy Information Administration predicted that global petroleum consumption, for the first time ever, would surpass 100 million barrels per day in 2019. The International Energy Agency stated recently, “Despite legitimate concerns about air pollution and greenhouse gas emissions, coal use will continue to be significant in the future,” and that coal comprises “27% of all energy used worldwide and … 38% of electricity generation.”

The rapid transition away from fossil fuels to a fully renewable energy economy will require a cooperative, global effort unprecedented in history. Several versions of this needed transformation for the United States have been articulated, first in the Green New Deal bill proposed by New York Democratic Congressmember Alexandria Ocasio-Cortez and Massachusetts Democratic Sen. Ed Markey. 2020 presidential hopeful Sen. Bernie Sanders has put forth a $16.3 trillion plan that he says would create 20 million jobs and pay for itself within 15 years. His plan also promotes environmental justice “in a truly inclusive movement that prioritizes young people, workers, indigenous peoples, communities of color, and other historically marginalized groups.”

Greta Thunberg’s words from last December’s U.N. Climate Summit in Katowice, Poland, bear repeating. The two-week ministerial meeting was almost over, and the plenary schedule was running late. At close to midnight, Greta, then 15 years old, gave a short, powerful address. She rocked the hall, and her words quickly resonated around the world:

“We have not come here to beg world leaders to care. You have ignored us in the past, and you will ignore us again. We have run out of excuses, and we are running out of time. We have come here to let you know that change is coming, whether you like it or not. The real power belongs to the people.”

On Tuesday, after sustained protests for several years, the University of California announced it is divesting its $84 billion pension and endowment funds of all fossil fuel investments.

The storms that batter island nations from the Bahamas to the Philippines, and coastal communities from Florida to Newfoundland, are occurring with greater frequency and greater strength. In response, a rapidly growing global movement of climate activists, led by youth, is heating up as well.

Repressione antimilitarista

settembre 21, 2019

Cinque antimilitaristi sardi indagati per terrorismo

Basi militari. L’inchiesta non ferma la protesta, il 12 ottobre corteo contro la ripresa delle esercitazioni militari a Capo Frasca

Manifestazione antimilitarista a Capo FrascaManifestazione antimilitarista a Capo Frasca

Costantino CossuIl ManifestoCAGLIARI

EDIZIONE DEL20.09.2019

PUBBLICATO19.9.2019, 23:59

Mentre arriva la notizia della ripresa, il 12 ottobre, delle esercitazioni militari a Capo Frasca, nel sud della Sardegna, il movimento antimilitarista sardo è scosso da una clamorosa iniziativa della procura della Repubblica di Cagliari: cinque militanti cagliaritani sono accusati di «associazione con finalità di terrorismo o eversione all’ordine democratico» nell’ambito dell’inchiesta sulle manifestazioni contro le basi militari in Sardegna organizzate tra il 2014 e 2017, alcune delle quali sfociate in scontri tra antimilitaristi e forze dell’ordine. Gli avvisi di chiusura delle indagini preliminari, compiute dalla Digos della Questura di Cagliari su delega della Direzione distrettuale antiterrorismo (Dda) del capoluogo sardo, sono stati notificati l’altro ieri complessivamente a 45 persone, tra i quali appunto i cinque antimilitaristi. Gli altri 40 sono accusati di reati minori che vanno – a vario titolo – dai danneggiamenti alla resistenza, dalle lesioni alla partecipazione a manifestazione non autorizzata.

Secondo le anticipazioni fornite ieri dal quotidiano l’Unione sarda, le indagini si basano sull’attività svolta dalla questura di Cagliari dopo le manifestazioni avvenute davanti al poligono di Capo Frasca, del Salto di Quirra e di Decimomannu tra il 2014 e il 2017, ma anche presunti episodi di danneggiamento contro Poste italiane, banche e Rwm, la fabbrica di armamenti di Domusnovas. L’inchiesta coinvolge molti personaggi di spicco dell’antimilitarismo sardo. I reati più gravi vengono contestati Roberto Bonadeo e Valentina Maoret, 32 e 36 anni, ritenuti dal sostituto procuratore Guido Pani promotori di «un’associazione con finalità di terrorismo o eversione dell’ordine democratico che si propone il compito gli atti di violenza».

