Archive for 21 settembre 2019

Greta Thunberg: “Change is Coming, Whether You Like It or Not”

settembre 21, 2019

21.09.2019 – New York City – Amy Goodman

This post is also available in: Spanish

Greta Thunberg: “Change is Coming, Whether You Like It or Not”
(Image by David Andersson)

Sixteen-year-old Swedish climate activist Greta Thunberg has sparked a global movement with her “school strike for the climate.” Last year, she started skipping school on Fridays to stand outside the Swedish parliament demanding climate action. Since then, she has inspired millions around the world to join her. The final two Fridays of this month, Sept. 20 and 27, are expected to be some of the largest global protests in history. These two strike days fall on either side of the United Nations’ Climate Action Summit on Monday, Sept. 23.

Organized during the U.N.’s annual General Assembly meeting, which brings leaders from around the world to New York City, the Climate Action Summit aims to “spark the transformation that is urgently needed and propel action that will benefit everyone.” U.N. Secretary-General Antonio Guterres described the urgency of the moment this week:

“July was the hottest month ever. These five years will be the hottest five years on record. We see the rising level of the ocean taking place, the highest concentrations ever of CO2 in the atmosphere … we are really dealing with a very dramatic threat, not only to the future of the planet, but to the planet today.”

Greta arrived in New York City on Aug. 28 after a two-week voyage aboard a zero-emissions, high-speed sailboat. Since then, she has been on the go, joining youth school strikes at the United Nations and in front of the White House, giving scores of interviews and engaging with grassroots activists, politicians and others to demand urgent action. On Monday night, in recognition for her work linking the climate emergency to human rights, Amnesty International gave her its 2019 Ambassador of Conscience Award.

Speaking with members of the Senate Climate Change Task Force in Washington, D.C., Tuesday, Greta said: “Don’t invite us here to tell us how inspiring we are without doing anything about it … I know you are trying, but just not hard enough. Sorry.”

The Paris climate agreement, signed by almost every nation in 2015, was supposed to accelerate the transition from fossil fuels to renewables. President Donald Trump announced his intention to pull the United States out of the agreement on June 1, 2017 — failing to note that the earliest date the U.S. could leave would be November 2020. That is why the Trump administration has been sending low-level officials to the annual U.N. Climate Summits, where they spend their time promoting coal and other fossil fuels while energetically avoiding questions from the press.

Despite the Paris agreement, the planet as a whole continues to burn more fossil fuels. In a report issued just over a week ago, the U.S. Energy Information Administration predicted that global petroleum consumption, for the first time ever, would surpass 100 million barrels per day in 2019. The International Energy Agency stated recently, “Despite legitimate concerns about air pollution and greenhouse gas emissions, coal use will continue to be significant in the future,” and that coal comprises “27% of all energy used worldwide and … 38% of electricity generation.”

The rapid transition away from fossil fuels to a fully renewable energy economy will require a cooperative, global effort unprecedented in history. Several versions of this needed transformation for the United States have been articulated, first in the Green New Deal bill proposed by New York Democratic Congressmember Alexandria Ocasio-Cortez and Massachusetts Democratic Sen. Ed Markey. 2020 presidential hopeful Sen. Bernie Sanders has put forth a $16.3 trillion plan that he says would create 20 million jobs and pay for itself within 15 years. His plan also promotes environmental justice “in a truly inclusive movement that prioritizes young people, workers, indigenous peoples, communities of color, and other historically marginalized groups.”

Greta Thunberg’s words from last December’s U.N. Climate Summit in Katowice, Poland, bear repeating. The two-week ministerial meeting was almost over, and the plenary schedule was running late. At close to midnight, Greta, then 15 years old, gave a short, powerful address. She rocked the hall, and her words quickly resonated around the world:

“We have not come here to beg world leaders to care. You have ignored us in the past, and you will ignore us again. We have run out of excuses, and we are running out of time. We have come here to let you know that change is coming, whether you like it or not. The real power belongs to the people.”

