Archive for 13 novembre 2019

Il 73% dei cittadini di 10 Paesi europei vuole la messa al bando dei “killer robots”

novembre 13, 2019

13.11.2019 – Rete Italiana per il Disarmo

Il 73% dei cittadini di 10 Paesi europei vuole la messa al bando dei “killer robots”

Tre italiani su quattro sono contrari a queste armi. Nei prossimi giorni a Ginevra si deciderà quale percorso internazionale intraprendere per norme che vietino le armi completamente autonome.

Il 73% degli intervistati da YouGov (in un sondaggio per la “Campaign to Stop Killer Robots” in 10 differenti Paesi europei vuole che i propri governi “lavorino per un divieto internazionale sui sistemi letali di armi autonome (LAWS)”. Solo il 13% degli intervistati si dice contrario a tale divieto.

L’opinione pubblica italiana è tra quelle maggiormente a favore di una messa al bando dei “killer robots”: il 75% degli intervistati (cioè 3 italiani su 4) vorrebbero che l’Italia diventasse protagonista nella creazione di norme internazionali e solo il 12% esprime contrarietà per questa opzione (circa il 13% non esprime opinione). Un sostegno diffuso sia a livello territoriale (la messa al bando è voluta dal 77% nel Nord Ovest, dal 78% nel Centro, dal 74% nel Sud e nelle Isole, con solo una minima flessione nel Nord Est comunque al 70%) sia a livello generazionale (la richiesta di una messa al bando cresce gradualmente con l’età: dal 69% per gli under 24 al 78% per gli over 55). I risultati di questo sondaggio dimostrano una  preoccupazione per il tema in continua crescita (indagini analoghe nel 2017 e 2018 avevano visto un’opposizione ai killer robots inferiore al 60%) e in linea con quanto già evidenziato da un sondaggio approfondito e specifico condotto da IRIAD Archivio Disarmo a marzo 2019 che mostrava una contrarietà verso le armi autonome da parte del 70% degli italiani.

“Ancora una volta i dati dimostrano che l’opinione pubblica è dalla nostra parte nel chiedere la messa al bando delle armi autonome e nell’evitare che decisioni di vita o di morte siano lasciate a macchine o a qualsiasi forma di intelligenza artificiale, non in grado di assolvere a tale compito secondo principi etici e di umanità – sottolinea Francesco Vignarca coordinatore di Rete Disarmo – Dobbiamo mantenere un controllo umano significativo sull’uso della forza e chiediamo che il Governo italiano sia in prima fila nella elaborazione di norme internazionali in tale direzione”. Una richiesta che trova l’appoggio degli italiani anche al di là delle appartenenze politiche. Secondo il sondaggio appena realizzato, infatti, la richiesta di sostegno ad un percorso di messa al bando è sostenuta da oltre il 76% dell’elettorato del Movimento 5 Stelle, da oltre l’81% di quello del Partito Democratico, da circa il 75% degli elettori di Italia Viva e da ben il 91% dei simpatizzanti di Liberti e Uguali. Ma il sostegno è esplicito non solo per quanto riguarda le forze dell’attuale maggioranza governativa: anche il 65% dell’elettorato della Lega con Salvini, il 71% di quello di Fratelli d’Italia e ben l’81% dei sostenitori di Forza Italia sono a favore.

Un motivo in più per chiedere a Governo e Parlamento di agire prontamente sia a livello nazionale che internazionale.

Dal 2014 più di 90 stati si sono incontrati otto volte alla Convenzione sulle armi convenzionali (CCW) delle Nazioni Unite a Ginevra per discutere delle gravi minacce per l’umanità poste dalle armi autonome letali (LAWS) note anche come “killer robots”. Alla riunione annuale della CCW del prossimo 15 novembre, gli Stati decideranno i loro prossimi passi per far fronte alle crescenti preoccupazioni sul consentire alle macchine, piuttosto che agli umani, di prendere decisioni di vita o di morte in conflitto. Già 30 Stati hanno espresso l’intenzione di negoziare un nuovo Trattato per vietare completamente questi sistemi d’arma, mentre sono decine (tra cui l’Italia) i Paesi che hanno espresso l’urgente necessità di elaborare norme per mantenere un significativo controllo umano sull’uso della forza. I colloqui diplomatici sono stati incaricati di raccomandare “opzioni” sulla risposta normativa appropriata, ma devono ancora produrne uno a causa dell’opposizione delle maggiori potenze militari, in particolare la Russia e gli Stati Uniti.

