Archive for 30 novembre 2019

Dangers and questions of the Zuckerberg era

novembre 30, 2019

30.11.2019 – Roberto Savio

This post is also available in: Italian

Dangers and questions of the Zuckerberg era

This year the Worldwide Web is thirty years old. For the first time since 1435, a citizen from Brazil could exchange their views and information with another in Finland. The Internet, the communications infrastructure for the Web is a little older. It was developed from the ARPANET, a US Defense Department project under the Advanced Research Projects Agency; the military designing it to decentralize communications in the case of a military attack. That network enabled scientists to communicate over email in universities. Then in 1989 Tim Berners-Lee at CERN in Switzerland invented the Hyperlink and the Worldwide Web (the Web) rapidly moved from scientists automating information sharing between universities and research institutions to the first Websites now available to the general public. In 2002 the first social media sites began as specialised websites. LinkedIn launched in 2003 then FaceBook in 2004, Twitter in 2006, Instagram in 2010 and so on…

My generation regarded the arrival of the Web as a great prospect for democracy. We come from the Gutenberg era, an era that in 1435 changed the world. From manuscripts drafted by monks to be read by a few people in monasteries, the invention of reusable movable type meant that in just 20 years already eight million copies of printed books went all across Europe. Among many other things it also meant the creation of information. People who heretofore had merely a scant horizon beyond their immediate surroundings, could suddenly access information about their country, and even the entire world. The first newspaper was printed in Strasbourg in 1605. From then until 1989, the world was filled with information.

Information had a very serious limit. It was a vertical structure. Just a few people sent news to a large number of recipients; there was little feedback. It wasn’t participatory, it required large startup investments, it was easily used by economic and political powers. In the Third World, the media system was part of the State. In 1976, 88% of World news flows emanated from just three countries: the US, the UK and France. International news agencies based in these three countries included Associated Press (AP), United Press International (UPI), Reuters and Agence France Press (AFP). The world’s media were dependent on their news services. Some alternative news agencies, like Inter Press Services, were able to put a dent in their monopoly. But what this Western media published, by and large was a biased window on the world.

Then came the Internet, and with it, came horizontal communication. Every receiver was also a sender. For the first time since 1435, media were no longer the only window on the world. Like-minded people could take part in social, cultural and economic interactions. This change was evident in the United Nations Woman’s World Conference in Beijing, 1995. Women created networks prior to the conference, and came with a common plan of action. Governments were not so prepared, so the Declaration of Beijing was a turning point, one which was entirely unlike the bland declarations from the previous four World Conferences. Another good example is the campaign to eliminate anti-personnel landmines, started by the Canadian activist Jody Williams in 1992. This soon blossomed into a large coalition of Non-Governmental Organizations from more than 100 countries. Under mounting pressure Norway decided to introduce the issue to the UN, where the US, China, and other manufacturers of landmines like the USSR, tried to block the debate, declaring that they would vote against it. The activists did not care, and 128 countries adopted the Mine Ban Treaty in 1997 with the US, China and the USSR voting against. A vast global movement was more powerful than the traditional role of the Security Council. The Internet had become the tool to create world coalitions.

Those are just two examples of how far the Internet could change the traditional system of Westphalian state sovereignty as defined at the Conference of Westphalia in 1648. The Internet spanned national frontiers to bring on a new era. Let’s say, for the sake of symbolism, that the Internet brought us from the Gutenberg Era, to the Zuckerberg Era, to cite the inventor of Facebook and a leading instance of what went wrong with this medium.

The Internet came upon us with an unprecedented force. It took 38 years for the radio to reach 50 million people: television took 13 years; and the Web just four years. It had a billion users in 2005, two billion in 2011, and it now has three and a half billion users, three billion of those using social media. So the two traditional pillars of power, the political system and the economic system, also had to learn how to use the Internet. The US provides a good example. All of American media (national and regional publications) involves printing 50 million copies daily. Quality newspapers — both the conservative broadsheets like the Wall Street Journal, and progressive ones like the Washington Post or the New York Times — together print ten million copies a day. Trump has sixty three million followers on Twitter; they read Trump’s tweets but don’t buy newspapers.

The Web has had two unforeseen developments. One was the dramatic reinforcement of the consumer society. Today advertising budgets are ten times larger than budgets for education, and education only lasts a few years compared with a lifetime of advertisement. With the development of social networks, people — now more consumers than citizens — have become objects for marketing goods and services, and recently also for political campaigns. All systems of information and communications extract our personal data, selling us on as consumers. Now the TV can see us while we watch it. Smartphones have become microphones that listen in on our conversations. The notion of privacy is gone. If we could access our data, we would find out that we are followed every minute of the day, even into our bedrooms. Secret algorithms form profiles of each and every one of us. Based on these profiles platforms provide us with the news, the products, and the people that these algorithms believe we will like, thus insulating us in our own bubbles. Artificial intelligence learns from the data that it accumulates. China, with 1.35 billion people, will provide its researchers with more data than Europe and United States together. The Internet has given birth to a digital extractive economy, where the raw material is no longer minerals, but we humans.

The other development that went awry is that the digital extractive economy has created unprecedented wealth.

Amazon CEO Jeff Bezos was recently divorced from his wife. In the settlement she received 36 billion dollars yet Bezos remains among the 10 richest people in the world. This is just one story from an increasingly sad reality of social injustice, where 80 of the world’s richest persons hold the same wealth as nearly three billion poor people.

