La UE salvi il popolo cubano e SOS LBGT nella Polonia delle destre

Al Presidente del Parlamento Europeo, Onorevole David Sassoli

Con la presente intendo portare alla Sua attenzione, a nome del Partito Comunista in Italia, la grave situazione che, da oltre sessant’anni si è creata con il ‘Blocco’ commerciale, economico e finanziario imposto dagli Stati Uniti d’America nei confronti della Repubblica di Cuba.
Questo blocco ha da sempre creato un grande stato di disagio e sofferenza nei confronti di tutta la popolazione. Nel 1996 una nuova legge, la Helms-Burton, aggrava ulteriormente questo embargo, stabilendo che gli Stati Uniti ritireranno tutti i finanziamenti verso le organizzazioni internazionali che violeranno il blocco e annulleranno le importazioni verso quei paesi che effettueranno traffico commerciale con Cuba nella stessa misura delle importazioni da questi effettuate.
Risulta del tutto evidente quanto sia illegittima questa legislazione, in quanto, oltre a contribuire al mantenimento dell’economia cubana in uno stadio di povertà, viola il diritto di autodeterminazione, la libertà degli scambi economici, il divieto di non ingerenza nelle questioni di sovranità interna.
A tal fine, oltre alla mia particolare sollecitazione al suo importante ruolo nell’istituzione europea affinchè possa adoperarsi per l’interruzione di questa assoluta ingerenza negli affari di uno stato sovrano, voglio segnalare le iniziative diplomatiche che la Repubblica di Cuba ha sviluppato con l’Unione Europea per uscire da questa ingiusta situazione.

                                                                    on. Marco Rizzo

Caro Maurizio

alla vigilia delle scorse elezioni politiche, la destra polacca dichiarava le persone LGBT+ “nemiche dello stato”. Ora che hanno vinto le elezioni, ci aspetta altro odio.

Da agosto, quando abbiamo lanciato la nostra campagna, il numero di comuni polacchi che si sono dichiarati “liberi da LGBT” è più che raddoppiato. 69 comunità e centri abitati di tutto il Paese stannno dicendo ai loro connazionali e concittadini LGBT+: “Qui non siete i benvenuti. Questa non è casa vostra”.

Hanno il sostegno dei politici in carica, della stampa governativa e di alcuni vertici della potente Chiesa cattolica, per i quali le persone LGBT+ sono “pedofili” e la “peste arcobaleno” è “una minaccia per il Paese e per la famiglia”.

Maurizio, tu e oltre 58.000 altre persone avete firmato la nostra petizione. Il vostro aiuto in questa lotta, per noi, è fondamentale.

Vogliamo consegnare la petizione al più presto, ed essere più forti e convincenti possibile. Aiutaci a far girare la voce condividendola con i tuoi amici!

Condividi su Facebook

Condividi su WhatsApp

Condividi su Twitter

Grazie di far parte di All Out,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: