Archive for 31 ottobre 2019

Meeting Minutes

ottobre 31, 2019

Meeting Minutes del primo novembre 2019

“…So che chi odia ha fondati motivi per farlo. Ma perché dovremmo sempre scegliere la strada più facile e a buon mercato?…Ho potuto toccare con mano come ogni atomo di odio che si aggiunge al mondo lo renda ancora più inospitale…”

Etty Hillesum

Il Corriere evidenziava stamani che l’intero centro destra italiano ha votato in Parlamento contro la mozione, astenedosi, della Senatrice Liliana Segre, sopravvissuta ai lager nazisti, contro il razzismo e l’antisemitismo. Se fra i nostri lettori ci fossero per sbaglio ci fossero sostenitori di questa TESI NEGAZIONISTA (altro che libertà di parola) sono pregati di rimuoversi da queste mailing list antifasciste. Grazie pregheremo anche per i nostri nemici, Per noi c’è una sola razza umana e non ci sono “prima gli italiani”, slogan di Salvini-Meloni consueto. Mai! Anche Hitler sosteneva  “Prima i tedeschi”, poi vennero i pogrom ecc

Se affermiamo di non poter più seguire Dio nel suo percorso perché è troppo gravoso, allora ci viene in aiuto la prossimità di Dio, la sua fedeltà e la sua forza: lì davvero riconosciamo correttamente Dio e il senso della nostra vita cristiana.

Dietrich Bonhoeffer

* Tutti i Santi (anglicani e cattolici)

* 1886 nasce a  Vienna Hermann Brock, narratore, filosofo e drammaturgo austriaco

La vita è un sogno dal quale ci si sveglia morendo.

Virginia Wolf

Preghiera per l’Italia e per gli italiani, affinché non abbraccino tesi di partiti razzisti, xenofobi, fascisti o sovranisti

Noi vediamo che molti soffrono e la loro dignità è minacciata con disprezzo e violenza.
Molte ferite non si vedono: dobbiamo saper riconoscere ciò che parla attraverso segni silenziosi.
Siamo dunque pronti a praticare la pace e la giustizia, a vivere l’amore e a portare il perdono; siamo dunque pronti a combattere guerra e violenza, nel nome dell’unico Dio!

Susanne Brandt

The invasion of N. Syria and its aftermath: Militarism and more suffering

ottobre 31, 2019

30.10.2019 – Redazione Italia

The invasion of N. Syria and its aftermath: Militarism and more suffering

by Serdar M. Değirmencioğlu

As the invasion got underway on October 9, Süleyman Soylu, the Minister of Interior was on television. Seated across several regime-friendly journalists who were very enthusiastic about the invasion, he appeared to enjoy every moment: He was grinning and posturing. His words were even more stunning.

In response to questions about the ISIS threat, he laughed: “Don’t you worry. Nothing will happen.” A journalist asked: “What if we encounter an ISIS camp, or militants? What is going to happen when they are captured? Will we take them to court? Send them back? Or annihilate them?” The minister continued, with a wide smile on his face: “Look, Europe is terrified. They are scared. The world is totally afraid of them. They have no option but to cooperate with us. Take it easy! Relax!”

The minister’s disturbing behavior was not surprising. He used to be an outspoken critic of Recep Tayyip Erdoğan, when he was heading the Democratic Party. He called him a sultan, among other things. But then he was recruited by Erdoğan and installed as Minister of the Interior in 2016. Since then, he distinguished himself with his outrageous attacks on the opposition.

The journalists did not try to clarify who the minister was referring to when he said, “They have to cooperate with us.” The minister downplayed the threat of ISIS but argued that his government had been waging a sincere effort against ISIS for years.