Con loro sono indagati per lo stesso reato – anche se non sono ritenuti gli organizzatori – Gianluca Berutti (39 anni), Marco Desogus (25) e Davide Serra (26). Tra i 40 indagati per reati minori, c’è il 63enne Giuliano Deroma, ex brigatista, finito nel fascicolo della Digos di Cagliari con altre trenta persone, in particolare per gli scontri avvenuti durante una manifestazione organizzata davanti alla base di Decimomannu l’11 giugno 2015.

La chiusura dell’inchiesta sulle manifestazioni contro le basi militari arriva a poche settimane dalla ripresa delle esercitazioni militari nell’isola, prevista per il 12 ottobre nel poligono di Capo Frasca. Per quella data il movimento antimilitarista sardo ha indetto una manifestazione «contro l’occupazione militare della Sardegna», confermata ieri dalle quaranta sigle di associazioni, movimenti e comitati che compongono il fronte antibasi.Con una dichiarazione rilasciata al sito di informazione on line Sardiniapost, gli avvocati dei militanti antimilitaristi rispondono alla procura: «I soggetti interessati sono appartenenti a svariate aree politiche ma tutti accomunati dall’impegno contro l’occupazione militare della Sardegna – commentano i legali dall’associazione Libertade -. Le gravi contestazioni mosse dal pubblico ministero assumono una portata molto preoccupante, in quanto riferite a condotte poste in essere dagli indagati nella legittima, pacifica e meritoria attività politica di sensibilizzazione e riconoscimento delle gravi conseguenze ambientali e alla salute provocate dalle esercitazioni militari svolte all’interno dei poligoni sardi».

Secondo i legali, le accuse riguardano l’organizzazione di «manifestazioni (avvenute nel 2014, 2015, 2016 e 2017) che si svolsero in maniera assolutamente pacifica; di aver organizzato campeggi definiti antimilitaristi, nei quali vengono svolte attività di informazione e approfondimento del tema; di resistenza ai pubblici ufficiali, benché sia noto che in quelle occasioni furono le forze dell’ordine a rinchiudere i manifestanti, tra cui donne e bambini, all’interno di cordoni ingiustificati». «Impossibile non notare che l’apertura di procedimenti penali relativi a fatti di quattro anni fa arrivi a pochi giorni dalla nuova manifestazione di Capo Frasca – sottolinea, sempre su Sardiniapost, l’avvocata Giulia Lai, anche lei dell’associazione Libertade -. I quarantacinque indagati appartengono a sigle e gruppi diversi nel variegato mondo di chi si oppone alla presenza delle basi militari in Sardegna, difficile capire come nel provvedimento che li riguarda si voglia pensare a un’organizzazione comune. Crediamo che l’intento sia quello di cercare di frenare le persone coinvolte nell’inchiesta e magari di spingere i cittadini a non partecipare alle iniziative del movimento per paura di ripercussioni».

Meeting Minutes

settembre 21, 2019
Meeting Minutes del 21 set 2019
 
” ‘Non preoccupatevi dunque del domani, perchè il domani si preoccuperà di se stesso; a ciascun giorno basta la sua pena’ . E’ l’unico atteggiamento con cui si possa affrontare la vita qui. “
(cit. Matteo, 6,24)
 
Etty Hillesum
 
 
Il mio mestiere e la mia arte è vivere
 
Michel de Montagne
 
 
* 1990 Il magistrato Rosario Livatino viene assassinato dalla mafia
 
* Esaltazione della Santa Croce ( anglicani, cattolici, ortodossi)
 
* Giornata internazionale della Pace
 
* 10 giorno di Muharram Ashura (Islam)
 
*1869 nasce a Firenze Virginia Tanfo (in arte Agar) scrittrice, pacifista e giornalista
 
 
Non c’è forse sentimento più appagante che intuire che possiamo essere qualcosa per il prossimo
 
Dietrich Bonhoeffer
 
Preghiera dedicata al radicale Cappato, che ha aiutato DJ Fabo nelle sue determinazioni in favore dell’autodeterminazione del fine vita. Che deve essere una scelta personale: nessun Papa può decidere al posto della PERSONA interessata

Global Climate Strike in London

settembre 20, 2019

20.09.2019 – London, UK – Silvia Swinden

Global Climate Strike in London
(Image by Pressenza London)

Time is running out to prevent a Climate Change disaster. The signs are clear, the science is clear and it’s also clear who is attempting to deny them.

