Archive for ottobre 2019

Meeting Minutes

ottobre 31, 2019

Meeting Minutes del primo novembre 2019

“…So che chi odia ha fondati motivi per farlo. Ma perché dovremmo sempre scegliere la strada più facile e a buon mercato?…Ho potuto toccare con mano come ogni atomo di odio che si aggiunge al mondo lo renda ancora più inospitale…”

Etty Hillesum

Il Corriere evidenziava stamani che l’intero centro destra italiano ha votato in Parlamento contro la mozione, astenedosi, della Senatrice Liliana Segre, sopravvissuta ai lager nazisti, contro il razzismo e l’antisemitismo. Se fra i nostri lettori ci fossero per sbaglio ci fossero sostenitori di questa TESI NEGAZIONISTA (altro che libertà di parola) sono pregati di rimuoversi da queste mailing list antifasciste. Grazie pregheremo anche per i nostri nemici, Per noi c’è una sola razza umana e non ci sono “prima gli italiani”, slogan di Salvini-Meloni consueto. Mai! Anche Hitler sosteneva  “Prima i tedeschi”, poi vennero i pogrom ecc

Se affermiamo di non poter più seguire Dio nel suo percorso perché è troppo gravoso, allora ci viene in aiuto la prossimità di Dio, la sua fedeltà e la sua forza: lì davvero riconosciamo correttamente Dio e il senso della nostra vita cristiana.

Dietrich Bonhoeffer

* Tutti i Santi (anglicani e cattolici)

* 1886 nasce a  Vienna Hermann Brock, narratore, filosofo e drammaturgo austriaco

La vita è un sogno dal quale ci si sveglia morendo.

Virginia Wolf

Preghiera per l’Italia e per gli italiani, affinché non abbraccino tesi di partiti razzisti, xenofobi, fascisti o sovranisti

Noi vediamo che molti soffrono e la loro dignità è minacciata con disprezzo e violenza.
Molte ferite non si vedono: dobbiamo saper riconoscere ciò che parla attraverso segni silenziosi.
Siamo dunque pronti a praticare la pace e la giustizia, a vivere l’amore e a portare il perdono; siamo dunque pronti a combattere guerra e violenza, nel nome dell’unico Dio!

Susanne Brandt

The invasion of N. Syria and its aftermath: Militarism and more suffering

ottobre 31, 2019

30.10.2019 – Redazione Italia

The invasion of N. Syria and its aftermath: Militarism and more suffering

by Serdar M. Değirmencioğlu

As the invasion got underway on October 9, Süleyman Soylu, the Minister of Interior was on television. Seated across several regime-friendly journalists who were very enthusiastic about the invasion, he appeared to enjoy every moment: He was grinning and posturing. His words were even more stunning.

In response to questions about the ISIS threat, he laughed: “Don’t you worry. Nothing will happen.” A journalist asked: “What if we encounter an ISIS camp, or militants? What is going to happen when they are captured? Will we take them to court? Send them back? Or annihilate them?” The minister continued, with a wide smile on his face: “Look, Europe is terrified. They are scared. The world is totally afraid of them. They have no option but to cooperate with us. Take it easy! Relax!”

The minister’s disturbing behavior was not surprising. He used to be an outspoken critic of Recep Tayyip Erdoğan, when he was heading the Democratic Party. He called him a sultan, among other things. But then he was recruited by Erdoğan and installed as Minister of the Interior in 2016. Since then, he distinguished himself with his outrageous attacks on the opposition.

The journalists did not try to clarify who the minister was referring to when he said, “They have to cooperate with us.” The minister downplayed the threat of ISIS but argued that his government had been waging a sincere effort against ISIS for years.

His words were consistent with the words of Ahmet Davutoğlu. Davutoğlu was always very gentle to ISIS. As Minister of Foreign Affairs, he referred to ISIS in August 2014 as “angry masses.” He said, on television: “ISIS might be seen as, in its core, as a radical, terrorist structure. But in it, it has Iraqi Turkmen as a considerable majority. It has Sunni Arabs, Kurds. The frustrations, the insults, all the anger created a huge reaction among masses. If Sunni Arabs were not excluded from power in Iraq, there wouldn’t be such a buildup of rage. When we told Assad that he could not rule Syria representing an ethnic minority of just 12%, that Syria belonged to all ethnic groups, he did not listen. Had he listened, none of this would have happened.”

Davutoğlu never blamed the US invasion for ISIS because AKP (Justice and Development Party) supported the invasion of Iraq. Davutoğlu was a proponent of the new-Ottomanism – of turning Turkey into a “regional power”, in effect, an imperialistic state. The invasion of Iraq and the civil war in Syria were part of his vision.

External observers wondered why Davutoğlu was trying to put a nice face on ISIS. First as Minister of Foreign Affairs and then as Prime Minister, Davutoğlu knew ISIS could serve his government’s plans. But he always denied that his regime was offering a helping hand to ISIS recruits, who were trying to reach Syria: “Those who say ISIS is being supported by Turkey are traitors. The greatest treason is to mention Turkey along with this organized structure.”

Davutoğlu was recently sacked from Erdoğan’s AKP. He now says he is willing to talk about some dirty business. But he will not tell the truth about ISIS. He was part of the regime and bears direct responsibility for the regime’s crimes against humanity.

The truth? ISIS was supported and sheltered. It was used externally and internally. Back in March 2014, three ISIS militants, recruited from Germany, Switzerland and Macedonia, were traveling by car from Syria to Istanbul with weapons, ready to stage an attack. When they were stopped in Niğde, they killed a gendarme and a police officer, and also a truck driver. The court case against them was hidden from public attention. Investigation after investigation, the regime concealed the facts from the public. ISIS militants were traveling freely in Turkey. Near the border with Syria, their presence was common knowledge. ISIS found a very welcoming host in the AKP regime.

The domestic role of ISIS became more important after June 2015 elections: HDP (Peoples’ Democratic Party) took 13% of the votes, obtained 80 seats in the parliament and AKP lost its majority. Two ISIS bomb attacks followed: The first, on 20 July in Suruç, killed 33 people. The target were socialist youth, who were about to leave for Kobane, across the border. The second, on 10 October in Ankara, targeted activists and organizations demanding peace. The attack not only killed 103 people and maimed many, but also traumatized masses. The attack also effectively maimed the political will to demand peace in Turkey and in Syria.