His words were consistent with the words of Ahmet Davutoğlu. Davutoğlu was always very gentle to ISIS. As Minister of Foreign Affairs, he referred to ISIS in August 2014 as “angry masses.” He said, on television: “ISIS might be seen as, in its core, as a radical, terrorist structure. But in it, it has Iraqi Turkmen as a considerable majority. It has Sunni Arabs, Kurds. The frustrations, the insults, all the anger created a huge reaction among masses. If Sunni Arabs were not excluded from power in Iraq, there wouldn’t be such a buildup of rage. When we told Assad that he could not rule Syria representing an ethnic minority of just 12%, that Syria belonged to all ethnic groups, he did not listen. Had he listened, none of this would have happened.”

Davutoğlu never blamed the US invasion for ISIS because AKP (Justice and Development Party) supported the invasion of Iraq. Davutoğlu was a proponent of the new-Ottomanism – of turning Turkey into a “regional power”, in effect, an imperialistic state. The invasion of Iraq and the civil war in Syria were part of his vision.

External observers wondered why Davutoğlu was trying to put a nice face on ISIS. First as Minister of Foreign Affairs and then as Prime Minister, Davutoğlu knew ISIS could serve his government’s plans. But he always denied that his regime was offering a helping hand to ISIS recruits, who were trying to reach Syria: “Those who say ISIS is being supported by Turkey are traitors. The greatest treason is to mention Turkey along with this organized structure.”

Davutoğlu was recently sacked from Erdoğan’s AKP. He now says he is willing to talk about some dirty business. But he will not tell the truth about ISIS. He was part of the regime and bears direct responsibility for the regime’s crimes against humanity.

The truth? ISIS was supported and sheltered. It was used externally and internally. Back in March 2014, three ISIS militants, recruited from Germany, Switzerland and Macedonia, were traveling by car from Syria to Istanbul with weapons, ready to stage an attack. When they were stopped in Niğde, they killed a gendarme and a police officer, and also a truck driver. The court case against them was hidden from public attention. Investigation after investigation, the regime concealed the facts from the public. ISIS militants were traveling freely in Turkey. Near the border with Syria, their presence was common knowledge. ISIS found a very welcoming host in the AKP regime.

The domestic role of ISIS became more important after June 2015 elections: HDP (Peoples’ Democratic Party) took 13% of the votes, obtained 80 seats in the parliament and AKP lost its majority. Two ISIS bomb attacks followed: The first, on 20 July in Suruç, killed 33 people. The target were socialist youth, who were about to leave for Kobane, across the border. The second, on 10 October in Ankara, targeted activists and organizations demanding peace. The attack not only killed 103 people and maimed many, but also traumatized masses. The attack also effectively maimed the political will to demand peace in Turkey and in Syria.

These attacks were part of the “strategy of death” the AKP regime put in place after the 2015 elections. The strategy meant a war in Southeastern Turkey and a silencing of the opposition across Turkey. Foreign analysts and observers have been reluctant to establish the link between ISIS and AKP’s domestic agenda. Very few ever ask why ISIS has never targetted a single AKP building, event or political figure.

Now it is time to put the pieces together. Turkey is suffering under the “strategy of death”, conceived by AKP and fully supported by the fascist MHP (Nationalist Movement Party). The one-man regime in Turkey has nothing but death to rely on. The regime is collapsing and this is it is trying more and more drastic tactics to blind masses. The invasion is not about Syria but about the survival of the regime. This is why the minister of the interior, and not the foreign minister, is promoting it.

The invasion is not due to a mad man’s action or to Trump’s irresponsible foreign policy. It is far more structural and dangerous. Human life in Turkey has no value anymore. Each death is propaganda material: Dead soldiers are cherished “martyrs”; dead Kurds mean “victory”. Just like Syrian refugees in Turkey, who are used as a threat against EU governments. The regime used ISIS to silence the domestic opposition. It will not be afraid of releasing ISIS militants from prisons to eradicate its opponents – again.

But there is more at stake. This invasion and ensuing power play by Trump and Putin are nothing but militarism. These superpowers and their militarisms are as real threat: Not only for the Kurds, but also for all those who live in Turkey, Syria and the entire region, and for the entire world. The invasion is unacceptable, no matter what Trump or Putin might say. Militarism can never usher peace. It can only perpetuate the suffering.

Italiani alla guerra globale in Niger con i soldi della cooperazione allo sviluppo

ottobre 31, 2019

30.10.2019 – Antonio Mazzeo

Italiani alla guerra globale in Niger con i soldi della cooperazione allo sviluppo
(Foto di http://www.difesa.it)

Cosa fanno le forze armate italiane in Niger? Addestrano le unità locali alla guerra globale e alla repressione delle proteste economiche e sociali. E, di tanto in tanto, distribuiscono aiuti umanitari pagati con i soldi della cooperazione allo sviluppo, sotto la supervisione delle autorità politiche e militari nigerine.

Più di un anno fa, il 15 settembre 2018, prendeva il via l’operazione MISIN (Missione Bilaterale di supporto nella Repubblica del Niger), che – come riferito dal Ministero della difesa – è “finalizzata a supportare l’apparato militare nigerino, concorrere alle attività di sorveglianza delle frontiere e rafforzare le capacità di controllo del territorio dei Paesi del G5 Sahel (Niger, Mali, Mauritania, Chad e Burkina Faso)”. Alla missione concorrono 470 militari, 130 mezzi terrestri e due aerei; MISIN opera in stretto collegamento operativo e strategico con le unità da guerra degli Stati Uniti d’America dislocate in Niger e poste sotto il controllo di US Africom, il comando per le operazioni USA nel continente africano. A guidare i reparti schierati in Niger è stato chiamato da qualche mese il generale Claudio Dei, con un ampio curriculum operativo in ambito NATO ed Ue, già in forza al Comando Militare Esercito della Sicilia.

I team addestrativi MISIN, costituiti con personale specializzato proveniente dall’Arma dei Carabinieri, dall’Esercito, dall’Aeronautica militare e dalle Forze Speciali Interforze, ha già addestrato sul campo circa 1.800 militari delle forze armate e di sicurezza nigerine. Per comprendere appieno le controverse finalità strategiche delle attività addestrative e formative condotte dai militari italiani è opportuno soffermarsi su alcune delle esercitazioni bilaterali più recenti. A metà settembre, ad esempio, presso l’area dell’Armèe de Terre della Repubblica del Niger, sono state svolte lezioni teorico-pratiche della durata di due settimane in “tecniche di combattimento a favore del battaglione paracadutisti nigerino”. Nello specifico, il Mobile Training Team dell’Esercito Italiano con personale provenente dal 186° Reggimento paracadutisti “Folgore” di Siena ha addestrato i parà nigerini a condurre specifiche azioni tattiche di attacco e difesa in ambiente boschivo non permissivo. “Gli obiettivi formativi raggiunti hanno compreso le tecniche di movimento e di occultamento, nonché quelle del colpo di mano e dell’imboscata e l’analisi dei compiti assegnati all’unità operativa e le fasi di pianificazione, organizzazione e condotta, svolte dai comandanti ai vari livelli”, spiega in una nota il Ministero della difesa italiano. “Sono stati approfonditi durante il corso anche gli aspetti relativi alla gestione dello sgombero di feriti, al first aid, alle problematiche relative agli ordigni esplosivi improvvisati”. L’attività formativa rientrava in un corso molto più ampio, della durata di nove settimane, in cui le Forze Speciali tricolori hanno anche spiegato ai militari nigerini come “operare in ambiente urbano ed in particolare nella bonifica di ambienti ristretti, tipici dei complessi abitativi” e come “maneggiare correttamente ed utilizzare le armi individuali in dotazione”. Parliamo dunque di vere e proprie tecniche di azione e combattimento in aree urbanizzate, con tanto di simulazioni di attacco e occupazione di edifici civili.