A new sector is evolving, the “surveillance capitalism” sector, where money is made not from the production of good and services, but from data extracted from people. This new system exploits humans to give to the owners of this technology, a concentration of wealth, knowledge and power without precedent in history. The ability to develop facial recognition and other surveillance instruments no longer lies in the realms of science fiction. The Chinese government has already given every citizen a digital number, where all their ‘good’ and ‘bad’ behaviours converge. If a citizen goes below a level, their children will not be allowed to go to a good school, and the citizen themselves, though they may still be able to travel by train, won’t have access to planes. These technologies will soon be in use all over the planet. London town now has 627,000 surveillance cameras, one for every fourteen citizens; in Beijing it’s one for every seven.  A study conducted by The Rand Corporation estimates that by 2050, Europe too would also have one camera for every seven citizens.

The interrelationship between democracy and the Internet is now creating a belated awareness in the political system. The European Parliament has just released a study, about the negative impact of the Internet. These impacts are:

  1. Internet Addiction
    There is unanimity among doctors and sociologists that a new generation is coming, one which is very different from the previous one. Over 90% of those aged 15-24 uses the Internet, as against 11% for those over 55. Young people spend 21 hours per week on the PC, and 18 hours on a smart phone. This leaves little time for social and cultural interaction. 4.4% of European adolescents now show pathological Internet use “that affects their lives and health”. The American Academy of Psychology has officially included Internet Addiction as a new ailment. Magnetic resonance studies of those with Internet Addiction Disorder (IAD) show that they exhibit the same brain structure alterations as those who suffer from drug or alcohol addiction.
  2. Harming cognitive development
    A particular warning is given about children under two years of age. More than 20 minutes a day of screen use reduces some of their neural development. People pushed to isolation tend to develop symptoms of distress, anger, loss of control, social withdrawal, familial conflicts, and an inability to act in real life. Internet users in tests were faster than non-users at finding data, but they were less able to retain data.
  3. Information Overload
    The condition of having too much information hampers the ability to understand an issue, or to make effective decisions, an important issue for managers, consumers, and social media users. According to Microsoft, attention span for a title has gone from 12 seconds in 2000 down to 8 seconds in 2016. The attention span for reading has gone from 12 minutes to 8 minutes. Two new terms can be used: one, the ‘popping brain’, describes a brain less adept to adapt to a slower pace of real life and then there is ‘Neuroplasticity’; i.e. the ability to alter one’s behaviour after a new experience. Frequent immersion in virtual worlds can reduce neuroplasticity and also make it more difficult to adapt to the slower pace of real life. The need to compete in speed between social media channels is well known. For example Amazon estimates that one second of performance delay would cost 1.16 billion losses per year in sales.
  4. Harmful effects in knowledge and belief
    The fact that social media deliberately tends to gather together users with similar views, tastes and habits, is fragmenting society in a negative way for democracy, resulting in closed systems that don’t allow for alternative viewpoints. Adolescents no longer discuss significant subjects. They go to their virtual world, and if they come across somebody from another group, they tend to insult each other. The Internet is full of fake news and misleading information, and users have great difficulty distinguishing accurate from inaccurate information. Echo chambers appear to be far more pervasive, and may unite those with more extreme and partisan political and ideological positions, therefore undermining possibilities for civil discourse and tolerance, supporting radicalization.
  5. Harming public/private boundaries.
    The Internet blurs the distinction between the private and the public. Private life becomes public. This is especially negative for teenagers who lose the concept of privacy, for example by sending private photos across the Internet. One important observation is that teenagers now get their sexual education from pornography, where women are always an object to satisfy men’s sexual phantasies. This is in turn creating a lack of respect for women, and a new generation that risk, for new reasons, returning to a patriarchal society. Group violations of teenage girls are clearly a result of this trend.
  6. Harming social relationships
    The Internet is clearly a powerful instrument to create new communities. However, when used negatively, it can also damage communities, because of the migration to Internet of many human activities such as shopping, commerce, socialising, leisure, professional activities and personal interaction. That migration creates impoverished communication, incivility and a lack of trust and commitment.
  7. Harming democracy
    The Internet has been a powerful tool for participation, and therefore for democracy. However the study notes with concern that a growing number of activities are also harmful to democracy. These include: a) The incivility of many online political discourses, b) Political and ideological polarisation, uniquely possible using the Internet. c) Misinformation, and, in particular, fake news, d) Voter manipulations through profiling based on harvested social media information. We all know what happened in the US elections with Cambridge Analytica data, gathered by Facebook, and how thousands of false web users and bots now heavily interfere in elections.

We should add to this study some other considerations. The first is that finance now is now also run by algorithms. The algorithms do not only decide when to sell or buy shares, but now also decide where to invest. The Exchange-Traded Funds (ETFs) last month reached 14,400 billion dollars in trades, more than that traded by humans. This trend will continue with the development of artificial intelligence and soon finance will become even more dehumanized.  Even when Internet users invest themselves they too will be directed by machines and algorithms.

A second consideration is that young people read less and less. Reading a book is very different to scrolling a screen. We are experiencing a progressive reduction in levels of culture. It’s not uncommon to have university students that make grammar and spelling mistakes. Let us remember that when the Internet was still new, its proponents told us: it is not important to know, rather it is important to know how to find. We are more and more dependent on search engines, learning less and less, and we are unable to connect that data in a personal holistic logical system.

There is clearly a need for regulation to reduce the negative aspects of the Internet and to reinforce positive values. The owners of social media platforms are now under increased scrutiny so they have taken the road of self-regulation. Twitter, for instance, has decided that it cannot be used for political purposes. Zuckerberg is an exponent of market myths telling us that good news will automatically prevail over fake news. Except that platforms help users to read and find only what they like, to maintain our attention, providing us what is striking, unusual and provocative. This is not a free market.

The Zuckerberg era is clearly creating an entirely different generation, very different from the generations of the Gutenberg era. This raises many questions, from privacy to freedom of expression (now in private hands), from who will regulate, what to regulate and how. A five year-old child is now very different from a Gutenberg five year-old. We are in a period of transition. The meaning of democracy is changing.

International relations are moving away from the search for common values via multilateralism, to a tide of nationalist, xenophobic and selfish views of the world. Terms like peace, cooperation, accountability, participation and transparency are becoming outdated. What is clear is that the present system is no longer sustainable. Policies disappear from debate, now referred to only as ‘politics’. Vision and paradigms are getting scarce. Over and above all of this the threat of climate change is looming; yet last year toxic emissions from the five largest countries increased by 5%. Young people are largely absent from political institutions as is shown by the vote on Brexit where only 23% of the 18-25 age group participated. At this very moment we have large demonstrations in thirteen countries all over the world. In those streets young people do participate, frequently demonstrating rage, frustration and violence. If we cannot bring back horizontal communication to the Internet and we do not free it from the commercial fracturing of young people, the future is hardly rosy. Yet as the marches against Climate Change clearly demonstrate, if young people want to change the world, values and vision will return. It is evident that the Internet can be a very powerful tool. But who will redress these failings? Will the Internet become a tool for participation? How will this be done? These are questions that political institutions, if they really care for democracy, must address as soon as possible. The Zuckerberg era must make this choice now, in a few years time it will already be too late…

 

Massimiliano Frassi, il cacciatore di pedofili

novembre 30, 2019

26.11.2019 – Antonietta Chiodo

Massimiliano Frassi, il cacciatore di pedofili
(Foto di Associazione Prometeo)

Incontrai Massimiliano Frassi per la prima volta tre anni fa, dopo avere seguito per lungo periodo l’ associazione da lui fondata dal nome Prometeo, trovai geniale una t-shirt su cui era disegnato un mirino con sotto la scritta: I am a Pedohunter ( io sono un cacciatore di pedofili), la trovai una scelta geniale e coraggiosa, una scelta che in Italia pochi avrebbero avuto l’ audacia di intraprendere. La scelta di parlare di abusi a muso duro, senza mezze misure e portare il dolore delle vittime come un fiume in piena non solo attraverso i suoi libri ma anche attraverso i media, comunque … quella maglietta d’ estate la indosso ancora.  Fu così che decisi di recarmi nella sede di Bergamo per incontrare Massimiliano e posso confermarvi che è un uomo cordiale e disponibile, ama parlare del suo lavoro  lasciando trasparire positività non solo dalle sue parole ma da ogni suo semplice gesto. Per lui ed i suoi collaboratori è fondamentale diffondere il messaggio  che poter superare il dolore dell’abuso e ricominciare una vita è possibile. Negli anni Massimiliano Frassi è stato intervistato da molti personaggi noti tra cui Maurizio Costanzo, portando con se un messaggio inequivocabile: Per andare oltre, non si deve temere mai di pronunciare la parola PEDOFILIA.

In questi giorni è impegnato in un tour in varie città d’Italia per la presentazione dei suoi ultimi libri Le mie parole contro gli abusi Nessun dolore è per sempre, gli ultimi due di una serie di  bestseller che hanno venduto quasi 200mila copie in Italia e Svizzera, “I bambini delle fogne di Bucarest” (sei edizioni, con prefazione di Maria Rita Parsi), “L’inferno degli angeli” (quattro edizioni, con prefazione di Maurizio Costanzo) “I Predatori di bambini” (primo libro in Italia a parlare anche di Chiesa e Pedofilia), “Ho conosciuto un angelo – la storia di Tommaso Onofri” (scritto con la collaborazione della mamma del piccolo Tommaso),  “Favole di Bambini e dei Loro Orchi” (Edizione I Nuovi Quindici 2009), “Il libro nero della Pedofilia” (nuova versione con capitoli inediti de I predatori di bambini) e “Perché nessuno mi crede?! Storia di Stella (edizione La Zisa – 2012) è stato promotore di una proposta di legge contro la pedofilia e tiene circa 200 conferenze all’anno (molti i corsi di formazione dai docenti alle forze dell’ordine). Molto amato dalla gente è invece da sempre duramente attaccato da movimenti pedofili italiani e stranieri. Massimiliano Frassi è stato insignito di numerosi riconoscimenti tra cui il premio Kiwanis – We Build International 2000, la medaglia della Polizia di Stato, conferitagli dal Questore di Bergamo nel 2003 e la medaglia d’oro del F.B.I., di New York nel 2004. Inoltre ha ricevuto, con la sua associazione (primo caso in Italia) il prestigioso Premio Livatino “Pro Bene Justitiae”, intitolato al noto Giudice anti-mafia. Frassi è consulente nel campo dei servizi sociali e ha collaborato con la catena Epolis da cinque anni, con degli editoriali pubblicati a cadenza settimanale sul tema dell’infanzia violata.

Con l’Associazione Prometeo ha creato il coordinamento nazionale delle vittime di abuso, che riunisce adulti che sono stati abusati da piccoli e genitori di bambini vittime di pedofilia. Inoltre con la stessa, collabora attivamente con gli organi di polizia di Scotland Yard.

 

Sei sempre molto impegnato, per te scrivere è oramai una ragione di vita…

Si, infatti siamo molto presi perché per noi questo periodo dell’anno è tra i più caotici, l’estate e il Natale sono i momenti peggiori per chi sta male, soffre il doppio. Per le altre persone possono essere giorni positivi e di aggregazione mentre per noi sono i momenti in cui le persone escono allo scoperto e chiedono aiuto.

Come mai accade proprio in questi periodi dell’anno?

Sono i giorni delle feste, quindi portano con se il concetto della famiglia, si notano più facilmente i genitori con i loro bambini  e tutti sembrano essere apparentemente felici. Inconsciamente le vittime vengono trascinate in un passato che vorrebbero lasciarsi alle spalle con tutto un carico di nostalgia, ricordando così alle vittime ciò che gli è stato rubato. Si, sono ricordi dolorosi, ma se guardiamo in positivo vengono spinti grazie a queste emozioni a chiedere finalmente aiuto ed uscire allo scoperto.