On Tuesday, after sustained protests for several years, the University of California announced it is divesting its $84 billion pension and endowment funds of all fossil fuel investments.

The storms that batter island nations from the Bahamas to the Philippines, and coastal communities from Florida to Newfoundland, are occurring with greater frequency and greater strength. In response, a rapidly growing global movement of climate activists, led by youth, is heating up as well.

Repressione antimilitarista

settembre 21, 2019

Cinque antimilitaristi sardi indagati per terrorismo

Basi militari. L’inchiesta non ferma la protesta, il 12 ottobre corteo contro la ripresa delle esercitazioni militari a Capo Frasca

Manifestazione antimilitarista a Capo FrascaManifestazione antimilitarista a Capo Frasca

Costantino CossuIl ManifestoCAGLIARI

EDIZIONE DEL20.09.2019

PUBBLICATO19.9.2019, 23:59

Mentre arriva la notizia della ripresa, il 12 ottobre, delle esercitazioni militari a Capo Frasca, nel sud della Sardegna, il movimento antimilitarista sardo è scosso da una clamorosa iniziativa della procura della Repubblica di Cagliari: cinque militanti cagliaritani sono accusati di «associazione con finalità di terrorismo o eversione all’ordine democratico» nell’ambito dell’inchiesta sulle manifestazioni contro le basi militari in Sardegna organizzate tra il 2014 e 2017, alcune delle quali sfociate in scontri tra antimilitaristi e forze dell’ordine. Gli avvisi di chiusura delle indagini preliminari, compiute dalla Digos della Questura di Cagliari su delega della Direzione distrettuale antiterrorismo (Dda) del capoluogo sardo, sono stati notificati l’altro ieri complessivamente a 45 persone, tra i quali appunto i cinque antimilitaristi. Gli altri 40 sono accusati di reati minori che vanno – a vario titolo – dai danneggiamenti alla resistenza, dalle lesioni alla partecipazione a manifestazione non autorizzata.

Secondo le anticipazioni fornite ieri dal quotidiano l’Unione sarda, le indagini si basano sull’attività svolta dalla questura di Cagliari dopo le manifestazioni avvenute davanti al poligono di Capo Frasca, del Salto di Quirra e di Decimomannu tra il 2014 e il 2017, ma anche presunti episodi di danneggiamento contro Poste italiane, banche e Rwm, la fabbrica di armamenti di Domusnovas. L’inchiesta coinvolge molti personaggi di spicco dell’antimilitarismo sardo. I reati più gravi vengono contestati Roberto Bonadeo e Valentina Maoret, 32 e 36 anni, ritenuti dal sostituto procuratore Guido Pani promotori di «un’associazione con finalità di terrorismo o eversione dell’ordine democratico che si propone il compito gli atti di violenza».

Con loro sono indagati per lo stesso reato – anche se non sono ritenuti gli organizzatori – Gianluca Berutti (39 anni), Marco Desogus (25) e Davide Serra (26). Tra i 40 indagati per reati minori, c’è il 63enne Giuliano Deroma, ex brigatista, finito nel fascicolo della Digos di Cagliari con altre trenta persone, in particolare per gli scontri avvenuti durante una manifestazione organizzata davanti alla base di Decimomannu l’11 giugno 2015.

La chiusura dell’inchiesta sulle manifestazioni contro le basi militari arriva a poche settimane dalla ripresa delle esercitazioni militari nell’isola, prevista per il 12 ottobre nel poligono di Capo Frasca. Per quella data il movimento antimilitarista sardo ha indetto una manifestazione «contro l’occupazione militare della Sardegna», confermata ieri dalle quaranta sigle di associazioni, movimenti e comitati che compongono il fronte antibasi.Con una dichiarazione rilasciata al sito di informazione on line Sardiniapost, gli avvocati dei militanti antimilitaristi rispondono alla procura: «I soggetti interessati sono appartenenti a svariate aree politiche ma tutti accomunati dall’impegno contro l’occupazione militare della Sardegna – commentano i legali dall’associazione Libertade -. Le gravi contestazioni mosse dal pubblico ministero assumono una portata molto preoccupante, in quanto riferite a condotte poste in essere dagli indagati nella legittima, pacifica e meritoria attività politica di sensibilizzazione e riconoscimento delle gravi conseguenze ambientali e alla salute provocate dalle esercitazioni militari svolte all’interno dei poligoni sardi».