Il 25 aprile 2019, festa nazionale della liberazione dal fascismo, diciassette paracadutisti italiani della Brigata “Folgore” si sono addestrati presso il Centro d’istruzione militare di Niamey al lancio con il paracadute ad apertura automatica sia in caduta libera, insieme a cinquantacinque omologhi del Niger. “L’occasione è stato il completamento dell’iter formativo condotto dal Mobile Training Team della Missione Bilaterale di Supporto in Niger – MISIN”, spiegava lo Stato Maggiore della Difesa. “La missione MISIN ha anche supportato la controparte locale nelle attività di definizione e validazione della zona di lancio, nonché nel garantire assistenza per la pianificazione e l’organizzazione dell’attività addestrativa. Ciò è stato reso possibile anche grazie al contributo dell’Aeronautica Militare, che ha messo a disposizione un velivolo da trasporto C130 e della Brigata Paracadutisti che ha fornito l’assistenza tecnica all’aviolancio, i paracadute e tutto il materiale necessario all’esercitazione”.

Rilevante pure il contributo formativo dei Mobile Training Team dell’Arma dei Carabinieri. Sempre come riportato dall’ufficio stampa della Difesa, il 20 agosto 2019, nei centri della Gendarmeria e della Guardia Nazionale del Niger si sono svolte le cerimonie di chiusura del 3° corso di ordine pubblico e del 4° corso di tecniche investigative di base. “L’addestramento rivolto a ufficiali e sottufficiali nigerini aveva principalmente l’obiettivo di far conoscere e comprendere i problemi di ordine pubblico e le relative azioni tecnico-tattiche utilizzate per pianificare, organizzare e condurre efficacemente l’intervento antisommossa”. Addestramento dunque al contrasto e repressione delle proteste e delle lotte sociali e quasi sempre in ambiente urbano, esattamente come viene fatto dalle forze armate italiane in Kosovo, Libano, Somalia e Iraq nell’ambito delle cosiddette missioni internazionali di pace che dilapidano annualmente più di un miliardo e cento milioni di euro, ma che, di contro, consentono ai reparti d’élite di sperimentarsi nelle operazioni di controllo militare dell’ordine pubblico.

Con il bastone anche la carota: così, congiuntamente all’addestramento bellico, le forze armate italiane sono impegnate nel povero paese dell’Africa occidentale in alcuni progetti sanitari e di aiuto alla popolazione dai contorni ambigui e contraddittori. “Con la Missione in Niger sono stati raggiunti considerevoli risultati nel campo della Sanità civile e militare attraverso la donazione di oltre 70 tonnellate tra farmaci e presidi medici”, ha segnalato meno di un mese fa lo Stato maggiore della Difesa. A ciò si aggiungono la consegna al governo nigerino di attrezzature mediche e sanitarie per il valore di 167 mila euro e la decina di voli umanitari effettuati dall’Italia a partire del 24 aprile 2018 per trasportare medicinali e apparecchiature “resi disponibili grazie alla collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, le Nazioni Unite ed altre agenzie intergovernative”. Il 27 marzo 2019 l’Ambasciata d’Italia a Niamey e la Missione Bilaterale in Niger – MISIN si sono incaricate della consegna di un lotto di farmaci  raccolti e messi a disposizione dalla Fondazione Banco Farmaceutico Onlus nell’ambito di un accordo di collaborazione con il Comando Operativo di vertice Interforze (COI) e l’Ordinariato Militare, “finalizzato allo sviluppo di attività di supporto umanitario-sanitario a favore di persone in condizioni di svantaggio socio-economico nei Teatri Operativi”. Chi siano i reali beneficiari del dono lo rivelano le stesse forze armate: “i medicinali sono stati consegnati presso l’aeroporto militare di Niamey ai rappresentanti dei Ministeri della Salute Pubblica e della Difesa nigerini…”.