Solitamente vieni contattato dai genitori per abusi suoi propri bambini o dalle vittime oramai adulte?

In questo periodo, mi permetto di dire che forse siamo gli unici a lavorare con adulti vittime di abusi nella giovane età. Una novità degli ultimi tempi di cui siamo orgogliosi è che arrivano anche giovanissimi, quindi in un età adolescenziale e anche poco dopo i diciotto anni, dico…finalmente! Spesso accogliamo persone di settanta e ottant’anni che sono state vittime di abusi nell’infanzia trovandosi così con una vita segnata. Dobbiamo quindi comprendere la differenza che si pone lavorando con una ragazza di vent’anni con ancora una intera vita davanti e trovarsi invece a recuperare la vita di una donna che ha perso i primi settant’anni della propria esistenza, sprecandoli nel dolore. In entrambi i casi i nostri gruppi di auto aiuto sono fondamentali.

Credi sia possibile nonostante tutto rifarsi una vita?

Assolutamente si, una storia che racconto spesso narra infatti di una donna di ottantadue anni che si è impedita, per paura, di sposarsi e conseguentemente non ha mai potuto avere i figli che tanto desiderava. Puoi comprendere che se inizi un percorso a vent’anni potrai diventare madre se lo vorrai, ed è questo il messaggio vitale da fare arrivare alle vittime.

Quindi uno dei segni che si porta dentro una persona abusata maggiormente è la perdita di fiducia nel prossimo, esatto?

Assolutamente, ma non è solo la perdita di fiducia nel prossimo, visualizzando solo chi ti ha fatto del male ed ha tradito la tua fiducia, per prossimo intendiamo quel mondo completamente assente che ha scelto di voltarsi dall’altra parte, spesso anche  di fronte a dimostrazioni estreme come possono essere state un tentato suicidio, l’autolesionismo o dei segnali più silenziosi che necessitano di uno sforzo maggiore per essere tradotti. Le vittime quindi interpretano questa indifferenza classificando quello in cui viviamo in  un mondo abusante, quindi complice.

Accade spesso che le persone si voltino dall’altra parte?

Guarda, ti rispondo con una notizia battuta proprio in questi giorni, una bambina abusata per molto tempo dal patrigno ha tentato di denunciarlo personalmente svariate volte alle forze dell’ordine, le sue accuse non vennero mai prese in considerazione, lasciandola così ancora per due anni nelle grinfie del patrigno.  Questa piccina che per me è un’ eroina, impara un segreto da altri bambini che hanno usato questa metodologia, usando il telefono cellulare e mettendolo in modalità silenziosa, video riprende tutto  l’orrore che è costretta a subire. Il giorno dopo si reca nuovamente dalle forze dell’ordine con il cellulare tra le mani, immediatamente viene allontanata da quell’inferno e lui finalmente incarcerato.

Cosa pensi in merito a questa vicenda, visto che suona incredibile che una bambina si sia trasformata in un agente di polizia?

Esatto, la penso come te, infatti questo significa che il mondo non l’ha mai salvata e che quel giorno abbiamo perso tutti noi e non solo lei. La bambina si è trovata costretta a tutelarsi perché la nostra società civile non è stata in grado di proteggerla.

Lei ha rischiato anche di essere uccisa, esatto?

Esatto, perché se lui l’avesse scoperto, certamente non gliel’avrebbe fatta passare liscia e noi, per potersi salvare l’abbiamo obbligata a mettere a repentaglio la propria vita.

Il pedofilo e chi sa e tace sono per te colpevoli in egual modo?

Assolutamente si. Un individuo che sa per certo che quel bambino o quella bambina stiano subendo abusi e non interviene per fare si che li si possa salvare, la reputo rea quanto chi ha messo in atto quelle violenze. Ti dirò di più, quando gli abusi avvengono all’ interno della sfera familiare e la madre sa e non denuncia e ci capita di incontrare le vittime oramai adulte, ci rendiamo presto conto che questo è per loro il dolore più forte che si portano dentro. La delusione non si manifesta nei confronti del padre abusante perché lo segnano come pedofilo,  ma della mamma che non li ha protetti, così il dolore nel corso degli anni diviene lancinante.

Ricevete mai denunce dalle scuole?

Si. Finalmente iniziano a denunciare ed abbiamo un’attenzione maggiore nei confronti della scuola, teniamo anche dei corsi per le insegnanti, attraverso il racconto delle storie e facendoli giocare diamo così ai ragazzini gli strumenti per potersi difendere. In certi casi la scuola è fondamentale, per esempio se un bambino è isolato non avendo né parenti o amici , per legge è comunque obbligato ad andare a scuola, ecco che quella maestra o quel maestro diventano la loro scialuppa di salvataggio.

Avete dati alla mano che possano indicare una regione d’ Italia con il maggior numero di denunce per pedofilia?

Ci sono realtà dove se ne viene più a conoscenza, ad esempio ai primi posti abbiamo la Lombardia e il Veneto. Purtroppo il sud è tra gli ultimi, ma attenzione, non perché vi siano meno abusi, ma a causa dell’ omertà che risiede nell’ideologia di quei territori. In altre regioni vi è più fiducia nell’affidarsi alla legge e quindi ai tribunali. Bene chiarire che l’ omertà, partendo dalla Valle d’Aosta arrivando alla Sicilia quando si parla di pedofilia è un unico denominatore comune.

Il tuo tempo oramai è chiaro che hai scelto di dedicarlo alla lotta contro la pedofilia, ma in tutto questo, riesci ad avere una vita privata?

Adesso si, per anni ammetto non c’è stata, per costruire tutto questo mi sono donato totalmente promettendomi di non avere né rimorsi né rimpianti. Non ho più vent’anni anche se  me li sento dentro e quest’anno compio anche cinquanta anni. Ho così imparato a prendere le dovute distanze, i miei tempi per ricaricarmi,  i miei silenzi, altrimenti si rischia di diventare inutili e dannosi a se stessi, perché è stupido mentire …  il male te lo porti addosso.