La coordinatrice internazionale della della Campaign to Stop Killer Robots (di cui fa parte anche Rete Disarmo) Mary Wareham ha dichiarato: “I nuovi risultati del sondaggio confermano ciò che abbiamo detto ai leader politici di questi Paesi europei: l’opinione pubblica sostiene fermamente la nostra richiesta di vietare i robot killer! Dunque è arrivato il momento di trasformare la retorica politica in una leadership concreta che avvidi i negoziati su un Trattato per vietare le armi completamente autonome. Una rapida azione normativa è essenziale per garantire che l’umanità mantenga un controllo significativo sull’uso della forza in conflitto”.
____________________________

Nota: il sondaggio è stato commissionato dalla “Campaign to Stop Killer Robots” e condotto da YouGov nell’ottobre 2019. Agli intervistati in dieci Stati europei è stato chiesto, “Pensi che il tuo Paese dovrebbe lavorare per un bando internazionale sulle armi autonome?”. La dimensione del campione di riferimento è stata di 1.000 intervistati (Tranne per la Germania con  2.000 e per Svizzera e Irlanda con 500).
Maggiori informazioni:
In Italia la campagna per la messa al bando delle armi completamente autonome vede tra i suoi membri la Rete Italiana per il Disarmo (RID) e l’Unione Scienziati per il Disarmo (USPID).

Spanish elections: “we’re all going to hell”

novembre 13, 2019

11.11.2019 – Barcelona, Spain – Raquel Paricio

This post is also available in: SpanishFrenchItalianCatalan

Spanish elections: “we’re all going to hell”

The bitter taste of the defeat of possible progress.

The Spanish Socialist Party has won the elections again, but has lost seats, its faithful have not supported it. Podemos, the left-wing alternative to governing with PSOE, still lost more seats.

The dream of favouring budgets that would have been the best in Spanish democracy for the majority of the population, and the triumph of a left that defeated a worn-out Partido Popular was dashed in the April elections, by not reaching a consensus between the winning forces of the left (PSOE and PODEMOS), paralyzing the country for half a year and leading it to new elections, which have worsened the results of the left and favoured the rise of the right represented by the Popular Party, but above all disadvantaged by the rise of the extreme right, represented by VOX.

The so-called (dubious) centre forces, represented by Citizens, have been the biggest losers of this new opportunity.

The fragmentation of the parties has been accentuated and the votes have been redistributed in a more territorial way, with new parties appearing representing geographical areas rather than ideologies.

The possibility of governing is greatly complicated and made more difficult than in previous elections. The weariness of fights between parties and leaderships has produced a rebound effect on citizens. 52 extreme right-wing deputies add up to too many votes to talk about future rights for the population.

Catalan independence has won a good portion of the electoral cake, the historical maximum in a general election, although it will not be represented by the increase in seats, but by votes. Despite the fact that the independentist majority has been won by the left-wing independentism, the pact with PSOE is going to be an impossible or difficult struggle between prisoners and liberties, between independentism and nationalism.

Tomorrow we should begin to talk about pacts, pacts that with the taste of a progressive defeat, return to plunge into misery the citizens’ rights for which many of us fight.

And as Colau says, “We’re all going to hell”.

Ada Colau

@AdaColau

Ninguna persona demócrata y progresista puede estar contenta hoy. La extrema derecha avanza por la incapacidad de la izquierda. Pedro, tus elecciones han fracasado. Y en general, o las izquierdas hacen un frente amplio, o nos vamos todas a la mierda

18.8K people are talking about this

“Nobody democratic and progressive can be happy today. The right wing is advancing due to the inability of the left. Pedro, your elections have failed. And in general, either the left wing parties for a wide front or we are all going to hell” Ada Colau [Barcelona’s `mayoress]


Yolanda - "Det här är mitt privata krig"

Kreativ text, annorlundaskap, dikter, bipolaritet, Aspergers syndrom, samhällsdebatt

Pioniroj de Esperanto

esplori la pasinton por antaŭenrigardi = esplorare il passato per guardare avanti

Haoyan Do

stories about English language and people in Asian communities in America and in Asia.

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Luciana Amato

Parole e disincanto

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Acquistaditutto.com

acquistionline,venditeonline,sport,casa,smartwatch,smartphone,iPhone,integratori,cucina,motori,pizza,pasta,

Giornalista Indipendente

Riproduzione Riservata - Testata Giornalistica n.168 del 20.10.2017

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

among Friends

the blog of four Quakers

Medicina, Cultura, e Legge

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie. Autore: Stefano Ligorio

Quaker Scot

Occasional thoughts from Troon and beyond

Gioia per i libri

Recensioni - Poesie - Aforismi

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.