These attacks were part of the “strategy of death” the AKP regime put in place after the 2015 elections. The strategy meant a war in Southeastern Turkey and a silencing of the opposition across Turkey. Foreign analysts and observers have been reluctant to establish the link between ISIS and AKP’s domestic agenda. Very few ever ask why ISIS has never targetted a single AKP building, event or political figure.

Now it is time to put the pieces together. Turkey is suffering under the “strategy of death”, conceived by AKP and fully supported by the fascist MHP (Nationalist Movement Party). The one-man regime in Turkey has nothing but death to rely on. The regime is collapsing and this is it is trying more and more drastic tactics to blind masses. The invasion is not about Syria but about the survival of the regime. This is why the minister of the interior, and not the foreign minister, is promoting it.

The invasion is not due to a mad man’s action or to Trump’s irresponsible foreign policy. It is far more structural and dangerous. Human life in Turkey has no value anymore. Each death is propaganda material: Dead soldiers are cherished “martyrs”; dead Kurds mean “victory”. Just like Syrian refugees in Turkey, who are used as a threat against EU governments. The regime used ISIS to silence the domestic opposition. It will not be afraid of releasing ISIS militants from prisons to eradicate its opponents – again.

But there is more at stake. This invasion and ensuing power play by Trump and Putin are nothing but militarism. These superpowers and their militarisms are as real threat: Not only for the Kurds, but also for all those who live in Turkey, Syria and the entire region, and for the entire world. The invasion is unacceptable, no matter what Trump or Putin might say. Militarism can never usher peace. It can only perpetuate the suffering.

Italiani alla guerra globale in Niger con i soldi della cooperazione allo sviluppo

ottobre 31, 2019

30.10.2019 – Antonio Mazzeo

Italiani alla guerra globale in Niger con i soldi della cooperazione allo sviluppo
(Foto di http://www.difesa.it)

Cosa fanno le forze armate italiane in Niger? Addestrano le unità locali alla guerra globale e alla repressione delle proteste economiche e sociali. E, di tanto in tanto, distribuiscono aiuti umanitari pagati con i soldi della cooperazione allo sviluppo, sotto la supervisione delle autorità politiche e militari nigerine.

Più di un anno fa, il 15 settembre 2018, prendeva il via l’operazione MISIN (Missione Bilaterale di supporto nella Repubblica del Niger), che – come riferito dal Ministero della difesa – è “finalizzata a supportare l’apparato militare nigerino, concorrere alle attività di sorveglianza delle frontiere e rafforzare le capacità di controllo del territorio dei Paesi del G5 Sahel (Niger, Mali, Mauritania, Chad e Burkina Faso)”. Alla missione concorrono 470 militari, 130 mezzi terrestri e due aerei; MISIN opera in stretto collegamento operativo e strategico con le unità da guerra degli Stati Uniti d’America dislocate in Niger e poste sotto il controllo di US Africom, il comando per le operazioni USA nel continente africano. A guidare i reparti schierati in Niger è stato chiamato da qualche mese il generale Claudio Dei, con un ampio curriculum operativo in ambito NATO ed Ue, già in forza al Comando Militare Esercito della Sicilia.

I team addestrativi MISIN, costituiti con personale specializzato proveniente dall’Arma dei Carabinieri, dall’Esercito, dall’Aeronautica militare e dalle Forze Speciali Interforze, ha già addestrato sul campo circa 1.800 militari delle forze armate e di sicurezza nigerine. Per comprendere appieno le controverse finalità strategiche delle attività addestrative e formative condotte dai militari italiani è opportuno soffermarsi su alcune delle esercitazioni bilaterali più recenti. A metà settembre, ad esempio, presso l’area dell’Armèe de Terre della Repubblica del Niger, sono state svolte lezioni teorico-pratiche della durata di due settimane in “tecniche di combattimento a favore del battaglione paracadutisti nigerino”. Nello specifico, il Mobile Training Team dell’Esercito Italiano con personale provenente dal 186° Reggimento paracadutisti “Folgore” di Siena ha addestrato i parà nigerini a condurre specifiche azioni tattiche di attacco e difesa in ambiente boschivo non permissivo. “Gli obiettivi formativi raggiunti hanno compreso le tecniche di movimento e di occultamento, nonché quelle del colpo di mano e dell’imboscata e l’analisi dei compiti assegnati all’unità operativa e le fasi di pianificazione, organizzazione e condotta, svolte dai comandanti ai vari livelli”, spiega in una nota il Ministero della difesa italiano. “Sono stati approfonditi durante il corso anche gli aspetti relativi alla gestione dello sgombero di feriti, al first aid, alle problematiche relative agli ordigni esplosivi improvvisati”. L’attività formativa rientrava in un corso molto più ampio, della durata di nove settimane, in cui le Forze Speciali tricolori hanno anche spiegato ai militari nigerini come “operare in ambiente urbano ed in particolare nella bonifica di ambienti ristretti, tipici dei complessi abitativi” e come “maneggiare correttamente ed utilizzare le armi individuali in dotazione”. Parliamo dunque di vere e proprie tecniche di azione e combattimento in aree urbanizzate, con tanto di simulazioni di attacco e occupazione di edifici civili.

Il 25 aprile 2019, festa nazionale della liberazione dal fascismo, diciassette paracadutisti italiani della Brigata “Folgore” si sono addestrati presso il Centro d’istruzione militare di Niamey al lancio con il paracadute ad apertura automatica sia in caduta libera, insieme a cinquantacinque omologhi del Niger. “L’occasione è stato il completamento dell’iter formativo condotto dal Mobile Training Team della Missione Bilaterale di Supporto in Niger – MISIN”, spiegava lo Stato Maggiore della Difesa. “La missione MISIN ha anche supportato la controparte locale nelle attività di definizione e validazione della zona di lancio, nonché nel garantire assistenza per la pianificazione e l’organizzazione dell’attività addestrativa. Ciò è stato reso possibile anche grazie al contributo dell’Aeronautica Militare, che ha messo a disposizione un velivolo da trasporto C130 e della Brigata Paracadutisti che ha fornito l’assistenza tecnica all’aviolancio, i paracadute e tutto il materiale necessario all’esercitazione”.