Qual’ è il tuo segreto per non venire inghiottito da tanto dolore?

Il mio segreto è che ho imparato a guardare ai risultati. Mi commuovo perché oggi è passata una ragazza che mi ha portato i confetti del battesimo, ti confido che questa ragazza andava da una terapeuta che le ripeteva che i bambini abusati diventano abusanti, quindi lei ha vissuto per anni con l’idea di essere una potenziale pedofila, oggi invece è madre di due gemellini meravigliosi. Questo ti ripaga di tutto.

Ci sono danni causati da terapeuti non preparati ?

Purtroppo si, perché i pazienti si ritrovano a vivere l’ennesimo abuso, quando trovano il coraggio di denunciare e chiedere aiuto ed un professionista che li cataloga come numeri. Questo è il dramma nel dramma.

Quindi chi non ha il coraggio di cambiare il terapeuta è destinato a non sperare in una vita serena?

Esattamente.

Negli ultimi anni cosa è cambiato nelle aule dei tribunali?

Ci sono ancora tantissime lacune anche se qualche passo avanti c’è stato.

Come si pongono i giudici nei confronti delle vittime?

Dipende dalla persona, c’è chi è rispettoso nei confronti di quel dolore e invece a chi di quel dolore non sa che farsene.

 

Come si pongono invece i pedofili nelle aule dei tribunali?

Non dimostrano il minimo rimorso e anzi ostentano atteggiamenti arroganti, tranne quando in casi eccezionali la vittima chiede di essere in aula contemporaneamente all’imputato per poterlo guardare dritto negli occhi. Sai cosa accade sempre? Il pedofilo abbassa lo sguardo. Quella è la più grande vittoria a cui si possa assistere.

Quanti sono i bambini che si sono tolti la vita a causa degli abusi?

Guarda, non ho una statistica ufficiale, ma ne parlavo proprio ieri con la sorella di un adolescente che si è suicidato tempo fa, per caso ha scoperto dalla madre di un amico del ragazzino che suo figlio nello stesso collegio subì abusi e lei capì da quei racconti la motivazione per cui lui fece quel gesto. La verità è che sono tantissimi, ricorrono alla morte per poter stare finalmente bene. Nelle notizie di cronaca questo viene spesso omesso, scrivono che era depresso, ma attenzione, se un bambino è stanco o depresso dobbiamo comprendere che c’è qualcosa di molto più grave a monte e che la società non ha saputo ascoltarlo. Non è possibile che nella vita di quel bambino non vi sia stato un adulto in grado di poterlo assistere o che avesse percepito cosa stesse accadendo, quindi sentendosi soli loro fuggono verso un gesto che interpretano come una liberazione.

Pericoli e domande sull’era di Zuckerberg

novembre 30, 2019

29.11.2019 – Roberto Savio

Pericoli e domande sull’era di Zuckerberg

Quest’anno Internet compie 30 anni. Alla fine degli anni ‘80 per la prima volta dal 1435, un cittadino brasiliano ha potuto finalmente scambiare le sue opinioni ed informazioni con qualcuno in Finlandia. Internet vera e propria, l’infrastruttura per la comunicazione attraverso il Web, è un po’ più vecchia: fu infatti sviluppata da ARPANET, un progetto del Dipartimento alla Difesa americano, sotto la supervisione dell’Agenzia per i Progetti di Ricerca Avanzati,  per decentrare le comunicazioni in caso di attacco militare. Questo sistema fu messo a servizio delle comunicazioni tra scienziati e università. In seguito, nel 1989, Tim Berners-Lee del CERN in Svizzera, inventò l’Hyperlink e il Web divenne pubblico.

La mia generazione ha visto l’arrivo della rete come una grande opportunità per la democrazia. Noi veniamo dall’era di Gutenberg, un’era che nel 1435 cambiò il mondo. Dai manoscritti redatti dai monaci per poche persone nei monasteri, l’invenzione dei caratteri mobili che potevano essere riutilizzati significò 8 milioni di copie di libri diffusi in tutta Europa in soli 20 anni. Tra le altre cose, significò anche la creazione dell’informazione. Le persone che prima di allora difficilmente avevano la possibilità di allargare i propri orizzonti, poterono improvvisamente avere informazioni sul loro paese ed addirittura sul mondo. Il primo giornale fu stampato a Strasburgo nel 1605 ed in seguito, fino al 1989, il mondo è stato nutrito di informazioni.

L’informazione aveva un serio limite, aveva una struttura verticale: poche persone mandavano notizie ad un largo pubblico di lettori senza feedback. La notizia non era partecipativa, aveva bisogno di ingenti investimenti, veniva facilmente usata dal potere economico o dal potere politico.

Nel Terzo Mondo il sistema dei media era parte dello stato.

Nel 1976 l’88% del flusso delle notizie mondiali veniva da tre paesi: Regno Unito, Stati Uniti e Francia, con le loro agenzie di stampa transnazionali (API, UPI, Reuter, France Press). Tutti i media del mondo dipendevano dal loro servizio di informazione. Alcune agenzie di stampa alternative, come l’Inter Press Service, erano in grado di intaccare il loro monopolio. Ma le cose che scritte dalla maggior parte dei media erano una finestra parziale sul mondo.

E poi arriva la rete e, con essa, la comunicazione orizzontale. Ogni destinatario divenne anche mittente. Per la prima volta dal 1435, i media non furono più l’unica finestra sul mondo. Le persone che la pensavano allo stesso modo potevano unirsi tra loro per organizzare azioni sociali, culturali ed economiche. Il cambiamento fu evidente nella Conferenza mondiale delle donne delle Nazioni Unite a Pechino, nel 1995.

