Archive for 3 dicembre 2019

La Nato nello spazio. Costi alle stelle

dicembre 3, 2019

03.12.2019 – Manlio Dinucci

La Nato nello spazio. Costi alle stelle
(Foto di Wikimedia Commons)

Si svolge a Londra, il 4 dicembre, il Consiglio Nord Atlantico dei capi di stato e di governo che celebra il 70° anniversario della Nato, definita  dal segretario generale Jens Stoltenberg  «l’alleanza di maggiore successo nella storia».

Un  «successo» innegabile. Da quando ha demolito con la guerra la Federazione Jugoslava nel 1999, la Nato si è allargata da 16 a 29 paesi (30 se ora ingloba la Macedonia), espandendosi ad Est a ridosso della Russia. «Per la prima volta nella nostra storia – sottolinea Stoltenberg  – abbiamo truppe pronte al combattimento nell’Est della nostra Alleanza».

Ma l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico è andata oltre, estendendo  le sue operazioni belliche fin sulle montagne afghane e attraverso i deserti africani e mediorientali.

Ora la Grande Alleanza mira più in alto. Al Summit di Londra – preannuncia Stoltenberg  – i leader dei 29 paesi membri «riconosceranno lo spazio quale nostro quinto campo operativo», che si aggiunge a quelli terrestre, marittimo, aereo e ciberspaziale. «Lo spazio è essenziale per il successo delle nostre operazioni», sottolinea il segretario generale lasciando intendere che la Nato svilupperà un programma militare spaziale.

Non fornisce ovviamente dettagli, informando però che la Nato ha firmato un primo contratto da 1 miliardo di dollari per modernizzare i suoi 14 aerei Awacs. Essi non sono semplici aerei-radar ma centri di comando volanti, prodotti dalla statunitense Boeing, per la gestione della battaglia attraverso i sistemi spaziali.

Certamente quasi nessuno dei leader europei (per l’Italia il premier Conte), che il 4 dicembre «riconosceranno lo spazio quale nostro quinto campo operativo», conosce il programma militare spaziale della Nato, preparato dal Pentagono e da ristretti vertici militari europei insieme alle maggiori industrie aerospaziali.

Tantomeno lo conoscono i Parlamenti che, come quello italiano, accettano a scatola chiusa qualsiasi decisione della Nato sotto comando Usa, senza preoccuparsi delle sue implicazioni politico-militari ed economiche.

La Nato viene lanciata nello spazio sulla scia del nuovo Comando spaziale creato dal Pentagono lo scorso agosto con lo scopo, dichiarato dal presidente Trump, di «assicurare che il dominio americano nello spazio non sia mai minacciato». Trump ha quindi annunciato la successiva costituzione della Forza Spaziale degli Stati Uniti, con il compito di «difendere i vitali interessi americani nello spazio, il prossimo campo di combattimento della guerra».

Russia e Cina accusano gli Usa di aprire così la via alla militarizzazione dello spazio, avvertendo di avere la capacità di rispondere. Tutto ciò accresce il pericolo di guerra nucleare.

Anche se non si conosce ancora il programma militare spaziale della Nato, una cosa è certa: esso sarà estremamente costoso. Al Summit Trump premerà sugli alleati europei perché portino la loro spesa militare al 2% o più del pil. Finora lo hanno fatto 8 paesi: Bulgaria (che l’ha portata al 3,25%, poco al di sotto del 3,42% degli Usa), Grecia, Gran Bretagna, Estonia, Romania, Lituania, Lettonia e Polonia. Gli altri, pur rimanendo al di sotto del 2%, sono impegnati ad aumentarla.

Trainata dall’enorme spesa Usa  – 730 miliardi di dollari nel 2019, oltre 10 volte quella russa – la spesa militare annua della Nato, secondo i dati ufficiali, supera i 1.000 miliardi di dollari. In realtà è più alta di quella indicata dalla Nato, poiché non comprende varie voci di carattere militare: ad esempio quella delle armi nucleari Usa, iscritta nel bilancio non del Pentagono ma del Dipartimento dell’Energia.

La spesa militare italiana, salita dal 13° all’11° posto mondiale, ammonta in termini reali a circa 25 miliardi di euro annui in aumento. Lo scorso giugno il governo Conte I vi ha aggiunto  7,2 miliardi di euro, forniti anche dal Ministero per lo sviluppo economico per l’acquisto di sistemi d’arma.  In ottobre, nell’incontro col Segretario generale della Nato, il governo Conte II si è impegnato  ad aumentarla stabilmente di circa 7 miliardi di euro annui a partire dal 2020 (La Stampa, 11 ottobre 2019).