Il 26 aprile 2019, cioè il giorno successivo all’esercitazione dei parà italiani e nigerini a Niamey, il ministero degli Affari esteri e della cooperazione emetteva un eloquente comunicato: “A seguito dei recenti scontri in Niger nell’area di Diffa e alla luce delle richiesta di assistenza a favore della popolazione sfollata da parte delle Autorità nigerine, la Vice Ministra agli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re, ha predisposto, in collaborazione con l’Aeronautica Militare, un volo umanitario per Niamey per l’invio di beni di primo soccorso e assistenza umanitaria (tende, potabilizzatori d’acqua, generatori di elettricità, presidi igienico-sanitari) in deposito presso la Base di Pronto Intervento Umanitario delle Nazioni Unite di Brindisi”.

L’intervento veniva replicato il 3 giugno 2019, giorno successivo alla festa della Repubblica italiana: stavolta con fondi della cooperazione italiana, venivano inviati in Niger con un nuovo volo umanitario dell’Aeronautica cinque tonnellate di kit sanitari. “Il provvedimento è stato predisposto dalla Vice Ministra Emanuela Del Re, in risposta ad una richiesta delle Autorità nigerine per far fronte alla perdurante emergenza sanitaria nel paese, che si è ulteriormente aggravata a causa dei recenti episodi di violenza”. Il tono insomma è lo stesso della missione del 26 aprile, così come è confermata la provenienza dei farmaci dai depositi della Base di Pronto Intervento di Brindisi. E, per l’ennesima volta, la gestione degli aiuti italiani e ONU è affidata alle forze armate nigerine, al di fuori di ogni controllo da parte della Missione MISIN.

Ancora più grave quanto avvenuto invece lo scorso 17 settembre, quando il contingente militare in Niger ha “portato a termine” una donazione di aiuti umanitari provenienti da comuni, parrocchie, associazioni di volontariato e scuole della provincia di Salerno. “Si tratta di circa 400 colli di materiale: abbigliamento, giocattoli, cancelleria e materiale sportivo nonché alimenti a lunga conservazione”, riportano le cronache. “Il progetto – sorto sulla base di precedenti esperienze intraprese in operazioni fuori area condotte in Kosovo, Libano e Afghanistan – ha coinvolto anche gli alunni della scuola elementare di San Pietro al Tanagro che, grazie a un progetto formativo incentrato sulle condizioni di povertà in Africa e sul multiculturalismo, ha avviato un gemellaggio con due scuole materne di Niamey. Inoltre, l’associazione sportiva calcistica dello stesso comune, impegnata nel settore giovanile Under 14, ha raccolto materiale sportivo con il quale ha suggellato il gemellaggio con la squadra dei piccoli calciatori nigerini di Camp Bagaji”. Chi sono stati in quest’occasione i destinatari dei pacchi dono? “Principalmente Enti di Protezione Sociale militari che si occupano dell’assistenza agli orfani e alle vedove Caduti in servizio delle Forze Armate del Niger e della Guardia Nazionale”, aggiunge l’ufficio stampa MISIN.

Uno degli obiettivi dichiarati della cooperazione umanitaria in salsa militare in Niger non poteva non essere il sostegno alle attività anti-migrazioni irregolari. Lo scorso 16 ottobre, ad esempio, il governo italiano ha donato al governo nigerino dieci ambulanze e tre autobotti “per rafforzare le capacità delle autorità nel soccorso dei migranti e nel contrasto al traffico di esseri umani”, si legge nella nota ufficiale della Farnesina. “La donazione, resa possibile dalle risorse del Fondo Africa, è stata eseguita dal Ministero della Difesa italiano, a cui appartenevano i veicoli. La cerimonia di consegna si è volta a Niamey  alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia Marco Prencipe. I nuovi veicoli consentiranno alle autorità nigerine di ampliare il raggio d’azione delle proprie attività, a beneficio sia delle comunità locali che dei migranti in transito nel Paese”.