Le donne crearono reti prima della Conferenza e presentarono un piano d’azione comune. I governi così non erano preparati e la Dichiarazione di Pechino sembrò essere una svolta, una cosa totalmente diversa dalla blanda dichiarazione delle precedenti quattro conferenze mondiali.

Un altro buon esempio fu la campagna per eliminare le mine anti-uomo, avviata dall’attivista canadese Jody Williams nel 1992. Presto si formò una grande coalizione di organizzazioni non governative, provenienti da oltre 100 paesi.

Sotto questa forte pressione, la Norvegia decise di presentare la questione delle mine alle Nazioni Unite riunite in assemblea, dove la Cina, gli USA ed altri paesi produttori di armi, come anche l’URSS, cercarono di fermare il dibattito e dichiararono voto sfavorevole.

Gli attivisti andarono avanti nella loro battaglia e nel 1997 ben 128 paesi adottarono un Trattato sul divieto delle mine con voto contrario degli Stati Uniti, della Cina e dell’URSS. Il generale movimento da parte di tutto il mondo fu più potente del tradizionale ruolo del consiglio di sicurezza. Internet fu utilizzato come strumento per creare coalizioni mondiali.

Questi sono solo due esempi di quanto la rete potrebbe cambiare il sistema tradizionale (la sovranità dello Stato fu creata alla Conferenza di Westfalia negli Stati, nel 1648). La rete superò le frontiere nazionali ed arrivarono nuove ere. Diciamo, per amor di simbolismo, che con l’arrivo di Internet siamo passati dall’era Gutenberg all’era Zuckenberg, per citare l’inventore di Facebook ed un esponente di spicco di ciò che è andato storto con il Web.

Internet è arrivato con una forza senza precedenti. Ci sono voluti 38 anni perché la radio raggiungesse 50 milioni di persone: la TV 13 anni; la rete solo quattro anni. Aveva 1 miliardo di utenti nel 2005, 2 miliardi nel 2011 e oggi ne ha 3,5 miliardi. Di questi, 3 miliardi usano i social media. Quindi i due pilastri tradizionali del potere, il sistema politico ed il sistema economico, hanno dovuto imparare ad utilizzare queste nuove forme di comunicazione. Un buon esempio sono gli Stati Uniti. Tutti i quotidiani americani, nazionali e subnazionali, stampano 50 milioni di copie al giorno. Le testate di qualità, conservatrici come il Wall Street Journal o progressiste come il WP e il NYT, stampano 10 milioni di copie al giorno. Trump ha 63 milioni di follower su Twitter, leggono i suoi tweet e non comprano i giornali.

La seconda cosa che è andata storta è l’economia digitale che ha creato ricchezza senza precedenti.

Jeff Bezos, amministratore delegato di Amazon, ha divorziato di recente da sua moglie, la quale ha ottenuto 36 miliardi di dollari, diventando una tra le 10 persone più ricche del mondo.

Qtutto ciò sta aumentando la triste realtà dell’ingiustizia sociale, in cui 80 persone hanno la stessa ricchezza di quasi 3 miliardi di persone. Ed ora sta emergendo un nuovo settore: il settore del “capitalismo della sorveglianza”, denaro realizzato non grazie alla produzione di beni e servizi, ma grazie al commercio dei dati delle persone, presi attraverso internet, un nuovo sistema che sfrutta gli esseri umani offrendo ai proprietari di questa tecnologia una concentrazione di ricchezza, conoscenza e potere senza precedenti nella storia.

La capacità di sviluppare il riconoscimento facciale ed altri strumenti di sorveglianza e controllo non sono più fantascienza. Il governo cinese ha già dato ad ogni cittadino un numero digitale, in cui vengono registrati tutti i suoi comportamenti positivi e negativi. Al di sotto di un determinato punteggio, i suoi figli non possono frequentare una buona scuola e magari lui può viaggiare soltanto in treno e non in aereo. Queste tecnologie saranno presto in uso in tutto il mondo.  La città di Londra ha ora 627.000 telecamere di sorveglianza, una ogni 14 cittadini. Pechinone ha una ogni sette. Uno studio di Rand Corporation stima che entro il 2.050, in Europa arriveremo anche ad una telecamera ogni sette cittadini.

Le relazioni tra democrazia ed Internet stanno ora creando una consapevolezza da parte del sistema politico, che arriva troppo tardi. Il Parlamento europeo ha appena pubblicato uno studio sull’impatto negativo della rete.

Tali impatti sono:

1) Dipendenza da Internet. Medici e sociologi concordano nel sostenere che la nuova generazione sia estremamente diversa dalla precedente. Oltre il 90% dei giovani tra i 15 ed i 24 anni utilizza Internet, contro l’11% degli over 55. I giovani trascorrono 21 ore settimanali sul PC e 18 ore sullo smartphone. Ciò lascia poco tempo all’interazione sociale e culturale ed il 4,4% degli adolescenti europei mostra come l’uso patologico di internet possa influenzare la loro vita e la loro salute. L’American Academy of Psychology ha ufficialmente riconosciuto la dipendenza da Internet come nuovo disturbo patologico. Le risonanze magnetiche di coloro che soffrono da dipendenza da Internet mostrano la stessa deviazione del cervello dei tossico-dipendenti o degli alcolizzati.

2) Danno allo sviluppo cognitivo. Un allarme particolare viene dato per quanto riguarda i bambini di età inferiore ai due anni. Oltre 20 minuti al giorno di schermo riducono parte del loro sviluppo neuronale. I bambini, spinte così all’isolamento, tendono a sviluppare sintomi di angoscia, rabbia, perdita di controllo, non partecipazione alla società, conflitti familiari ed incapacità di agire nella vita reale. Gli utenti di Internet sono i più veloci di tutti nell’accedere a dati e informazioni, ma sono quelli che meno ne conservano memoria.

