Archive for 7 novembre 2019

Climate crisis: 11,000 scientists foresee untold human suffering

novembre 7, 2019

07.11.2019 – Countercurrents

Climate crisis: 11,000 scientists foresee untold human suffering

by Countercurrents Collective

Governments are failing to address the climate crisis, says a new study, which is based on 40 years of data on a range of measures. Another team said: Paris carbon-cutting pledges are “too little, too late”.

The alarming assessments came a day after U.S. President Donald Trump formally notified the UN of the U.S. withdrawal from the 2015 Paris Climate Agreement, triggering concerns of how other nations might react.

The new study warns: Without deep and lasting changes, the world is facing “untold human suffering”.

The scientists say they have a moral obligation to warn of the scale of the threat.

“We declare clearly and unequivocally that planet Earth is facing a climate emergency,” it states. “To secure a sustainable future, we must change how we live. [This] entails major transformations in the ways our global society functions and interacts with natural ecosystems.”

There is no time to lose, the scientists say: “The climate crisis has arrived and is accelerating faster than most scientists expected. It is more severe than anticipated, threatening natural ecosystems and the fate of humanity.”

The statement is published in the journal BioScience (William J Ripple, Christopher Wolf, Thomas M Newsome, Phoebe Barnard, William R Moomaw, World Scientists’ Warning of a Climate Emergency, BioScience, biz088,  https://doi.org/10.1093/biosci/biz088, published: November 5, 2019) on the 40th anniversary of the first world climate conference, which was held in Geneva in 1979. The statement is a collaboration of dozens of scientists and endorsed by further 11,000 from 153 nations.

The scientists say the urgent changes needed include ending population growth, leaving fossil fuels in the ground, halting forest destruction and slashing meat eating.

The new study, released on the day that satellite data shows that last month was the warmest October on record, said: simply measuring global surface temperatures is an inadequate way of capturing the real dangers of an overheating world.

So the scientists include a range of data, which they claim represents a “suite of graphical vital signs of climate change over the past 40 years”.

These indicators include the growth of human and animal populations, per capita meat production, global tree cover loss, as well as fossil fuel consumption.

Prof William Ripple, of Oregon State University and the lead author of the statement, said he was driven to initiate it by the increase in extreme weather he was seeing. A key aim of the warning is to set out a full range of “vital sign” indicators of the causes and effects of climate breakdown, rather than only carbon emissions and surface temperature rise.

“A broader set of indicators should be monitored, including human population growth, meat consumption, tree-cover loss, energy consumption, fossil-fuel subsidies and annual economic losses to extreme weather events,” said co-author Thomas Newsome, of the University of Sydney.

Other “profoundly troubling signs from human activities” selected by the scientists include booming air passenger numbers and world GDP growth. “The climate crisis is closely linked to excessive consumption of the wealthy lifestyle,” they said.

As a result of these human activities, there are “especially disturbing” trends of increasing land and ocean temperatures, rising sea levels and extreme weather events, the scientists said: “Despite 40 years of global climate negotiations, with few exceptions, we have largely failed to address this predicament. Especially worrisome are potential irreversible climate tipping points. These climate chain reactions could cause significant disruptions to ecosystems, society, and economies, potentially making large areas of Earth uninhabitable.”

“We urge widespread use of the vital signs [to] allow policymakers and the public to understand the magnitude of the crisis, realign priorities and track progress,” the scientists said.

“You don’t need to be a rocket scientist to look at the graphs and know things are going wrong,” said Newsome. “But it is not too late.” The scientists identify some encouraging signs, including decreasing global birth rates, increasing solar and wind power and fossil fuel divestment. Rates of forest destruction in the Amazon had also been falling until a recent increase under new president Jair Bolsonaro.

Warmest ever October

The European Union (EU) has confirmed that last month was the warmest October ever registered, fast on heels of a record September and the hottest month ever in July.

Three-quarters of national commitments under the Paris climate accord to curb greenhouse gases will not even slow the accelerating pace of global warming, according to a report from five senior scientists.

“With few exceptions, the pledges of rich, middle-income and poor nations are insufficient to address climate change,” said Robert Watson, who chaired both the UN Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) and the UN’s science body for biodiversity.

Robert Watson said: “As they stand, the pledges are far too little, too late.”

Five-bell alarm

The scientists sounded a five-bell alarm in the peer-reviewed BioScience, noting that the world had failed to act on global warming despite the accumulation of evidence over 30 years.

“We declare, clearly and unequivocally, that planet Earth is facing a climate emergency,” the statement said.

“Failing to reduce emissions drastically and rapidly will result in an environmental and economic disaster,” said James McCarty, a professor of oceanography at Harvard University, and co-author of the analysis of voluntary Paris pledges to reduce carbon pollution.

Emissions of the gases warming Earth’s surface must drop 50 percent by 2030 and to “net zero” – with no additional carbon entering the atmosphere by mid-century –  if the Paris treaty’s goal of capping warming at 1.5 to 2.0 degrees Celsius is to be met, the IPCC concluded last year.

But 2018 saw unprecedented global carbon pollution of more than 41 billion tonnes, two percent higher than 2017, also a record year.

Global temperatures have increased 1 C above pre-industrial levels – enough to boost the impact of deadly heatwaves, floods and superstorms – and are on track to rise another two or three degrees by the end of the century.

Just over half of greenhouse gas (GHG) emissions from power, industry, agriculture and deforestation – the main drivers of global warming – came from four countries last year: China, the U.S., India and Russia.

Accounting for 13.1 percent of the total, the U.S. has turned its back on the Paris deal.

“China and India could say ‘damn it, we’re going to demonstrate to the world that we are climate leaders’,” Watson told AFP.

“Or they could say ‘if the U.S. is not going to do it, we’re not going to either’. It could go either way.”

China has said it will lower carbon intensity and peak emissions by about 2030.

But the size and staggering growth of its economy will likely overwhelm such marginal improvements, the scientists said.

China

At 29 percent of the global total, China alone pumps out more CO2 than the next three nations combined, though about 13 percent of those emissions are generated by exports destined for rich nations, recent research has shown.

India

India, which is ramping up both renewable energy and carbon-intensive coal-fired power, accounted for seven percent in 2018, and Russia – which has made no pledge at all – added 4.6 percent.

The efforts of the world’s top four emitters were deemed “insufficient”, according to the report.

All told, nearly three-quarters of 184 registered pledges were judged inadequate to stop climate change from continuing to accelerate in the next decade.

All but a handful are unchanged since being submitted in 2015 and 2016.

EU

Among major economic blocs, only the EU, with its 28 member states, got a passing mark.

“The EU is clearly in the lead in trying to address the climate crisis,” Watson said.

The emissions of the world’s poorest nations have been and continue to be negligible, but steps must be taken today to shape their energy futures.

“Sooner or later, they will start to grow, and we don’t want them to become dependent on cheap fossil fuel energy,” Watson noted. “They need financial and technical assistance.”

Under the Paris treaty, developing nations are to receive $100 billion annually from next year to help curb climate change and cope with its impacts.

Actions urgently needed

The scientists have set out a series of urgently needed actions, which include:

Use energy far more efficiently and apply strong carbon taxes to cut fossil fuel use.

Stabilize global population – currently growing by 200,000 people a day – using ethical approaches such as longer education for girls.

End the destruction of nature and restore forests and mangroves to absorb CO2.

Eat mostly plants and less meat, and reduce food waste.

Shift economic goals away from GDP growth.

The good news

“The good news is that such transformative change, with social and economic justice for all, promises far greater human well-being than does business as usual,” the scientists said.

The recent surge of concern was encouraging, they added, from the global school strikes to lawsuits against polluters and some nations and businesses starting to respond.

The scientists said:

“As the Alliance of World Scientists, we stand ready to assist decision-makers in a just transition to a sustainable and equitable future. We urge widespread use of vital signs, which will better allow policymakers, the private sector, and the public to understand the magnitude of this crisis, track progress, and realign priorities for alleviating climate change. The good news is that such transformative change, with social and economic justice for all, promises far greater human well-being than does business as usual. We believe that the prospects will be greatest if decision-makers and all of humanity promptly respond to this warning and declaration of a climate emergency and act to sustain life on planet Earth, our only home.”

 

Lisa, picchiata a quindici anni perché lesbica

novembre 7, 2019

03.11.2019 – Torino – Antonietta Chiodo

Lisa, picchiata a quindici anni perché lesbica
(Foto di La siete news)

Ci troviamo in una metropoli italiana, famosa per l’arte e la cultura, Torino, quindi non parleremo certo di Algeria o qualche altra città dove teoricamente il diverso desterebbe seri problemi nell’opinione pubblica a causa di credenze religiose o quant’altro. No, ci troviamo invece in una mattina di un freddo ottobre del 2019, vicino alla stazione dei treni di Porta Nuova, zona molto frequentata, soprattutto nel momento in cui la nostra piccola Lisa si affrettava all’uscita della metropolitana per raggiungere il bus 61 che l’avrebbe condotta così a scuola. Una mattina che si sarebbe dovuta svolgere come le altre, nella routine del traffico cittadino. Insomma, una mattina qualunque della classica vita di un adolescente comune nella nostra tanto aperta nazione, Lisa però è colpevole e questo la porterà a vivere una giornata diversa che non si fermerà li, perché diciamocelo… certi avvenimenti la vita te la cambiano.

Questa ragazzina si porta sulla pelle e nel DNA l’orribile colpa di essere troppo maschile nel vestire, felpe larghe da stile rap e un po’ troppo poco principessa per i nostri canoni, insomma, niente minigonna, stivaletto o tacchetto con calzetta velata, lei è colpevole di essere lesbica, colpevole di avere scelto di amare quella parte maschile che le scorre dentro senza doversene vergognare, scegliendo di amare una ragazza invece che un maschietto virile come ci viene proposto quotidianamente dagli status di bellezza odierni.

Nel nostro splendido e tanto amato paese dove si sceglie di tacere, sino a quando non si punta il dito contro il nero, il sinti o l’economia azzerata dai politici piattole dei nostri giorni, il silenzio si estende omertosamente nascondendo così l’escalation degli ultimi anni sulla violenza avvenuta per mano di italiani contro altri italiani , per la maggior parte donne e omosessuali. A meno che, la notizia non sia obbligata a fare scalpore a causa di corpi fatti a pezzi che ricordano un po’ le sceneggiature splatter di CSI New York e allora si che bisogna parlarne, perché la decenza e la follia degenerando ci costringono così a … vedere, per poi dimenticare il tutto poco dopo, ovviamente.

Abbiamo incontrato Lisa che ci racconta guardandoci con i suoi profondi occhi neri, abbassando lo sguardo a momenti alterni, uno sguardo arrabbiato ma complice di una dolcezza infinita che vorrebbe ma non riesce a nascondere, perché lei è piccola, è solo una ragazzina. Si è vista picchiare all’improvviso da uno sconosciuto, Lisa è stata violata sotto gli occhi indifferenti dei passanti alle otto del mattino, un orario importante, che fa riflettere perché è il momento in cui questa zona della città è gremita di persone che si accingono a correre verso la loro quotidianità.

Ci racconta che prima dell’aggressione i suoi capelli erano rossi, il giorno dopo ha deciso di tingerli di nero, come la notte, come il silenzio, quel silenzio che ha circondato lo squallido momento in cui uno sconosciuto si è permesso di prendere a pugni una ragazzina come se nulla fosse, dovremmo riflettere tutti e non solo nella lettura di questo articolo, ma del perché la rabbia circonda l’essere umano oggi per ciò che non rientra nei suoi canoni e di come si possa fare male a qualcuno essendo cosciente che nulla potrà probabilmente ritorcersi contro. Grazie al presidente Riccardo Zucaro di Arcigay Torino, mi sono resa conto in questi giorni di come la violenza nei confronti dell’omosessualità soprattutto femminile sia stata sottovalutata sino ad oggi, mi dona infatti numerose delucidazioni sul dilagare della Lesbofobia , inserita grazie alle numerose azioni legali e all’interesse delle associazioni per la tutela della donna nella violenza di genere. Trattasi di odio non solo nei confronti dello status femminile, ma anche della femminilità omosessuale.

Lisa, ti va di raccontarci cosa è successo?

Si, io stavo semplicemente uscendo dal treno della metro, alla fermata di Porta Nuova, quando da lontano ho udito un uomo che gridava insulti svariati, non ho pensato potessero essere diretti a me, perché non stavo facendo niente di male.

Quindi inizialmente non hai pensato di metterti in salvo?

No, ripeto, non pensavo ce l’ avesse con me. Allora ho continuato a camminare ed ho preferito non voltarmi anche se sentivo che il gridare di quest’ uomo si faceva più vicino. Ho iniziato a salire i gradini più velocemente per uscire dalla stazione e finalmente mi sono trovata sulla piazza.

In quel momento hai iniziato ad avere paura?

Si, ho sentito dentro di me una strana sensazione, come se stesse per accadere qualcosa.

Cosa è successo uscita dalla metro?

Mi ha afferrata per un braccio e mi ha costretta a girarmi, poi ha messo il suo viso quasi contro il mio gridandomi che ero vestita da maschio e che facevo schifo, gridando numerose volte lesbica di merda. Poi all’improvviso mi è arrivato un pugno in faccia ed ho visto tutto nero. Mi sono piegata su me stessa.

Qualcuno è intervenuto per aiutarti?

No.

Lui ha continuato?

Si, quando mi sono piegata ha iniziato a tirarmi pugni sul costato. Allora visto che faccio box, ho messo da parte la paura e gli ho tirato un pugno ed un gancio. Appena lo ho visto per terra anche se avevo male e non vedevo da un occhio ho iniziato a correre verso l’autobus, volevo solo andare via da quel posto il più velocemente possibile.

Se tu non fossi riuscita a difenderti hai pensato a cosa sarebbe potuto accaderti?

Non voglio pensarci. Prima di salire sul bus ho chiamato la mia amica che stava per raggiungermi, ho voluto proteggerla perché ho pensato che sarebbe potuto accaderle qualcosa. Ci siamo infatti incontrate davanti alla scuola.