Rilevante pure il contributo formativo dei Mobile Training Team dell’Arma dei Carabinieri. Sempre come riportato dall’ufficio stampa della Difesa, il 20 agosto 2019, nei centri della Gendarmeria e della Guardia Nazionale del Niger si sono svolte le cerimonie di chiusura del 3° corso di ordine pubblico e del 4° corso di tecniche investigative di base. “L’addestramento rivolto a ufficiali e sottufficiali nigerini aveva principalmente l’obiettivo di far conoscere e comprendere i problemi di ordine pubblico e le relative azioni tecnico-tattiche utilizzate per pianificare, organizzare e condurre efficacemente l’intervento antisommossa”. Addestramento dunque al contrasto e repressione delle proteste e delle lotte sociali e quasi sempre in ambiente urbano, esattamente come viene fatto dalle forze armate italiane in Kosovo, Libano, Somalia e Iraq nell’ambito delle cosiddette missioni internazionali di pace che dilapidano annualmente più di un miliardo e cento milioni di euro, ma che, di contro, consentono ai reparti d’élite di sperimentarsi nelle operazioni di controllo militare dell’ordine pubblico.

Con il bastone anche la carota: così, congiuntamente all’addestramento bellico, le forze armate italiane sono impegnate nel povero paese dell’Africa occidentale in alcuni progetti sanitari e di aiuto alla popolazione dai contorni ambigui e contraddittori. “Con la Missione in Niger sono stati raggiunti considerevoli risultati nel campo della Sanità civile e militare attraverso la donazione di oltre 70 tonnellate tra farmaci e presidi medici”, ha segnalato meno di un mese fa lo Stato maggiore della Difesa. A ciò si aggiungono la consegna al governo nigerino di attrezzature mediche e sanitarie per il valore di 167 mila euro e la decina di voli umanitari effettuati dall’Italia a partire del 24 aprile 2018 per trasportare medicinali e apparecchiature “resi disponibili grazie alla collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, le Nazioni Unite ed altre agenzie intergovernative”. Il 27 marzo 2019 l’Ambasciata d’Italia a Niamey e la Missione Bilaterale in Niger – MISIN si sono incaricate della consegna di un lotto di farmaci  raccolti e messi a disposizione dalla Fondazione Banco Farmaceutico Onlus nell’ambito di un accordo di collaborazione con il Comando Operativo di vertice Interforze (COI) e l’Ordinariato Militare, “finalizzato allo sviluppo di attività di supporto umanitario-sanitario a favore di persone in condizioni di svantaggio socio-economico nei Teatri Operativi”. Chi siano i reali beneficiari del dono lo rivelano le stesse forze armate: “i medicinali sono stati consegnati presso l’aeroporto militare di Niamey ai rappresentanti dei Ministeri della Salute Pubblica e della Difesa nigerini…”.

Il 26 aprile 2019, cioè il giorno successivo all’esercitazione dei parà italiani e nigerini a Niamey, il ministero degli Affari esteri e della cooperazione emetteva un eloquente comunicato: “A seguito dei recenti scontri in Niger nell’area di Diffa e alla luce delle richiesta di assistenza a favore della popolazione sfollata da parte delle Autorità nigerine, la Vice Ministra agli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re, ha predisposto, in collaborazione con l’Aeronautica Militare, un volo umanitario per Niamey per l’invio di beni di primo soccorso e assistenza umanitaria (tende, potabilizzatori d’acqua, generatori di elettricità, presidi igienico-sanitari) in deposito presso la Base di Pronto Intervento Umanitario delle Nazioni Unite di Brindisi”.

L’intervento veniva replicato il 3 giugno 2019, giorno successivo alla festa della Repubblica italiana: stavolta con fondi della cooperazione italiana, venivano inviati in Niger con un nuovo volo umanitario dell’Aeronautica cinque tonnellate di kit sanitari. “Il provvedimento è stato predisposto dalla Vice Ministra Emanuela Del Re, in risposta ad una richiesta delle Autorità nigerine per far fronte alla perdurante emergenza sanitaria nel paese, che si è ulteriormente aggravata a causa dei recenti episodi di violenza”. Il tono insomma è lo stesso della missione del 26 aprile, così come è confermata la provenienza dei farmaci dai depositi della Base di Pronto Intervento di Brindisi. E, per l’ennesima volta, la gestione degli aiuti italiani e ONU è affidata alle forze armate nigerine, al di fuori di ogni controllo da parte della Missione MISIN.

Ancora più grave quanto avvenuto invece lo scorso 17 settembre, quando il contingente militare in Niger ha “portato a termine” una donazione di aiuti umanitari provenienti da comuni, parrocchie, associazioni di volontariato e scuole della provincia di Salerno. “Si tratta di circa 400 colli di materiale: abbigliamento, giocattoli, cancelleria e materiale sportivo nonché alimenti a lunga conservazione”, riportano le cronache. “Il progetto – sorto sulla base di precedenti esperienze intraprese in operazioni fuori area condotte in Kosovo, Libano e Afghanistan – ha coinvolto anche gli alunni della scuola elementare di San Pietro al Tanagro che, grazie a un progetto formativo incentrato sulle condizioni di povertà in Africa e sul multiculturalismo, ha avviato un gemellaggio con due scuole materne di Niamey. Inoltre, l’associazione sportiva calcistica dello stesso comune, impegnata nel settore giovanile Under 14, ha raccolto materiale sportivo con il quale ha suggellato il gemellaggio con la squadra dei piccoli calciatori nigerini di Camp Bagaji”. Chi sono stati in quest’occasione i destinatari dei pacchi dono? “Principalmente Enti di Protezione Sociale militari che si occupano dell’assistenza agli orfani e alle vedove Caduti in servizio delle Forze Armate del Niger e della Guardia Nazionale”, aggiunge l’ufficio stampa MISIN.

Uno degli obiettivi dichiarati della cooperazione umanitaria in salsa militare in Niger non poteva non essere il sostegno alle attività anti-migrazioni irregolari. Lo scorso 16 ottobre, ad esempio, il governo italiano ha donato al governo nigerino dieci ambulanze e tre autobotti “per rafforzare le capacità delle autorità nel soccorso dei migranti e nel contrasto al traffico di esseri umani”, si legge nella nota ufficiale della Farnesina. “La donazione, resa possibile dalle risorse del Fondo Africa, è stata eseguita dal Ministero della Difesa italiano, a cui appartenevano i veicoli. La cerimonia di consegna si è volta a Niamey  alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia Marco Prencipe. I nuovi veicoli consentiranno alle autorità nigerine di ampliare il raggio d’azione delle proprie attività, a beneficio sia delle comunità locali che dei migranti in transito nel Paese”.