Glaziers are melting, the sea is warming up, coral reefs are dying, ice caps are shrinking, islands are sinking, hurricanes are stronger and governments continue to give licenses for fracking even if it produces earthquakes and contaminate drinking water.

Whilst not one individual event can be associated to Climate Change brought about by the burning of fossil fuels with absolute certainty, the combined effect of events and computer models are pretty convincing.

Fossil fuels are also killing people through cardiovascular, lung, kidney disease, and are affecting in particular children and pregnant women. But the industry refuses to switch to renewables because of profit.

Pollution and contamination are produced disproportionately by those in affluent countries and areas, and suffered disproportionately by the poor.

These are forms of violence just as wars, inequality and nuclear weapons are.

Today the grownups joined the kids that inspired them to give those in power a clear message: it’s time to act, its time to change.

Here are some pictures from the London demo.

And the world

 

I quaccheri non sono protestanti

settembre 20, 2019

Irlanda del Nord: l’inchiesta sulla tortura dei “14 incappucciati” andrà avanti

20.09.2019 – Riccardo Noury

Irlanda del Nord: l’inchiesta sulla tortura dei “14 incappucciati” andrà avanti
(Foto di Amnesty International)

Nessuno dovrebbe attendere quasi mezzo secolo prima di ottenere giustizia. Figuriamoci se dopo 48 anni venga solo riconosciuto il diritto di continuare a chiederla.

Ma quando, il 20 settembre, la corte d’appello di Belfast ha stabilito – contrariamente a quanto deciso nel 2014 – il proseguimento dell’inchiesta sulle torture subite nel 1971 da un gruppo di prigionieri da parte della polizia e dell’esercito britannico, la sensazione è stata quasi di vittoria.

La vicenda è quella dei cosiddetti “14 incappucciati”.

Nell’estate del 1971 il governo di Londra ordinò la “Operazione Demetrius”, che portò a centinaia di arresti in tutta l’Irlanda del Nord. Oltre 340 persone vennero internate, ossia imprigionate senza processo.

Quattordici di esse furono selezionate per un “trattamento speciale”, trasferite in un centro segreto d’interrogatorio e lì sottoposte a pestaggi, minacce di morte e quelle che sono passate alla storia come le cinque tecniche di tortura, definizione che nella sentenza del 20 settembre la Corte d’appello non ha mancato di sottolineare.

I 14 uomini (nella foto, 10 di loro) furono obbligati a indossare cappucci, costretti ad assumere posizioni dolorose, privati del sonno, del cibo e dell’acqua e sottoposti al “rumore bianco”, ossia al totale isolamento acustico.

Da allora Amnesty International ha accompagnato, anche intervenendo in udienze di tribunale, la richiesta di giustizia dei “14 incappucciati”, chiedendo che un’indagine indipendente chiamasse a rispondere non solo gli esecutori materiali delle torture ma anche i ministri e i capi delle forze armate e dell’esercito dell’epoca che le ordinarono, che pur essendone a conoscenza non le impedirono e che in seguito cercarono di sottrarsi a ogni responsabilità.

Meeting Minutes

settembre 20, 2019

Meeting Minutes del 20 set 2019

“Quel pezzettino di eternitá che ci portiamo dentro”

Etty Hillesum

Non è abbastanza parlare di pace: Bisogna credere in esso. E non basta nemmeno credere in essa. Bisogna lavorare per ottenerla.

Eleanora Roosevelt

* 1870 Breccia di Porta Pia che festeggiamo come fece il Manzoni e molti altri

* 1984 Giornata internazionale della pace (ONU)

“Dovremmo trovare Dio in ciò che conosciamo, non in ciò che non conosciamo”

Dietrich Bonhoeffer

Il fondo europeo per la difesa di Juncker fa ricche solo le lobby armate. Spesa militare record. L’Ue arriva a 22 miliardi

settembre 19, 2019

 17 settembre 2019 

di Carmine Gazzanni

Politica

JEAN CLAUDE JUNCKER

Share

Da 2,8 miliardi a 22,5. L’Unione europea è pronta ad armarsi. E in maniera massiccia a vedere lo spaventoso incremento degli investimenti nel settore della difesa per il periodo 2021-2027 rispetto invece all’attuale ciclo di spesa. Questo è quanto proposto dalla passata Commissione europea (quella presieduta da Jean-Claude Juncker, per intenderci), oggetto oggi di un corposo dossier della Corte dei conti Ue, che chiarisce un punto: rischiamo di buttare miliardi e miliardi di euro nel settore militare perché, al di là del giudizio etico, non c’è una benché minima strategia comunitaria e unitaria. Con la conseguenza, inevitabile, che ad arricchirsi siano ovviamente solo lobby e industrie militari.