Al Summit di Londra saranno richiesti all’Italia altri miliardi in denaro pubblico per finanziare le operazioni militari della Nato nello spazio, mentre non si trovano i soldi per mantenere in sicurezza e ricostruire i viadotti che crollano.

Quo vadis East Side Gallery?

dicembre 3, 2019

03.12.2019 – Berlin, Germany – Reto Thumiger

This post is also available in: German

Quo vadis East Side Gallery?

Despite its enormous popularity, the East Side Gallery has been neglected, left to decay, and hacked into pieces, parts sold off and the rest declared a dead museum piece. This work of art and the symbol it represents for the non-violent overcoming of walls between people and the walls in their minds still lives on, for it resonates with us and our modern needs.

In November 1989, German artist Dave Monty was inspired by an illegal painting project on a piece of wall at Potsdamer Platz and launched the art project East Side Gallery. He found himself an assistant, Christine MacLean, a Scot living in Berlin. MacLean was passionate about the project from the very beginning and as she was most likely the only applicant, got the job which came with neither a works contract nor pay.

That passion for this unique open-air gallery still burns within her today, 30 years later. When Monty retired from the project a few months later, MacLean persevered and struggled on rightly earning her the unofficial title “Mother of the East Side Gallery”.

With the permission of the border guards who were responsible for the Wall at that time, Monty and MacLean called on artists in East and West Germany to come and paint the 1.3 km long section.

There was no selection procedure, everyone was free to paint. Racist or discriminatory images were naturally not allowed to be painted. However, such images were not submitted and did not correspond to the mood of the time.

Two artists who painted at ESG, Teresa Casanueva and Sabine Kunz, sat next to MacLean and told their story at a discussion event on November 7 in the Inselgalerie. Another artist, Rosemarie Schinzler, sat in the audience. All three felt that it was a life-changing experience to have participated in this art project.

“The young artists got to know each other at the East Side Gallery and their youthful vitality formed an international community,” explained Sabine Kunz. You have to imagine that 115 artists came together in a very short time and created a 1.3 km long work of art. “Thoughts of freedom were in the air and hope of a new dawn perhaps,” Kunz concluded.

“The East Side Gallery is exactly the opposite of what this wall stood for,” Teresa Casanueva added. “Separation became connectedness, democracy and freedom. Some pictures warned or cautioned about the dangers of the future. It is the expression of this new era which is visible at the East Side Gallery, and not the past that no one wanted anymore,” Casanueva continued.

The longest open-air gallery in the world is one of the most visited places in Germany. The Berlin Senate has allowed this piece of wall to deteriorate over the years, permitted plots of land to be sold between the Wall and the Spree, and missed opportunities to buy it back. Even a loud international protest in 2013 could not prevent the luxury residential tower “Living Levels” or the monstrous complex of hotel and luxury condominiums of investor Heskel Nathaniel (Trockland Management GmbH). Both construction projects were pushed through by the Berlin Senate against the will of the majority of Berliners, even though the Berlin Denkmalschutzgesetz (Monuments and Historic Buildings Act) actually prohibits any new building if it would encroach upon the sensitivity and effective area of a historic monument. Originally, a total of 24 wall segments, i.e. approx. 3.5 pictures, were to be pulled out of the East Side Gallery, which once again shows that laws in Berlin do not apply equally to everyone. Tired of the discussion and protests about this unpleasant piece of remembrance culture, the parts of the site that had not been flogged off were transferred seamlessly to the “Stiftung Berliner Mauer” (Berlin Wall Foundation).

Some readers will perhaps at this point shrug their shoulders in resignation in view of the masses of Selfie-taking tourists.

The East Side Gallery stands for a culture of remembrance that reminds us of the “afterwards”; of euphoric days of self-conquered freedom, and not of the “before”; of land-mined no man’s land. To my knowledge, it is the only memorial in Berlin that stands for transformation. Not simply as a memorial to the crimes and sufferings of the past, but to the overcoming of oppression and suffering. It is a piece of wall that originally stood for subjugation and oppression and has turned itself into a symbol for the opposite, freedom, awakening, democracy and hope. Something that only art and the creativity of people can achieve. That is why the ESG is so unique and worth protecting, to keep alive the spirit and transformative power that we need today more than ever.

Although the “Stiftung Berliner Mauer” will make a better effort to maintain the gallery than the Berlin Senate it will also transform it into a dead museum piece where only restorers are allowed to lay their hands on it.