Mentre crolla la spesa della cooperazione allo sviluppo verso il continente africano (nel 2018 l’Italia ha destinato risorse all’Africa inferiori del 21% rispetto a quelle dell’anno precedente), l’intervento governativo viene indirizzato sempre di più solo verso quei paesi che vengono ritenuti partner fondamentali nella lotta alle migrazioni. “La politica del governo italiano verso l’Africa, nelle aree strategiche evidenziate dall’esecutivo, è concentrata alla riduzione delle partenze, principalmente attraverso l’aiuto militare al controllo del territorio e in chiave anti terrorismo”, scrive il giornalista Angelo Ferrari dell’AGI – Agenzia Italia. “Aiuto militare che spesso si concentra su paesi governati da regimi autoritari, non democratici e non in condizione di poter soddisfare i bisogni di base delle loro popolazioni”. In quest’ottica va interpretato lo stanziamento di 50 milioni di euro a favore del Niger, autorizzato nel maggio 2018 dal Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione. “In questo modo il governo nigerino potrà istituire unità speciali di controllo delle frontiere, costruire e ristrutturare posti di frontiera e realizzare un nuovo centro di accoglienza per i migranti”, ha spiegato la Farnesina. L’aiuto anti-migranti è stato diviso in tranche e condizionato alla “diminuzione dei flussi migratori verso la Libia e un aumento rimpatri dal Niger verso i Paesi di origine”.

A spiegare che proprio la guerra ai migranti e alle migrazioni sia uno degli obiettivi prioritari della Missione militare italiana in Niger è stata proprio l’allora ministra della Difesa, Elisabetta Trenta. “Lo scopo di MISIN è quello di incrementare le capacità volte al contrasto del fenomeno dei traffici illegali e delle minacce alla sicurezza, nell’ambito di uno sforzo congiunto europeo e statunitense per la stabilizzazione dell’area e il rafforzamento delle capacità di controllo del territorio da parte delle autorità nigerine e dei Paesi del G5 Sahel”, ha dichiarato la pentastellata in occasione della sua visita ufficiale a Niamey. “Quella in Niger è una missione importantissima per l’Italia poiché, nel sostenere le richieste del Governo nigerino, punta anche a frenare e ridurre il flusso incontrollato dei migranti verso il nostro Paese. Una missione perfettamente in linea con l’interesse nazionale perché in questa fase è fondamentale il supporto al Niger nella lotta al terrorismo e ai traffici illeciti, incluso quello di esseri umani”. Anti-terrorismo, migrazioni ed idrocarburi: gli interessi strategici del sistema Italia sono davvero un cocktail dal sapore esotico ed esplosivo.

Scandaloso e vergognoso

ottobre 30, 2019

Settanta alunni di una primaria di Bologna dopodomani saranno portati in un’area di addestramento dell’Esercito per fare da spettatori a una simulazione militare, che comprenderà l’allestimento di un convoglio che trasporta armi e il respingimento di una folla di manifestanti.

28 Ottobre 2019 –

Bambini imparate: così si fa la guerra e, non si sa mai, così si mettono in pratica le tecniche antisommossa per tenere a bada la popolazione scontenta. Sembra incredibile, ma sono queste le scene a cui dovranno assistere 70 piccoli alunni della scuola elementare Marella di Bologna. Succederà dopodomani nell’area di addestramento della caserma Montezemolo, a Castel Maggiore, in occasione di un’esercitazione del reggimento Genio ferrovieri. Una vera e propria simulazione di guerra, denominata “Argo”, in cui 100 militari si impegneranno a ricostruire una linea ferroviaria, disinnescare un ordigno bellico, respingere la folla di manifestanti in protesta e mettere sui binari della linea Bologna-Padova un treno-convoglio per trasportare cibo e armi. L’Esercito ha spiegato che i genieri simuleranno una possibile area di crisi in cui la Nato, con il supporto italiano, è chiamata a intervenire: “Queste esercitazioni sono scenari di fantasia, ma ricalcano eventi storici passati: il nostro scenario, ‘Skolkan’, prevede una tensione geopolitica in zona baltica, simile a quella che ci fu dopo la disgregazione Urss”, hanno sottolineato i vertici militari. Tra i dettagli dell’esercitazione c’è anche uno scenario che vedrà i militari respingere un gruppo di manifestanti che minaccia la buona riuscita delle operazioni, con i genieri che lavoreranno protetti da un plotone antisommossa. Scene di guerra e di violenza, insomma: il tutto sotto gli occhi di decine di bambini tra i sei e gli undici anni.

Meeting Minutes

ottobre 29, 2019

Meeting Minutes del 30 ottobre 2019

Quando cessi di dare un contributo, cominci a morire

Eleanor Roosvelt

* 1971 A Roma , marcia internazionale per gli obiettori di coscienza in tutto il mondo

Ho provato a corrispondere con due giovanissimi obiettori Israeliani in prigione ma non ho avuto mai riscontro

* 1667 nasce a Dublino Jonathan Swift  (I viaggi di Gulliver)

* 1817 nasce a Garding Theodor Mommsen, storico e filologo tedesco (Nobel 1902)

Dio ci diede la sua parola da cui va riconosciutala sua volontà: La Bibbia dev’essere letta e ponderata, ogni giorno nuovamente

Dietrich Bonhoeffer

Postiamo nel pomeriggio del giorno prima affinchè i 5000 lettori di Yahoo possano leggere nel giorno giusto. Vogliate scusare l’occorso.

Fin dall’inizo, Dio immenso, tu hai guidato il mio cammino.
Ogni giorno mi hai accompagnato fedelmente e per me hai avuto in serbo solo del bene.
Spesso mi hai seguita, quando mi sono inoltrata per vie sbagliate; allora ho potuto di nuovo cominciare, perchè la tua voce mi ha chiamata.

Gisela Kandler

Dove si protesta nel mondo: Il risveglio della popolazione pacifica contro le disuguaglianze

ottobre 29, 2019

A causa dei ritardi di Yahoo postiamo nel pomeriggio con la speranza che possano leggere almeno il mattino

Dove si protesta nel mondo: Il risveglio della popolazione pacifica contro le disuguaglianze

28.10.2019 – Redazione Italia

Dove si protesta nel mondo: Il risveglio della popolazione pacifica contro le disuguaglianze
Cile: Mapuche durante la grande protesta contro il governo Pinera (Foto di Partido Humanista CIle)

Brucia il pianeta, dice Greta Thunberg, che ha riacceso gli animi pacifici della lotta ambientale. Si resta col fiato sospeso a Hong Kong, in cui è stata scartata in modo definitivo la proposta di legge sull’estradizione, che ha generato mesi di proteste. Si manifesta, da oltre una settimana, in Libano “per cambiare il sistema”. Dopo Quito, in Ecuador, si infiamma Santiago del Cile contro le disuguaglianze e la privatizzazione di risorse naturali e servizi.

Si riaccende a Barcellona l’antico risentimento catalano, con l’occupazione dell’aeroporto “come a Hong Kong”. Si muove la grande onda femminista, toccando luoghi lontani fra loro, da Seul, a Belfast e New DelhiA Londra, da decenni centro delle mobilitazioni europee, si marcia anche per il proprio destino, in bilico a causa della Brexit. E si eleva l’urlo dei più poveri, in paesi martoriati da conflitti e miseria come Haiti e l’Iraq.

Ecuador: la resistencia continúa

 

Pur nelle differenze dei contesti, i giovani non sono i soli a manifestare, ma in prima linea.

Si ribellano a disuguaglianze, corruzione, repressione delle libertà, emergenze climatiche. E sembra delinearsi, un po’ ovunque, una contrapposizione fra pacifisti e violenti, idealisti e nichilisti. Da una parte l’icona umana e positiva di Greta e dall’altra la metafora nichilista dell’ultimo Joker hollywoodiano.

Chi, vedendo le folle inferocite nel film di Todd Philips, non ha temuto un ritorno dei terrorismi anche nella vita reale? “Ecco che cosa può fare un malato psichico se avversato dalla società”, dice il clown agli spettatori. Tuttavia, in gran parte delle rivolte in corso, è prevalso uno strenuo attaccamento alla non violenza.

I giovani manifestanti dell’era post-globale sembrano preferire il dissenso radicale ma pacifico. Hanno tenuto duro gli hongkonger, i cittadini che vogliono preservare l’autonomia di Hong Kong dalla Cina. Nonostante i proiettili di gomma sparati ad altezza uomo, i gas lacrimogeni, i pestaggi e gli arresti della polizia, la maggior parte dei manifestanti ha marciato pacificamente. Qualcuno ha indossato la maschera di Joker. Altri hanno lanciato pietre e oggetti, ma i più hanno saputo mantenere un atteggiamento difensivo.

Nel Cile delle disuguaglianze e delle privatizzazioni (l’acqua, per esempio) più estreme, sono morte almeno 21 persone in otto giorni (dal 18 ottobre) di proteste e repressione.

Il governo del conservatore Sebastián Piñera ha inviato militari e carri armati per le strade, come non accadeva dal 1990. Si è temuto il peggio: il ritorno del fantasma del dittatore Augusto Pinochet, al potere dal 1971 al 1988. Nel Libano, sfiancato dalla crisi economica e dalla corruzione dei leader, i ragazzi hanno organizzato proteste creative, utilizzando l’arte e la musica come veicoli di dialogo.

E pacifici ma tenaci, in lotta contro l’emergenza climatica, restano gli studenti di Fridays for future, i “disobbedienti” di Extinction Rebellion e gli statunitensi di Sunrise Movement.

 

Le proteste dagli anni Novanta a oggi

Da almeno quindici anni non si registravano tante proteste, così intense, in diversi punti del pianeta. Chi è stato ragazzo fra gli anni Novanta e i primi Duemila, inevitabilmente ripensa alle rivolte di Seattle nel 1999, durante il summit dell’Organizzazione mondiale del commercio (World trade organization, Wto). Fu allora che si cominciò a criticare aspramente il modello economico oggi chiamato “turbocapitalismo”. Ne scaturirono i confronti pacifici dei Forum sociali mondiali (World social forum) per una globalizzazione alternativa, ma anche le reazioni violente degli estremisti black bloc. Nei forum internazionali confluivano da ogni latitudine centinaia di associazioni in difesa dei diritti umani, civili e ambientali. Dal 2001 il loro motto è stato “un altro mondo è possibile”.

Un mondo governato da politiche democratiche, piuttosto che dagli interessi delle multinazionali. Un mondo equo, eco-sostenibile, solidale, pacifista. Infatti, si andava in corteo contro le guerre, propagandate come “giuste”, ma rivelatesi fondate su bugie, come in Iraq, o drammatici fallimenti, come in Afghanistan.

 

E poi? In seguito alla repressione dei dimostranti “new-global” durante il G8 di Genova, la fiamma dei movimenti si è gradualmente affievolita. I negazionisti pagati dalle Big Company del petrolio, degli idrocarburi e dell’agroalimentare, hanno oscurato gli scienziati che denunciavano i cambiamenti climatici. Le primavere arabe si sono presto trasformate – quasi tutte – in lunghissimi inverni. Le voci democratiche sono state schiacciate dal giogo di dittatori, coalizioni di potenze senza visione e senza scrupoli, eserciti di fondamentalisti islamici e mercenari venuti da ogni dove, i cosiddetti foreign fighter.

 

Vittorio Agnoletto durante il G8 di Genova 2001

Come sostiene il politologo Olivier Roy, si è in parte sprofondati nel nichilismo. Dalle gang messicane ai tagliagole dell’Isis, si è attinto al disagio psichico e sociale per reclutare ragazzi per i quali niente conta, neppure la vita.

D’altra parte, come sosteneva la compianta filosofa ungherese Agnes Heller, anche in Occidente si è smesso di lottare per la democrazia. Negli anni Dieci del secondo millennio, il movimento più esteso contro le disuguaglianze è stato quello di Occupy Wall Street, dove si è lanciato lo slogan: “Siamo il 99 per cento”, contro l’un per cento che detiene le ricchezze del pianeta. È proprio in questi ultimi anni, però, che il ciclone delle destre estreme e populiste si è abbattuto sulle democrazie più ricche, anche se afflitte dalla grande crisi finanziaria del 2008-2010. Con l’elezione di Donald Trump a presidente della prima potenza economica, l’avanzata di nazifascisti, suprematisti e sovranisti, i valori repubblicani hanno vacillato davanti agli occhi di tutti. Dobbiamo ricordarci – come sosteneva Heller – che le basi democratiche possono essere attaccate in ogni momento. Alle fondamenta della nostra casa dei diritti serve una manutenzione attiva.