LA RELAZIONE. Ma facciamo un passo indietro. Come ricordano i giudici comunitari, è il 2016 quando la Commissione propone l’idea di un Fondo europeo per la difesa che, ovviamente, dovrebbe affiancarsi e non sostituirsi con la spesa singola dei Paesi membri in campo militare. Nel periodo 2017-2020 sono stati introdotti due programmi pilota, miranti a verificare la fattibilità e il valore aggiunto di un’azione a livello Ue: l’Azione preparatoria sulla ricerca in materia di difesa (PADR), con una dotazione di 90 milioni di euro a sostegno di progetti collaborativi di R&T (Ricerca e Tecnologia); il Programma europeo di sviluppo del settore industriale della difesa (EDIDP), con una dotazione di 500 milioni di euro per cofinanziare progetti industriali comuni nella fase di sviluppo.

Ma, come detto, quella non era che una fase preparatoria e, dunque, oggi la proposta (che ancora non riceve l’ok definitivo) è quello di arrivare a un bilancio di 13 miliardi, “suddiviso in 4,1 miliardi di euro per la ricerca e 8,9 miliardi di euro per lo sviluppo”. Ma c’è di più. Perché accanto al Fondo europeo per la Difesa ci sono le missioni militari già in campo più altri programmi che si vorrebbe incrementare. Ed ecco allora che la proposta della Commissione per il Quadro Finanziario Pluriennale 2021-2027 “rispecchia l’ambizione di attribuire in futuro alla difesa un ruolo più importante”, tanto che si passerebbe da un plafond complessivo di 2,8 miliardi di euro del periodo 2014-2020, a uno di 22,5 miliardi nel prossimo settennio. È facile immaginare, ovviamente, che questa nuova politica miri a rendere l’Unione uno dei principali finanziatori “armati”.

ALLARME ROSSO. Non che i singoli Paesi non facciano la loro parte. Soltanto nel 2017, i 28 Stati membri dell’Ue hanno destinato oltre 200 miliardi di euro di spese pubbliche alla “difesa”. Il punto è che i bilanci nazionali per la difesa sono assai più cospicui del bilancio per la difesa dell’Ue: in totale sono pari a circa 75 volte le spese per la difesa dell’Ue nel quadro dell’attuale Quadro Finanziario. Se nessuno dovesse fermare il proposito di Juncker & C. le cose, ovviamente, cambieranno nei prossimi anni. Il problema, come detto, è che c’è il rischio concreto di buttare soldi senza che ci sia un minimo programma comunitario alla base. Innanzitutto, osservano i magistrati, nel campo della difesa l’Ue “ha maturato finora scarsa esperienza”.

Il rischio, in altre parole, è che non siano stati “fissati obiettivi adeguati” e che “non esistano sistemi tali da far fronte a quest’incremento della spesa dell’Ue e al nuovo livello di ambizione previsti dalla strategia globale per la politica estera e di sicurezza dell’Unione”. Insomma, il boom del fondo è semplicemente illogico. Senza dimenticare che, evidentemente, tra gli Stati membri esistono “evidenti differenze strategiche”: non c’è, di fatto, una percezione comune delle minacce tanto che molti Paesi si muovono in quadri istituzionali differenti, “con regole d’ingaggio diverse e un ampio ventaglio di diverse opinioni sull’uso della forza militare”. Altro problema non da poco: la duplicazione e la frammentazione dei sistemi d’arma. Nel 2017 erano in uso nell’Unione europea 178 diversi sistemi d’arma, rispetto ai 30 degli Stati Uniti. Un rompicapo che pare andar bene solo per chi incasserà quei soldi. Le solite industrie militari. Manco a farlo apposta.