At the end of the evening in the Inselgalerie, through which Kathrin Schrader led with great sensitivity, Christine MacLean expressed the following:

“The Berlin Wall Foundation is an institution and it is very restricting. The ESG is unique and thus does not fit into the narrow definitions of the current monument protection laws. You could call it street art because it was art on the street, but it really isn’t, because street art is fleeting and only temporary. The ESG does not fit into any category and requires another solution that has not yet been found. In my opinion, the best solution would be a Monument to Joy. Joy, delight, was the feeling that everyone felt at that moment. And how many monuments to joy are there in the world? Isn’t it more ethical to spread joy than horror and terror?”

Politicians and institutions who want to maintain the status quo are rightly afraid of the sense of joy that can awaken the masses from their resignation and make them walk the streets, non-violently and creatively shake the foundation of the destructive and oppressive system which benefits a small minority, and continue the search for a better and more humane world.

Just because we don’t know the exact route doesn’t mean this new, more human world doesn’t exist. And the East Side Gallery reminds us of that with its paintings.

Translation from German by D. Ryan Haskill


More about the history of the East Side Gallery to the present can be found in Christine MacLean’s book Christine MacLean „Berlin East Side Gallery Berlin – Two Berlins One Wall“.

More articles about the East Side Gallery at Pressenza

COP25 Madrid: No free pass for military emissions anymore – Military is a climate killer!

dicembre 3, 2019

03.12.2019 – International Peace Bureau

This post is also available in: German

COP25 Madrid: No free pass for military emissions anymore – Military is a climate killer!

There are few activities on earth as environmentally catastrophic as waging war. One of the biggest culprits of burning oil is the military and, whenever and wherever there is a conflict or a major military exercise, the amount of oil burned increases also releasing an increased burden of smoke. War and militarism, and their associated ‘carbon boot-prints’, are severely accelerating climate change.

Regardless of what was learned about climate change through scientific research reports, little was done to include the contribution of the military to climate change or to reduce it. If we are serious on combating climate change, we need to make sure to count all carbon emissions, without having exemptions based on ‘political inconvenience’.

The military’s significant contribution to climate change has received little attention. According to a recent report from Brown University, the US military is one of the largest polluters in history, consuming more liquid fuels and emitting more climate-changing gases than many industrialized nations like Sweden or Switzerland.

This “dirty game” of not including military emissions is over!

IPB stresses the COP25 to include the military in its climate action work and to adopt provisions covering military compliance. The COP25 must include military emissions in their calculations and the CO2 emissions laundering has to stop. It should also include a blueprint to reduce military emissions.

IPB urges the State Parties to the Paris Agreement to adjust its provision to military emissions, not leaving decisions up to nation states as to which national sectors should make emissions cuts.

IPB calls for an inclusion of military greenhouse gas emission into climate change regulations. Moreover, countries need to be obliged, without exemption, to cut military emissions and transparently report them.

IPB calls for more academic studies (in line with the study from Brown University report) and an IPCC or equal special report. The report needs to be a common project of academics and the civil society.

IPB Information Paper: Military & Environment – the “carbon boot-print”

ITALIA IN PRIMA LINEA, ATTERRA A SIGONELLA IL PRIMO DRONE NATO

dicembre 3, 2019

27 NOV 2019 —

Manlio Dinucci – Il Manifesto

È atterrato nella base Usa/Nato di Sigonella in Sicilia, dopo 22 ore di volo dalla base aerea di Palmdale in California, il primo drone del sistema Ags (Alliance Ground Surveillance) della Nato, versione potenziata del drone Usa Global Hawk (Falco Globale).

Da Sigonella, principale base operativa,  questo e altri quattro aerei dello stesso tipo a pilotaggio remoto, supportati da diverse stazioni terrestri mobili, permetteranno di «sorvegliare», ossia spiare, vaste aree terrestri e marittime dal Mediterraneo all’Africa, dal Medioriente al Mar Nero.

I droni Nato teleguidati da Sigonella, in grado di volare per 16.000 km a 18.000 m di altezza, trasmetteranno alla base i dati raccolti. Questi, dopo essere stati analizzati dagli operatori di oltre 20 postazioni, verranno immessi nella rete criptata  che fa capo al Comandante Supremo Alleato in Europa, sempre un generale Usa nominato dal presidente degli Stati uniti.

Il sistema Ags, che diverrà operativo nella prima metà del 2020, sarà integrato con l’Hub di Direzione Strategica per il Sud: il centro di intelligence che, nel quartier generale Nato di Lago Patria (Napoli) sotto comando Usa, ha il compito di raccogliere e analizzare informazioni funzionali alle operazioni militari soprattutto in Africa e Medioriente.