 

L’idealismo vincerà sul nichilismo? L’analisi

Una giornalista cilena che ha lavorato per media e ong ecologiste, Andrea Nuñez, ci aiuta ad analizzare le rivolte. Avendo vissuto fra Santiago, Barcellona e Milano, spiega così l’accostamento fra bene e male nelle proteste sociali: “In tutte le grandi manifestazioni ci possono essere componenti violente. In Cile, le chiamiamo ‘lumpen’. Si tratta di settori popolari privi di coscienza sociale, a cui appartengono criminali comuni, vandali, trafficanti di droga. Approfittano del caos per compiere saccheggi, rubare o appiccare incendi. Non credono in niente, ma la risposta a questi violenti deve essere sistemica”.

Come racconta il film Joker, aggiunge Nuñez: “Non si giustifica mai la violenza, a maggior ragione contro gli innocenti. Ma è utile ricordare che si tratta di gruppi che lo Stato ha emarginato, rifiutato e che indirettamente ha contribuito a creare. In Cile (come anche ad Hong Kong e in altre zone, ndr) sta protestando, soprattutto, una cittadinanza pacifica molto estesa e variegata. Gente della classe media, studenti, pensionati, famiglie con bambini. Mentre loro si ribellavano suonando le batterie delle pentole, la polizia ha picchiato dei ragazzini di 12 anni. Questo andrebbe raccontato”.

 

La non violenza fa meno notizia della violenza. “Sì. E bisogna tenere conto dell’utilizzo – tipicamente cileno – degli infiltrati. Ci sono sempre stati fin dai tempi della dittatura: poliziotti in borghese con l’ordine di scatenare il caos. Bruciano automobili, innescano agitazioni. Li ricordo bene durante le manifestazioni degli anni Ottanta contro Pinochet”.

La fiamma dei movimenti sembrava spenta, ma la brace era ancora lì. E adesso, quindici o venti anni dopo, ci ritroviamo ancora in una “società in crisi” come scrive la giornalista Naomi Klein. Anzi, rispetto al 2001, quando fu pubblicato il suo libro “No Logo”, manifesto dei new-global, è aumentato il divario fra ricchi e poveri, e lo sfruttamento delle risorse umane e naturali. “Quindi avevamo ragione noi? Sì, ma non avevate nient’altro”, ha scritto in una celebre vignetta Mauro Biani sui fatti di Genova.

E, come ha spiegato Nuñez, i media sono responsabili nella diffusione di notizie parziali e distorte, se non false.

Monaci buddisti

A questo proposito, nel suo ultimo saggio “Il mondo in fiamme”, Naomi Klein regala un ritratto poco noto ed emblematico di Greta Thunberg, partendo dal suo disagio psichico: “Come tanti suoi colleghi, Greta ha iniziato a conoscere il cambiamento climatico quando aveva circa otto anni…ed è diventata un’ossessione […] A undici anni era gravemente depressa. Contribuivano tante cose al suo malessere, alcune legate all’essere diversa in un sistema scolastico che si aspetta che tutti gli alunni siano pressoché uguali (“Ero la ragazzina invisibile dell’ultimo banco”).

Ma c’erano anche il grande dolore e l’impotenza riguardo lo stato del pianeta, e l’inesplicabile inerzia di chi aveva il potere di combinare qualcosa di serio. Greta Thunberg smise di mangiare e parlare. Era molto malata. Alla fine le diagnosticarono un mutismo selettivo e un disordine ossessivo-compulsivo, oltre a una forma di autismo che viene chiamata sindrome di Asperger”. Ma Greta, come altri ragazzi diversi e speciali, ha trovato aiuto nella sua famiglia, quello che manca ai giovani Joker emarginati.

Da Hong Kong al Cile, il web è pieno di immagini di minorenni nelle piazze. Non erano mai stati così tanti. La scintilla dell’archetipo Greta si è trasformata in un entusiasmo incendiario, che questa volta crea e non distrugge.

 

Di Francesca Lancini per LifeGate

High Mountain Summit seeks to boost climate and disaster resilience

ottobre 29, 2019

29.10.2019 – Human Wrongs Watch

High Mountain Summit seeks to boost climate and disaster resilience

World’s Highest Peaks, Hit hard by Climate Change; the Impacts Are Cascading Down to Some of Earth’s Most Densely Populated Areas

28 October 2019 (World Meteorological OrganizationThe world’s highest peaks, ranging from the Andes to the Alps and the Third Pole to the tropics, are being hit hard by climate change, and the impacts of this are cascading down to some of Earth’s most densely populated areas. The rapidly melting mountain glaciers serve as a source of freshwater for major rivers. Those rivers are vital for humans, ecosystems, agriculture, industry and serve as a means of transportation.

Weather forecasts, climate and water management services are often inadequate, and hazards such as glacial outflows and landslides regularly destroy lives and livelihoods.

The World Meteorological Organization and a wide array of partners are therefore convening a High Mountain Summit on 29–31 October.  It will bring together more than 150 stakeholders from all over the globe to identify priority actions to support more sustainable development, disaster risk reduction and climate change adaptation both in high-mountain areas and downstream. This includes a roadmap to improve hydrometeorological services to address water and hazard impacts and management.

Mountain regions cover about a quarter of the Earth’s land surface and are home to around 1.1 billion people. They are often known as the “water towers of the world” because river basins with headwaters in the mountains supply freshwater to over half of humanity, including in the mountainous Himalaya-Hindu Kush and Tibetan Plateau region, known as the Third Pole.

The mountain cryosphere – glaciers, snow, and permafrost – are increasingly vulnerable to the effects of constantly rising global temperatures, threatening food security, freshwater supply and river transportation. Iconic peaks such as Mount Everest, Mont Blanc, Kilimanjaro and the Rocky Mountains are all impacted.

“Accelerating glacier retreat and receding ice and snow cover is perhaps the most visible sign of climate change. There has been a boost in the melting of 31 major glaciers, especially during the past two decades,” said WMO Secretary-General Petteri Taalas.