Hai paura?

Si… non sono più tornata a Porta Nuova da quel giorno

Come ti senti guardando il tuo viso allo specchio in questi giorni?

L’occhio diventa ogni giorno più viola, speravo migliorasse invece è sempre peggio. Mi sento strana, non mi sento forte e fiera di me, ci ho messo anni a credere in me stessa e mi fa rabbia che uno sconosciuto possa farmi del male gratuitamente e soprattutto che riesca a smontarmi da un secondo all’altro.

Sai che non è colpa tua quello che è successo?

Avrei voluto evitarlo.

Tengo inoltre ad evidenziare che dopo questo incontro è stato fondamentale mettere Lisa in contatto con i rappresentanti dell’ Arcigay di Torino. Ricordo inoltre a chi ne avesse bisogno che vi è uno spazio esclusivo all’ interno del centro per accogliere gli adolescenti, potete mettervi in contatto con gli operatori attraverso il numero di telefono 3240483543.

Riccardo Zucaro, presidente di Arcigay Torino ci dona alcune delucidazioni di ciò che sta accadendo in Italia e nel mondo riguardo alle aggressioni per omofobia:

Da anni ormai, Arcigay Torino ha deciso di definirsi come associazione che lotta contro le discriminazioni e la violenza omo-lesbo-bi-transfobica, specificando che la lesbofobia è una specifica tipologia di violenza rivolta alle donne lesbiche in quanto donne e in quanto lesbiche (quindi si collega molto alla violenza di genere). Basti pensare che in alcuni paesi del mondo, fortemente conservatori e omofobi, esistono ancora gli stupri correttivi, agiti nei confronti di donne lesbiche, al fine di “correggere” l’orientamento sessuale (tali tipologie di violenza sono rivolte, in misura nettamente inferiore e con pratiche decisamente differenti, anche per gli uomini gay e bisessuali).

Nel 2019 solo nella città di Torino, sono accaduti i seguenti casi :

– gennaio 2019: Leonardo, 53enne residente in una casa popolare nella periferia sud della città, viene preso di mira da un gruppo di persone residenti nel suo condominio, insultato e picchiato.

luglio 2019: Cristina e Daniela si vedono imbrattati i muri e la porta di casa con svastiche e la scritta lesbiche, accompagnata da una croce. Si rivolgono ad Arcigay Torino e, insieme a un nostro legale di fiducia, portiamo a galla il fatto.

– agosto 2019: Antonio e Bruno passeggiano mano nella mano per corso Regio Parco quando, improvvisamente, vengono aggrediti da alcune persone che stazionano nel viale. L’episodio viene denunciato alle autorità e la notizia esce sui giornali nel mese scorso.

La situazione lesbofobica in Italia e nel mondo non migliora rispetto a Torino:

– maggio 2019, a Londra una coppia di ragazze viene brutalmente pestata all’ingresso della metro della città. In questo caso, si vede come la violenza di genere parte ancora prima dell’aggressione, quando il gruppo di ragazzi chiede alle due ragazze di baciarsi: al loro rifiuto, parte l’aggressione fisica. In un articolo su Vision, Elisa Manici approfondisce il caso toccando due temi (secondo me fondamentali): il patriarcato e, di seguito, l’oggettificazione sessuale delle donne lesbiche da parte degli uomini cisgender (cisgender è il contrario di transgender ndr);

– a metà ottobre, un’infermiera di Lecco trova una scritta minatoria sul suo armadietto. La notizia viene denunciata da Gaypost…


Nonviolent Campaign Strategy

Learn how to plan and implement a nonviolent strategy for your campaign

Positive Peace Warrior Network

More People! More Power!! More Progress!!!

The Armchair Theologian

Disestablishmentarianism in the UK, okay?

Fronte Popolare

Organizzazione militante comunista

Quaccheri Medio Olona

Sempre antifascisti: ieri e oggi. Anche domani - creato e gestito dai quaccheri in Italia

Maurizio Benazzi

Resistenza olgiatese - Coalizione civica per l'alternativa - maurizio_benazzi@libero.it

A Friendly Letter

Chuck Fager -- Writer, Editor

ValleOlonaRespira

Basta veleni sul nostro territorio

lessicocristianoblog

Nuova alleanza: usalo come preghiera

Friends in Christ

(Primitive Quakers)

The Postmodern Quaker

An experiment in publishing by George Amoss Jr.

Partito Comunista Italiano Federazione di Varese

Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti. -- Antonio Gramsci

Quaccheri cristiani ecumenici per fare il bene

A cura del quacchero conservative Maurizio Benazzi

quaccheri e hutteriti in Italia

Io non vi chiamo più servi; perché il servo non sa quel che fa il suo signore; ma voi vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto conoscere tutte le cose che ho udite dal Padre mio (Gv 15,15)