3) Sovraccarico di informazioni. Il fatto di avere troppe informazioni ostacola la capacità di comprendere un problema o di prendere decisioni efficaci, cosa che è un limite importante per i manager che utilizzano i social media. Secondo Microsoft, l’intervallo di attenzione per il titolo di un articolo è passato da 12 secondi a 8. L’intervallo di attenzione per la lettura è passato da 12 minuti ad 8 minuti. Ora ci sono due nuovi termini che definiscono due nuove patologie: il “cervello scoppiettante” (popping brain), ovvero un cervello meno abile ad adattarsi al ritmo più lento della vita reale; la neuroplasticità: la capacità di modificare il comportamento dopo una nuova esperienza. Una forte frequentazione del mondo virtuale crea questi due handicap.

Questa necessità di competere in velocità è ben nota ai social media. Amazon stima che un secondo di ritardo nelle sue prestazioni costerebbe 1,16 miliardi di perdita all’anno nelle vendite.

4) Effetto dannoso per la conoscenza e le convinzioni. Il fatto che i social media deliberatamente tendano a riunire gli utenti con opinioni, gusti e abitudini simili, sta frammentando la società in modo negativo per la democrazia, in un sistema chiuso che non consente punti di vista alternativi. Gli adolescenti non discutono tra di loro degli argomenti importanti. Vanno nel loro mondo virtuale ed in caso incontrino qualcuno di un altro gruppo, tendono ad insultarsi a vicenda. La rete è piena di notizie false ed informazioni fuorvianti, tanto che gli utenti hanno grandi difficoltà nel distinguere informazioni accurate da informazioni inesatte. Le enclaves che si creano sembrano essere molto più pervasive e sono in grado di riunire le persone con posizioni politiche ed ideologiche più estreme e di parte, minando quindi le possibilità di dialogo e di tolleranza civili, inducendo alla radicalizzazione.

5) Annullamento dei confini tra pubblico e privato. Internet offusca la distinzione tra privato e pubblico. La vita privata diventa pubblica. Ciò è particolarmente negativo per gli adolescenti, che perdono il concetto di privacy, inviando ad esempio foto private in rete. È importante osservare che gli adolescenti di oggi ricevono la loro educazione sessuale attraverso la pornografia in rete, in cui la donna è sempre un oggetto che soddisfa la fantasia sessuale dell’uomo. Questo sta di nuovo creando mancanza di rispetto nei confronti della donna ed una nuova generazione rischia, per nuove ragioni, di tornare ad una società patriarcale. Le violenze di gruppo delle ragazze adolescenti sono chiaramente il risultato di questa tendenza.

6) Danno alle relazioni sociali. Internet è chiaramente uno strumento potente per creare nuove comunità. Tuttavia, se usato negativamente, può danneggiare le comunità stesse, a causa della migrazione sul Web di molte attività umane: shopping, commercio, socializzazione, tempo libero, attività professionali ed interazione personale. Tale migrazione crea comunicazione impoverita, inciviltà e mancanza di fiducia ed impegno.

7) Danno alla democrazia. Internet è stato uno strumento potente per la partecipazione e quindi per la democrazia. Tuttavia, gli studiosi rilevano con preoccupazione che un numero crescente di attività sono dannose. Queste includono: a) l’inciviltà di molti discorsi politici online. b) la polarizzazione politica ed ideologica, che può essere creata solo usando la rete. c) la disinformazione, in particolare ad opera delle cosiddette fake news. d) le manipolazioni degli elettori attraverso la profilazione degli stessi, messa a punto attraverso le informazioni raccolte sui social media. Sappiamo tutti cosa sia successo alle elezioni americane, attraverso l’utilizzo dei dati raccolti su Facebook da Cambridge Analytics, e di come ora migliaia di falsi siti web e robot interferiscano pesantemente nelle elezioni.

Dovremmo aggiungere a questo studio altre considerazioni. La prima è che la finanza ora è gestita anche dai logaritmi. Non solo decidono quando vendere o acquistare azioni, ma anche dove investire. Gli Exchange Trade Funds (ETF) hanno raggiunto il mese scorso 14.400 miliardi di dollari, più di ciò che è stato scambiato nei mercati dagli esseri umani con i vecchi metodi. Questa tendenza continuerà con lo sviluppo dell’intelligenza artificiale e presto la finanza diventerà ancora più disumanizzata, tanto che gli utenti di Internet che investono saranno diretti da macchine e logaritmi.

La seconda considerazione è quella per cui i giovani tendono a leggere sempre meno.

Leggere un libro è molto diverso dal far scorrere un testo sullo schermo. Stiamo riducendo progressivamente il livello culturale. Non è raro avere studenti universitari che commettono errori grammaticali e ortografici. Dobbiamo ricordarci che lo slogan pubblicitario della rete era: non è importante sapere, è importante saper trovare.

Il risultato è che dipendiamo sempre più dai motori di ricerca ed apprendiamo sempre meno dati, non essendo poi in grado di collegarli in un sistema logico, olistico, personale.

Chiaramente sono necessarie normative in grado di ridurre gli aspetti negativi di Internet e rafforzare i valori positivi, anche se i proprietari dei social media, che ora sono sotto un maggior controllo, hanno intrapreso la strada dell’autoregolamentazione. Twitter, per esempio, ha deciso di non poter essere utilizzato per scopi politici. Zuckenberg è arrivato con il solito mito del mercato e del commercio. “Le buone notizie prevarranno automaticamente sulle notizie false” sostiene il fondatore di Facebook. Il problema è che il sistema aiuta un utente a leggere e trovare solo ciò che gli piace. E per mantenere la sua attenzione, offre ciò che è sorprendente, insolito e provocatorio. Questo non è un mercato libero.