“Precipitation distribution is changing, as is the amount and seasonality of runoff in snow-dominated and glacier-fed river basins. In the short term, this may mean an increase in hazards, whilst in the long-term it is expected to lead to increasing water stress and negative impacts on agriculture, food security and energy supplies,” he said.

“Science-based hydro-meteorological observations, information and services are key to climate resilience and adaptation and to inform policy-making on the allocation and use of resources, regarding water security and risk management, at national, local, and community level,” said Mr Taalas, who will speak at the opening session of the three-day conference.

The high–level opening session features an address by Swiss Federal Councillor and Interior Minister Alain Berset. Switzerland is witnessing dramatic glacier retreat and threats to its vital winter tourism as a result of rising temperatures.

A concluding high-level segment will adopt a Call for Action.

The High Mountain Summit follows shortly after the release of the Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) Special Report on the Ocean and Cryosphere in a Changing Climate, which includes a dedicated chapter on high mountain areas.

The IPCC report said that current trends in cryosphere-related changes in high-mountain ecosystems are expected to continue and impacts to intensify. Snow cover, glaciers and permafrost are projected to continue to decline in almost all regions throughout the 21st century.

Mountain Research Initiative Executive Director Carolina Adler, a lead author of the IPCC report chapter on the changes occurring in high mountain areas, is co-chair of the High Mountain Summit. John Pomeroy, Canada Research Chair in Water Resources & Climate Change; Director, Centre for Hydrology of University of Saskatchewan, and Director, Global Water Futures Initiative, Canada., is the other co-chair.

Thematic sessions will focus on:

The summit will seek to:

  • Promote an integrated cross-sectoral approach on priority action and investments addressing impacts of climate change in high mountains.
  • Identify practical steps for improving the provision of hydrological, meteorological, climate and prediction services to optimize and cryosphere and high mountain observations and access to data, and advance scientific research.
  • Identify roadmaps for climate risk and early warning systems for mountain-specific and transboundary threats, including extreme events, glacial lake outburst floods, avalanches, permafrost thawing related risks, Foehn type wind storms, air pollution, and others.
  • Promote closer and interactive links between science and policy at all levels of governance, ensuring science-based input to policy development and long-term adaptation strategies.

Sponsors of the High Mountain Summit include the World Bank Global Facility for Disaster Reduction and Recovery and Swiss government agencies. It is co-organized by:

 

Meeting Minutes

ottobre 28, 2019

Salutiamo con gioia  il ritorno in Italia della quacchera di Pat Patfoort il 2/11 a FI: meeting minutes

“ Mio Dio, prendimi per mano, ti seguirò da brava, non farò troppa resistenza. Non mi sottrarrò a nessuna delle cose che mi verranno addosso in questa vita, cercherò di accettare tutto, e nel modo migliore . Ma concedimi di tanto in tanto un breve momento di pace. Non penserò più, nella mia ingenuità, che un simile momento debba durare in eterno, saprò anche accettare l’irrequietezza e la lotta. Il calore e la sicurezza mi piacciono, ma non mi ribellerò se mi toccherà stare al freddo purchè tu mi tenga per mano”

Etty Hillesum

La Parola di Dio non si coalizza col tumulto della sfiducia , col tumulto inferiore: al contrario, lo governa

Dietrich Bonhoeffer

* 1915 muore a Mineo (Catania) Luigi Capuana, scrittore, critico letterario e giornalista

Preghiera in favore di Pat e per tutte le persone quacchere che spiegano le tecniche della nonviolenza nel mondo

Dalla tua altezza, mio Dio, dammi intelligenza, affinché io non mi adagi e mi rinchiuda nei miei desideri. Sii tu il mio amico e il mio consigliere fedele, perchè io possa compiere ciò che è giusto.

Paul Gerhardt

Journalists must not allow themselves to be used by unscrupulous politicians

ottobre 28, 2019

28.10.2019 – Pressenza London

Journalists must not allow themselves to be used by unscrupulous politicians
Reporters with various forms of “fake news” from an 1894 illustration by Frederick Burr Opper (Image by Frederick Burr Opper, Public domain, Wikipedia)

Steven BarnettUniversity of Westminster for The Conversation

Here are three questions that anyone interested in the health of UK democracy should be asking. Should reputable political journalists allow themselves to be exploited as conduits for the unfiltered messages of political leaders? Where does accurate reporting end and uncritical stenography begin? Are the media’s big name political editors – in particular the high-profile broadcasting duo of Laura Kuenssberg on the BBC and Robert Peston on ITV – exercising proper scrutiny of a ruthless Downing Street propaganda machine, or are they victims of it?

These are important questions because – as anxieties grow about “fake news” being spread by unmoderated and unaccountable social media sites, and as the national press becomes even more vocal in its partisan reporting – our broadcasters have become the last bastion of detached information and critical analysis. Research shows that broadcast journalism is still regarded as the most trustworthy media, and those entrusted with the task of reporting on our political leaders on TV and radio bear a particularly heavy burden in febrile political times.

They are also questions that, over the past few weeks, have become more urgent as Downing Street has sought to impose its own narrative on unprecedented political turmoil. When the UK Supreme Court announced its historic decision that Johnson’s prorogation of parliament was unlawful, Kuenssberg immediately tweeted a thread from a “No 10 source” that the court had made “a serious mistake in extending its reach to these political matters”. This was not accompanied by analysis of the decision or the rationale for reaching it.

Seasoned journalists argue that the political lobby has been doing this for decades, only now it is exacerbated by the speed with which news cycles develop in the digital world. Maybe. But when Johnson and the German chancellor Angela Merkel had their now infamous telephone conversation on October 8, the Downing Street machine – and the breathless reporting that accompanied it – went into overdrive.

Sky’s Kate McCann tweeted a number 10 source as saying: “If this represents a new established position, then it means a deal is essentially impossible not just now but ever”. Other respected reporters followed suit, including the BBC’s Five Live with a faithful “a Downing Street source has told the BBC …”

It didn’t take long for veteran observers of the diplomatic scene to expose this Downing Street version of events as, to put it politely, economical with the truth. Former Irish ambassador Bobby McDonagh tweeted: “If Downing Street ‘source’ wants people to believe a fictitious account of conversation with Merkel it should avoid attributing views to her which are palpably made up.” And Tony Connelly, Irish broadcaster RTE’s experienced Europe editor, made it clear in a series of tweets that both the tone and language were completely out of character for Merkel, and that the view in Brussels was that Downing Street was kickstarting the blame game.