Mentre crolla la spesa della cooperazione allo sviluppo verso il continente africano (nel 2018 l’Italia ha destinato risorse all’Africa inferiori del 21% rispetto a quelle dell’anno precedente), l’intervento governativo viene indirizzato sempre di più solo verso quei paesi che vengono ritenuti partner fondamentali nella lotta alle migrazioni. “La politica del governo italiano verso l’Africa, nelle aree strategiche evidenziate dall’esecutivo, è concentrata alla riduzione delle partenze, principalmente attraverso l’aiuto militare al controllo del territorio e in chiave anti terrorismo”, scrive il giornalista Angelo Ferrari dell’AGI – Agenzia Italia. “Aiuto militare che spesso si concentra su paesi governati da regimi autoritari, non democratici e non in condizione di poter soddisfare i bisogni di base delle loro popolazioni”. In quest’ottica va interpretato lo stanziamento di 50 milioni di euro a favore del Niger, autorizzato nel maggio 2018 dal Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione. “In questo modo il governo nigerino potrà istituire unità speciali di controllo delle frontiere, costruire e ristrutturare posti di frontiera e realizzare un nuovo centro di accoglienza per i migranti”, ha spiegato la Farnesina. L’aiuto anti-migranti è stato diviso in tranche e condizionato alla “diminuzione dei flussi migratori verso la Libia e un aumento rimpatri dal Niger verso i Paesi di origine”.

A spiegare che proprio la guerra ai migranti e alle migrazioni sia uno degli obiettivi prioritari della Missione militare italiana in Niger è stata proprio l’allora ministra della Difesa, Elisabetta Trenta. “Lo scopo di MISIN è quello di incrementare le capacità volte al contrasto del fenomeno dei traffici illegali e delle minacce alla sicurezza, nell’ambito di uno sforzo congiunto europeo e statunitense per la stabilizzazione dell’area e il rafforzamento delle capacità di controllo del territorio da parte delle autorità nigerine e dei Paesi del G5 Sahel”, ha dichiarato la pentastellata in occasione della sua visita ufficiale a Niamey. “Quella in Niger è una missione importantissima per l’Italia poiché, nel sostenere le richieste del Governo nigerino, punta anche a frenare e ridurre il flusso incontrollato dei migranti verso il nostro Paese. Una missione perfettamente in linea con l’interesse nazionale perché in questa fase è fondamentale il supporto al Niger nella lotta al terrorismo e ai traffici illeciti, incluso quello di esseri umani”. Anti-terrorismo, migrazioni ed idrocarburi: gli interessi strategici del sistema Italia sono davvero un cocktail dal sapore esotico ed esplosivo.


Nonviolent Campaign Strategy

Learn how to plan and implement a nonviolent strategy for your campaign

Positive Peace Warrior Network

More People! More Power!! More Progress!!!

The Armchair Theologian

Disestablishmentarianism in the UK, okay?

Fronte Popolare

Organizzazione militante comunista

Quaccheri Medio Olona

Sempre antifascisti: ieri e oggi. Anche domani - creato e gestito dai quaccheri in Italia

Maurizio Benazzi

Resistenza olgiatese - Coalizione civica per l'alternativa - maurizio_benazzi@libero.it

A Friendly Letter

Chuck Fager -- Writer, Editor

ValleOlonaRespira

Basta veleni sul nostro territorio

lessicocristianoblog

Nuova alleanza: usalo come preghiera

Friends in Christ

(Primitive Quakers)

The Postmodern Quaker

An experiment in publishing by George Amoss Jr.

Partito Comunista Italiano Federazione di Varese

Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti. -- Antonio Gramsci

Quaccheri cristiani ecumenici per fare il bene

A cura del quacchero conservative Maurizio Benazzi

quaccheri e hutteriti in Italia

Io non vi chiamo più servi; perché il servo non sa quel che fa il suo signore; ma voi vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto conoscere tutte le cose che ho udite dal Padre mio (Gv 15,15)