L’era Zuckenberg sta chiaramente creando una generazione completamente diversa, molto più diversa dalla precedente di quella dell’era Gutenberg. Apre molte questioni, dalla privacy alla libertà di espressione (ora in mani private), da chi regolerà e cosa. Oggi un bambino di cinque anni è molto diverso da un bambino dell’era Gutenberg. Siamo in un periodo di transizione. Il significato della democrazia sta cambiando. Le relazioni internazionali stanno passando dalla ricerca di valori comuni come nel multilateralismo, a una marea crescente di visioni del mondo nazionalistiche, xenofobe ed egoiste. Termini come pace, cooperazione, responsabilità, partecipazione, trasparenza stanno divenendo obsoleti. Ciò che è chiaro è che l’attuale sistema non è più sostenibile. Visioni e paradigmi stanno diventando scarsi. In aggiunta a tutto questo, si profila la minaccia del cambiamento climatico. Lo scorso anno le emissioni tossiche dei cinque paesi più importanti al mondo sono aumentate del 5%.

I giovani sono in gran parte lontani dalle istituzioni politiche come dimostra il voto sulla Brexit, a cui ha partecipato solo il 23% della fascia di età 18-25 anni. In questo momento abbiamo grandi manifestazioni in 13 paesi di tutto il mondo a cui i giovani partecipano, spesso con rabbia, frustrazioni e violenza. Se non riportiamo Internet alla comunicazione orizzontale e non liberiamo la rete dalla fratturazione commerciale dei giovani, il futuro non è roseo. Tuttavia, le marce per il cambiamento climatico mostrano chiaramente che se i giovani vogliono cambiare il mondo, i valori e la visione torneranno. È evidente che Internet potrebbe rappresentare uno strumento molto potente. Ma come si potrà ricorrere ad Internet come strumento di partecipazione? Questa è una domanda che le istituzioni politiche, se si preoccupassero davvero della democrazia, dovrebbero affrontare il più presto possibile. L’era Zuckenberg deve affrontare questa scelta ora, tra qualche anno sarà troppo tardi.

‘Everything Is Not Fine’: Nobel Economist Calls on Humanity to End Obsession With GDP

novembre 30, 2019

29.11.2019 – Pressenza London

‘Everything Is Not Fine’: Nobel Economist Calls on Humanity to End Obsession With GDP
Buy Nothing Day demonstration in San Francisco, November 2000 (Image by Lars Aronsson – Own work, CC SA 1.0)

“If we measure the wrong thing,” warns Joseph Stiglitz, “we will do the wrong thing.”

Nobel Prize winning economist Joseph Stiglitz is warning the world that unless the obsession many world leaders have with gross national product (GDP) comes to end, there will be little chance of adequately fighting back against the triple-threat of climate destruction, the scourge of financial inequality, and the crises of democracy now being felt around the globe.

In an op-ed published Sunday in the Guardian, Stiglitz says that these interrelated crises of environmental degradation and human suffering have solidified in his mind the idea that  “something is fundamentally wrong with the way we assess economic performance and social progress.”

“Something is fundamentally wrong with the way we assess economic performance and social progress.”—Joseph Stiglitz

Defining GDP as “the sum of the value of goods and services produced within a country over a given period,” Stiglitz points to the financial crash of 2008—and the so-called “recovery” which has taken place in the decade since—as evidence that the widely-used measurement is not up to the task of providing an accurate assessment of the economy, let alone the state of the world or the people living in it.

“It should be clear that, in spite of the increases in GDP, in spite of the 2008 crisis being well behind us, everything is not fine,” writes Stiglitz. “We see this in the political discontent rippling through so many advanced countries; we see it in the widespread support of demagogues, whose successes depend on exploiting economic discontent; and we see it in the environment around us, where fires rage and floods and droughts occur at ever-increasing intervals.”

A central argument of his new book—co-authored by fellow economists Jean-Paul Fitoussi and Martine Durand and titled “Measuring What Counts: The Global Movement for Well-Being“—Stiglitz says that studying the last ten years of the global economy has showed him with increasing clarity why governments “can and should go well beyond GDP,” especially with the climate crisis knocking down the planet’s door. He writes:

If our economy seems to be growing but that growth is not sustainable because we are destroying the environment and using up scarce natural resources, our statistics should warn us. But because GDP didn’t include resource depletion and environmental degradation, we typically get an excessively rosy picture.

These concerns have now been brought to the fore with the climate crisis. It has been three decades since the threat of climate change was first widely recognized, and matters have grown worse faster than initially expected. There have been more extreme events, greater melting of glaciers and greater natural habitat destruction.

Everything is not fine, Stiglitz argues, but says economists have been working hard on providing new ways to measure economic health. Embraced more broadly, new economic measures that include accounting for human happiness and environmental well-being could help change the course of humanity.

As he notes in the op-ed, “If we measure the wrong thing, we will do the wrong thing.”


Yolanda - "Det här är mitt privata krig"

Kreativ text, annorlundaskap, dikter, bipolaritet, Aspergers syndrom, samhällsdebatt

Pioniroj de Esperanto

esplori la pasinton por antaŭenrigardi = esplorare il passato per guardare avanti

Haoyan Do

stories about English language and people in Asian communities in America and in Asia.

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Luciana Amato

Parole e disincanto

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Acquistaditutto.com

acquistionline,venditeonline,sport,casa,smartwatch,smartphone,iPhone,integratori,cucina,motori,pizza,pasta,

Giornalista Indipendente

Riproduzione Riservata - Testata Giornalistica n.168 del 20.10.2017

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

among Friends

the blog of four Quakers

Medicina, Cultura, e Legge.

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie. Autore: Stefano Ligorio.

Quaker Scot

Occasional thoughts from Troon and beyond

Gioia per i libri

Recensioni - Poesie - Aforismi

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.