At this point, Twitter jokers decided to have some fun. LBC talkshow host James O’Brien tweeted: “A ‘senior Downing Street source’ has told me that the moon is, in fact, made of cheese.” Another wag followed up with “a Downing Street source has just told me I can lose a stone in a week using this one weird trick and earn 20 grand a month working from home”. And so it went, as some of the country’s most revered commentators were lampooned mercilessly for parroting the Downing Street line.

‘Dodgy stories’

It is, however, a profoundly serious problem which was brilliantly articulated by columnist Peter Oborne this week in an article for OpenDemocracy (which he said he was unable to place in a mainstream publication). Oborne described a number of worrying examples of deliberate smear campaigns being run by newspapers to discredit those who were not following the Johnson line, which were then followed up by broadcasters.

These “dodgy stories” started to appear, he said, after Johnson installed his media team in No 10. “With the prime minister’s evident encouragement these Downing Street or government sources have been spreading lies, misrepresentations, smears and falsehoods around Fleet Street and across the major TV channels. Political editors lap it all up.”

Oborne specifically targeted Kuenssberg and Peston, suggesting that they may be too compliant in their eagerness to receive “insider” information which they report without challenge. This, he wrote, is “client journalism” which “allows Downing Street to frame the story as it wants. Some allow themselves to be used as tools to smear the government’s opponents. They say goodbye to the truth.”

He subsequently appeared on Channel 4 news to repeat his allegations that since Johnson took up residence at 10 Downing Street, largely thanks to the prime minister’s senior adviser Dominic Cummings and a “group of other figures from the old Leave campaign … that a total unscrupulousness has developed” about the way they used journalists across the spectrum to present information “much of which turns out to be false”.

In his rebuttal on the same site, Peston argued that anonymous briefings have always been part of political journalism, and that the job of a conscientious reporter is “to distinguish palpable nonsense spouted by aides from information that genuinely represents the policy of the government”. Democracy is served, he wrote, “when we know how those in power think and speak”.

Preston was joined on Twitter by fellow practitioners defending their colleagues on the basis that governments have always indulged in spin, and that lobby journalists were perfectly capable of distinguishing exaggeration from downright lies.

Lies, damned lies

In the current environment, however, these arguments are increasingly unconvincing. Just as in the White House, so in Downing Street we have an embattled figurehead who is an acknowledged liar surrounded by cronies well-versed in the art of creating a political narrative that bears very little resemblance to the truth. Moreover, the time and financial pressures on journalism allow much less scope for fact-checking, thoughtful analysis, or critical appraisal of official briefings.

In an environment where the issues are complex and the politics are brutal, it is surely incumbent on those political journalists who are being relied upon by voters to guide them through their leaders’ machinations to spend more time on insights and explanations.

Print journalists have a longer history of partisan coverage and a weak regulatory framework which has never set much store by accurate reporting. Broadcast journalists, however, are immersed in a culture of impartiality and commitment to factual accuracy.


Read more:
Brexit: democracy needs journalists to be transparent about their political sources


Whatever the temptation of being first, or being singled out for exclusive access, at a time when democracy itself is under immense strain they surely owe it to their viewers to spend a little more time challenging power and a little less in knee-jerk facsimile tweets.The Conversation

Steven Barnett, Professor of Communications, University of Westminster

This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.

La quacchera Pat Patfoort a Firenze il 2 novembre con un seminario e il suo nuovo libro

ottobre 28, 2019

28.10.2019 – Firenze – Redazione Italia

Pat Patfoort a Firenze il 2 novembre con un seminario e il suo nuovo libro
Sabato 2 novembre una giornata con Pat Patfoort a Firenze, prima con un seminario introduttivo sul suo metodo di risoluzione dei conflitti e poi alle ore 18  la presentazione del libro “il piccolo albero spaventato” .
Il metodo dell’Equivalenza è illustrato nel libro Difendersi senza aggredire: la potenza della nonviolenza” scritto dall’antropologa belga Pat Patfoort che da oltre 40 anni lavora sullo sviluppo del suo metodo basato sull’analisi e la risoluzione dei conflitti. In questo incontro fiorentino, inserito all’interno del ciclo “pillole di nonviolenza” della Piccola Scuola di Pace “Gigi Ontanetti” si pretende di prendere contatto con questo  metodo e di verificare il desiderio di far partire un gruppo di autoformazione.
Il seminario si svolgerà presso  le ex baracche verdi in via degli Aceri 1 a Firenze a partire dalle ore 9.00 mentre alle 18 ci sarà, nello stesso spazio la presentazione del suo ultimo libro per bambini.
Il metodo MmE (come anche si chiama) è diffuso in molti paesi del mondo e i libri di Pat Patforort sono tradotti in molte lingue mentre il suo metodo, adatto sia a conflitti personali che sociali, è stato applicato per affrontare conflitti di grande complessità.
Al seminario è possibile iscriversi a questo link:
dove è possibile consultare anche il programma completo dei corsi previsti nell’ambito della Piccola Scuola di Pace “Gigi Ontanetti”.

Nonviolent Campaign Strategy

Learn how to plan and implement a nonviolent strategy for your campaign

Positive Peace Warrior Network

More People! More Power!! More Progress!!!

The Armchair Theologian

Disestablishmentarianism in the UK, okay?

Fronte Popolare

Organizzazione militante comunista

Quaccheri Medio Olona

Sempre antifascisti: ieri e oggi. Anche domani - creato e gestito dai quaccheri in Italia

Maurizio Benazzi

Resistenza olgiatese - Coalizione civica per l'alternativa - maurizio_benazzi@libero.it

A Friendly Letter

Chuck Fager -- Writer, Editor

ValleOlonaRespira

Basta veleni sul nostro territorio

lessicocristianoblog

Nuova alleanza: usalo come preghiera

Friends in Christ

(Primitive Quakers)

The Postmodern Quaker

An experiment in publishing by George Amoss Jr.

Partito Comunista Italiano Federazione di Varese

Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti. -- Antonio Gramsci

Quaccheri cristiani ecumenici per fare il bene

A cura del quacchero conservative Maurizio Benazzi

quaccheri e hutteriti in Italia

Io non vi chiamo più servi; perché il servo non sa quel che fa il suo signore; ma voi vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto conoscere tutte le cose che ho udite dal Padre mio (Gv 15,15)