Le Bahamas devastate dall’uragano. Ma può accadere ovunque…

settembre 19, 2019

18.09.2019 – Sonia Savioli – Il Cambiamento

Le Bahamas devastate dall’uragano. Ma può accadere ovunque…

Le Bahamas sono state devastate dall’uragano; migliaia i dispersi, un numero enorme di morti, condizioni disastrose. L’ennesima tragedia che verrà presto dimenticata; eppure, ciò che è accaduto là oggi può accadere ovunque…

Le Bahamas erano un arcipelago di settecento isole, alcune disabitate, altre popolose, nell’Oceano Atlantico, vicino alla costa sud orientale degli Stati Uniti. Lo sono ancora. Erano isole ricche, arricchite dal turismo e dal fatto di essere un paradiso fiscale, dunque arricchite dal riciclaggio e dall’evasione fiscale. Ricche forse non lo saranno più. Lo spaventoso uragano che le ha colpite, con venti a trecento chilometri l’ora, uno dei tanti frutti del disastro climatico e dell’aumento delle temperature del mare, ha spazzato via in una manciata di ore tutto ciò che gli esseri umani avevano costruito, case e chiese, strade e ospedali, aeroporti e linee elettriche, camion, auto, barche. Ha spazzato via migliaia di persone, famiglie intere con le loro case; ha spazzato via alberi, terra, animali. Oggi ci sono quasi ottantamila persone senza più una casa, senza più mobili, elettrodomestici, stanze, letti, biancheria, stoviglie, indumenti, giocattoli e ricordi: tutto quello che una casa è, sicurezza, conforto, storia di vite. Molti di loro hanno perso figli o genitori, fratelli sorelle amici, cani o gatti. Spazzati via in una manciata di ore.

Su alcune di quelle isole non c’è  più niente di ciò che serve a una vita umana, ci sono distese di macerie che sono anche rifiuti, perché nel mondo moderno la maggior parte di ciò che si produce, compresi gli edifici, è fatta di materiali tossico-sintetici. Anche per questo si producono gli uragani, si riscalda il pianeta. Ci sono cadaveri sotto le macerie e, senza strade, non ci sono i mezzi per recuperarli. I cronisti giunti sul posto dicono che il lezzo dei cadaveri in decomposizione si sente ovunque. Non sapremo mai quanti sono i morti. I dispersi sono migliaia ma, se nessun parente li cerca, per ora non risultano dispersi. Ci vorranno mesi, forse anni, perché le cosiddette “autorità” possano fare un censimento di coloro che non si troveranno mai più, trascinati via dal mare; oltre che dei corpi ritrovati giorno per giorno. E noi non lo sapremo. Perché?

Perché le notizie sui disastri ambientali sono soggette a una rigida censura; perché i medianellacorrente sono di proprietà e al servizio di coloro che temono più della morte la diminuzione dei nostri consumi e dei loro profitti, la presa di coscienza e la consapevolezza dei popoli. Quelli che forse avevano investito nei resort e nei campi da golf delle Bahamas, e che stanno già pensando a come recuperare quelle “perdite” con qualche altro investimento e con le sovvenzioni e gli “aiuti” dei governi loro complici e succubi.

Ma ciò che è successo laggiù può, nella stessa forma o in altre, accadere ovunque. E’ solo l’ennesima tragedia in una serie ormai continua di tragedie provocate dal cambiamento climatico superveloce, cioè dallo “sviluppo” di una società e un’economia basate sullo lo sfruttamento, la competizione, l’ostentazione, la guerra e la scalata sociale, la ricerca furiosa del profitto e del potere. La nostra malattia diventa assalto alla natura, vista soltanto in questa ottica: risorsa da sfruttare oppure ostacolo da togliere di mezzo. Ma la natura non è altro che la vita, la nostra vita ne fa parte e, se la distruggiamo, ci distruggiamo. Assieme alle terre e ai mari che muoiono, moriamo anche noi, e tutto ciò che avevamo costruito crolla come un castello di carte.

La tragedia delle Bahamas verrà presto dimenticata, ci aiuteranno a dimenticarla i “mezzi di rimbambimento di massa”, che hanno questo fine prioritario. Ma, se rimbambiti non siamo, dimostriamolo proclamando la nostra personale emergenza climatica: nelle scelte quotidiane, nei consumi, nei comportamenti e nella lotta contro spreco, inquinamento, rapina della natura; nei comitati e nelle associazioni ambientaliste e nel fare la spesa. E nello scendere in piazza il 27 settembre nel terzo sciopero mondiale contro il cambiamento climatico.