Principale base di lancio di tali operazioni, effettuate per la maggior parte segretamente con droni da attacco e forze speciali, è quella di Sigonella, dove sono dislocati droni Usa Reaper armati di missili e bombe a guida laser e satellitare.

I droni da attacco e le forze speciali, mentre sono in azione, sono collegati, attraverso la stazione Muos di Niscemi (Caltanissetta), al sistema di comunicazioni satellitari militari ad altissima frequenza  che permette al Pentagono di controllare, attraverso la sua rete di comando e comunicazioni, droni e cacciabombardieri, sottomarini e navi da guerra, veicoli militari e reparti terrestri, mentre sono in movimento in qualsiasi parte del mondo si trovino.

Nello stesso quadro operano i 15 Predator e Reaper e gli altri droni dell’Aeronautica italiana, teleguidati dalla base di Amendola in Puglia. Anche i Reaper italiani possono essere armati di missili e bombe a guida laser per missioni di attacco.

Il sistema Ags, che potenzia il ruolo dell’Italia nella «guerra dei droni», viene realizzato con «significativi contributi» di 15 Alleati: Stati uniti, Italia, Germania, Norvegia, Danimarca, Lussemburgo, Polonia, Romania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Lituania, Slovacchia, Slovenia. Principale contrattista del sistema è la statunitense Northrop Grumman. L’italiana Leonardo fornisce due stazioni terrestri trasportabili.

Il «contributo» italiano al sistema Ags consiste, oltre che nella messa a disposizione della principale base operativa, nella compartecipazione alle spese inizialmente con oltre 210 milioni di euro. Altri 240 milioni di euro sono stati spesi per l’acquisto dei droni Predator e Reaper.

Compresi gli altri già acquistati e quelli di cui si prevede l’acquisto, la spesa italiana per i droni militari sale a circa un miliardo e mezzo di euro, cui si aggiungono i costi operativi. Pagati con denaro pubblico, nel quadro di una spesa militare che sta per passare dalla media attuale di circa 70 milioni di euro al giorno a una di circa 87 milioni di euro al giorno.

I crescenti investimenti italiani nei droni militari comportano conseguenze che vanno al di là di quelle economiche. L’uso dei droni da guerra per operazioni segrete sotto comando Usa/Nato svuota ancor più il parlamento di qualsiasi reale potere decisionale sulla politica militare e di riflesso sulla politica estera. Il recente abbattimento di un Reaper italiano (costato 20 milioni di euro), in volo sulla Libia, conferma  che l’Italia è impegnata in operazioni belliche segrete in violazione dell’Art.11 della nostra Costituzione.

——————————–

Sono state inseriti i nostri collegamenti su Wikipedia sulle pagine degli Hutteriti, di Michael Gaismar, di Albert Schweitzer, martirologio anabattista, la fede dei socialisti religiosi, Emil Fuchs e altri socialisti religiosi, la storia della Resistenza di Olgiate Olona. Non è stato possibile inserire altri link, ad esempio sul cimitero acattolico o degli inglese di Livorno ma gli internauti hanno modo di leggere un lavoro ventennale sul web nella pagine che su Google appaiono sempre come prima o seconda scelta.


Nonviolent Campaign Strategy

Learn how to plan and implement a nonviolent strategy for your campaign

Positive Peace Warrior Network

More People! More Power!! More Progress!!!

The Armchair Theologian

Disestablishmentarianism in the UK, okay?

Fronte Popolare

Organizzazione militante comunista

Quaccheri Medio Olona

Sempre antifascisti: ieri e oggi. Anche domani - creato e gestito dai quaccheri in Italia

Maurizio Benazzi

Resistenza olgiatese - Coalizione civica per l'alternativa - maurizio_benazzi@libero.it

A Friendly Letter

Chuck Fager -- Writer, Editor

ValleOlonaRespira

Basta veleni sul nostro territorio

lessicocristianoblog

Nuova alleanza: usalo come preghiera

Friends in Christ

(Primitive Quakers)

The Postmodern Quaker

An experiment in publishing by George Amoss Jr.

Partito Comunista Italiano Federazione di Varese

Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti. -- Antonio Gramsci

Quaccheri cristiani ecumenici per fare il bene

A cura del quacchero conservative Maurizio Benazzi

quaccheri e hutteriti in Italia

Io non vi chiamo più servi; perché il servo non sa quel che fa il suo signore; ma voi vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto conoscere tutte le cose che ho udite dal Padre mio (Gv 15,15)