Secondo i legali, le accuse riguardano l’organizzazione di «manifestazioni (avvenute nel 2014, 2015, 2016 e 2017) che si svolsero in maniera assolutamente pacifica; di aver organizzato campeggi definiti antimilitaristi, nei quali vengono svolte attività di informazione e approfondimento del tema; di resistenza ai pubblici ufficiali, benché sia noto che in quelle occasioni furono le forze dell’ordine a rinchiudere i manifestanti, tra cui donne e bambini, all’interno di cordoni ingiustificati». «Impossibile non notare che l’apertura di procedimenti penali relativi a fatti di quattro anni fa arrivi a pochi giorni dalla nuova manifestazione di Capo Frasca – sottolinea, sempre su Sardiniapost, l’avvocata Giulia Lai, anche lei dell’associazione Libertade -. I quarantacinque indagati appartengono a sigle e gruppi diversi nel variegato mondo di chi si oppone alla presenza delle basi militari in Sardegna, difficile capire come nel provvedimento che li riguarda si voglia pensare a un’organizzazione comune. Crediamo che l’intento sia quello di cercare di frenare le persone coinvolte nell’inchiesta e magari di spingere i cittadini a non partecipare alle iniziative del movimento per paura di ripercussioni».

Meeting Minutes

settembre 21, 2019
Meeting Minutes del 21 set 2019
 
” ‘Non preoccupatevi dunque del domani, perchè il domani si preoccuperà di se stesso; a ciascun giorno basta la sua pena’ . E’ l’unico atteggiamento con cui si possa affrontare la vita qui. “
(cit. Matteo, 6,24)
 
Etty Hillesum
 
 
Il mio mestiere e la mia arte è vivere
 
Michel de Montagne
 
 
* 1990 Il magistrato Rosario Livatino viene assassinato dalla mafia
 
* Esaltazione della Santa Croce ( anglicani, cattolici, ortodossi)
 
* Giornata internazionale della Pace
 
* 10 giorno di Muharram Ashura (Islam)
 
*1869 nasce a Firenze Virginia Tanfo (in arte Agar) scrittrice, pacifista e giornalista
 
 
Non c’è forse sentimento più appagante che intuire che possiamo essere qualcosa per il prossimo
 
Dietrich Bonhoeffer
 
Preghiera dedicata al radicale Cappato, che ha aiutato DJ Fabo nelle sue determinazioni in favore dell’autodeterminazione del fine vita. Che deve essere una scelta personale: nessun Papa può decidere al posto della PERSONA interessata

Yolanda - "Det här är mitt privata krig"

Kreativ text, annorlundaskap, dikter, bipolaritet, Aspergers syndrom, samhällsdebatt

Pioniroj de Esperanto

esplori la pasinton por antaŭenrigardi = esplorare il passato per guardare avanti

Haoyan Do

stories about English language and people in Asian communities in America and in Asia.

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Luciana Amato

Parole e disincanto

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Acquistaditutto.com

acquistionline,venditeonline,sport,casa,smartwatch,smartphone,iPhone,integratori,cucina,motori,pizza,pasta,

Giornalista Indipendente

Riproduzione Riservata - Testata Giornalistica n.168 del 20.10.2017

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

among Friends

the blog of four Quakers

Medicina, Cultura, e Legge.

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie. Autore: Stefano Ligorio.

Quaker Scot

Occasional thoughts from Troon and beyond

Gioia per i libri

Recensioni - Poesie - Aforismi

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.