Venezuelan Government and Opposition sign Peace Dialogue Agreement

settembre 19, 2019

19.09.2019 – Caracas, Venezuela – Prensa Latina

Venezuelan Government and Opposition sign Peace Dialogue Agreement
(Image by Prensa Latina)
Caaracas, Sep 16 (Prensa Latina) The Government and the opposition of Venezuela signed on Monday the agreement and installation of the National Dialogue Table for Peace, in accordance with the principles of sovereignty and self-determination of the South American country.

With the purpose of contributing to a political solution among Venezuelans, both parties agreed to deal with the promptness and urgency of the case, the new formation of the National Electoral Council and the guarantees that must accompany the voting processes.

The incorporation into the National Assembly of the parliamentary fraction of the United Socialist Party of Venezuela and the allied fractions of the national Government is part of the agreements signed.

Among the issues, it was also agreed to exhort the Supreme Court of Justice, through the Truth Commission -in charge of investigating crimes during violent street demonstrations in recent years- to agree on replacement measures in those cases in which the legal system allows.

During the act of agreement of the dialogue table, it was agreed to reaffirm and defend the historical legitimate rights of Venezuela over Guyana Esequibo, through political negotiation as contemplated in the Geneva Agreement of 1966, the only legal instrument valid in the United Nations agreements.

It was also established to reject the application of economic sanctions against the country, in violation of International Law, and it was proposed to implement the oil exchange program for food, medicines and supplies for basic services, in accordance with the technical mechanisms existing in the United Nations System.

The Venezuelan Government and opposition will advance agreements on the balance and balance between the constituted powers, such as institutional normalization and overcoming the contempt of the National Assembly, which will be discussed at specialized technical tables, in order to refine their content.

Meeting at the Yellow House (headquarters of the Foreign Ministry), the Executive Vice President, Delcy Rodríguez, and the Vice President for Communication, Culture and Tourism, Jorge Rodríguez, who is also the head of the delegation for dialogue, signed in the name of the National Government.

As representatives of the opposition parties, Claudio Fermín (Solutions for Venezuela), Timoteo Zambrano (Cambiemos) and Luis Romero (Advanced Progressive) signed.

The head of the delegation for dialogue reiterated that the objective is to seek the point of consultation, despite the differences, with respect to the right of everyone to exercise political life in the country.

In this regard, the opposition leader Fermín reaffirmed his commitment to the peace of the nation and invited the other representatives of opposition political parties, as well as social, trade union and trade union organizations, to join the dialogue table, by ensuring that ‘it is not exclusive’.

Last August, President Nicolás Maduro announced the resumption of talks with the Venezuelan opposition, after the Government resumed contacts with Norway.

Maduro had previously ruled out the possibility of dialogue with opposition groups subject to Washington’s hostile policy against the South American nation.

In this regard, he pointed out that the negotiations carried out in Norway and Barbados under the auspices of the Oslo government, involved organizations of the extreme right who appealed to assassination attempts, coups and calls for foreign military invasion, in order to provoke political change through unconstitutional channels.

 The original article can be found on our partner’s website here

Pubblicato su Uncategorized | Leave a Comment »


Nonviolent Campaign Strategy

Learn how to plan and implement a nonviolent strategy for your campaign

Positive Peace Warrior Network

More People! More Power!! More Progress!!!

The Armchair Theologian

Disestablishmentarianism in the UK, okay?

Fronte Popolare

Organizzazione militante comunista

Quaccheri Medio Olona

Sempre antifascisti: ieri e oggi. Anche domani - creato e gestito dai quaccheri in Italia

Maurizio Benazzi

Resistenza olgiatese - Coalizione civica per l'alternativa - maurizio_benazzi@libero.it

A Friendly Letter

Chuck Fager -- Writer, Editor

ValleOlonaRespira

Basta veleni sul nostro territorio

lessicocristianoblog

Nuova alleanza: usalo come preghiera

Friends in Christ

(Primitive Quakers)

The Postmodern Quaker

An experiment in publishing by George Amoss Jr.

Partito Comunista Italiano Federazione di Varese

Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti. -- Antonio Gramsci

Quaccheri cristiani ecumenici per fare il bene

A cura del quacchero conservative Maurizio Benazzi

quaccheri e hutteriti in Italia

Io non vi chiamo più servi; perché il servo non sa quel che fa il suo signore; ma voi vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto conoscere tutte le cose che ho udite dal Padre mio (Gv 15,15)