Archive for 12 dicembre 2019

Afghanistan: 18 Years of War On Its Shoulder

dicembre 12, 2019

11.12.2019 – Cristina Mirra

This post is also available in: Italian

Afghanistan: 18 Years of War On Its Shoulder

Interview by Cristina Mirra and J Jill

Afghanistan told by Dr. Hakim who left the tranquillity of Singapore to help the Afghan people to rise again: 18 years of war, 100 million landmines, 40% of the illiterate population

Could you share with us your vision of Afghanistan as you see it presently?

On most days in Afghanistan, I’m thinking, “Humans shouldn’t have to live this way.” Sadly, I see Afghanistan as an example of how foreign and local governments should not organize society. Afghans have a proverb which says, “The river is muddy from its origins.” The current foundations of Afghan society are a ‘muddy’ copy of the profit-driven and militaristic practices of elitist global systems. Afghanistan’s environmental, economic, socio-political, educational and healthcare systems are unsustainable and breaking down. The US/NATO ‘war on terror’ in Afghanistan, waged since 2001, was a pretext, with Afghanistan ranked the worst on the Global Terrorism Index 2019 and civilian casualties reaching record numbers.

Afghans joke that, in different years, their country has been number 1 in various areas: ‘terrorism’, corruption, heroin and marijuana production, highest number of drug addicts, infant mortality, maternal mortality, largest unemployed workforce, largest protracted refugee population in the world, most air polluted city in December 2018, most depressed people, one of twenty countries most vulnerable to climate change.

So both the soil and the people of Afghanistan are have suffered psychological violence and hurting. Surviving war and poverty is a demanding daily obligation, which has imposed a heavy toll on the people’s relationships with one another. Afghans have to cope with cyclical revenge, distrust, psychological stress, grief and anger.

For many, life in Afghanistan is untenable. So, they flee. They leave to seek refuge.

But, I have hope in the estimated 64% of the Afghan populace who are below 25 years of age. Like young people across the world, I’ve seen how they choose to heal, and to live differently. The Afghan Peace Volunteers who interact with one another at the Borderfree Nonviolence Community Centre in Kabul readily and resiliently begin their journey towards nonviolent relationships and practices.

What are the fundamental issues and problems that exist in today’s Afghanistan?

The three major crises which the Afghan Peace Volunteers are trying to address in their voluntary work are: climate change and destruction of the natural world water crisis including drought, malnutrition, food insecurity, de-forestation, desertification, depletion of healthy soils and carbon sinks, the future of destructive extraction industries minerals including copper, iron, uranium, rare earth elements and fossil fuels.

Elitist-driven inequalities, including economic and socio-political inequalities: poverty, rising GINI coefficient of inequality gap, endemic corruption, farcical government of armed, religious narco-warlords who serve themselves while ignoring and trampling on “the 99%” Militarism and war international use of unaccountable violence, violence which can sometimes be psychotic, turning people from all sides of the conflict into hated, dispensable objects. Afghans sometimes describe this de-humanization as, “We’re being killed like flies.”

The fundamental issues and problems of Afghanistan and the world share the same human roots are our dysfunctional relationship with money and power.

Money has replaced food, water and shelter as the basic human need, so we are less concerned about consuming nutritious food or protecting water resources than we are about getting money.

We search for significance and meaning in life, but get distracted by the alluring ‘feel-good’ decoy of status and power, believing as individuals and as societies that attaining status and power makes us ‘successful’ human beings, when in reality, this artificial status and power places us above fellow human beings in fundamentally unequal and un-natural relationships.

In Afghanistan or impoverished, war-torn countries, this dysfunctional relationship is further complicated by the strong will to survive through acquiring money and power, often violently. Our dysfunctional relationships with the natural world and one another.

Industrialization, urbanization, materialism, commodification, digitalization and other developments have steered us away from our relationships with and care for the natural world and one another.

You have organized the youth of Afghanistan from refugee camps of yesterday to the Afghan Peace Volunteers of today.  Can you describe that journey, the hardships and achievements?

Afghans and internationals I have met in this journey have turned my life upside-down, in that I have been encouraged to focus on the essentials of life, to be the sensitive as all of us can be, and to love passionately.

I have experienced threats, psychological violence, corruption, distrust and the breakdown of family and societal ties. At various times, these challenges had ‘broken’ me, but from my ‘broken-ness’, I look for healing, clarity and composure.

I have learned from everyone about the importance of relationships, and wish to direct my life ad passions through working with the Afghan Peace Volunteers and members of the human family to further develop the science and humanities of relationships. We are developing the Relational Learning Project and Relational Learning Circles, and the next project will be an Encyclopedia of Relationships. We’re now working to establish an Institute of Nonviolence in Kabul, through which we can further develop Relational Pedagogy.

I began taking care of my emotions. I distrusted emotions because I grew up in the common ‘males-shouldn’t cry’ belief but now I can express them the way I want. I’ve seen how frail and strong we can all be. Like in Eric Fromm’s quote, “I am the criminal and the saint”.

I learned not only to think outside the box, but to live outside the box: an Australian doctor who also working among Afghan refugees in Quetta, Pakistan had this advice, “You not only have to be flexible. You have to be fluid!”

I no longer feel a need to measure achievements. Being able to walk with the Afghan Peace Volunteers along a saner in the midst of an Orwellian, heavily militarized world is fulfilling enough.

What elements in Afghan community do you appreciate most?  What are Afghan people like?

I appreciate their ‘raw’ humanity, their resilience and the value they place on relationships.

Afghans are survivors. Their survival instincts have been honed by decades of war, and while it keeps them alive, the pitfalls of this drive to survive is that some Afghans can develop a misplaced sense of entitlement, and an ugly competitiveness.

Afghans have suffered psychological violence and hurt, so can empathize, comfort and be in human solidarity with others.

You have begun The Relational Learning Project which offers participation and connection with interested educational, advocacy and activist groups around the world.  Can you give us a brief outline of the project and what you hope to achieve with the data collected?

The focus of the Relational Learning Project is to encourage the pursuit of deeper and more meaningful relationships across the world.

The Project has two components: a “Knowledge, Attitudes and Practices” online Survey, which will provide data on how participants across the world are relating with the natural world and the human family.  One-hour online conversations through Relational Learning Circles. The Survey will provide data on how participants across the world are relating with the natural world. For example, the Survey data will include participants views on including nature’s rights in a country’s laws and their views on gender differences in income. These data can help activists in their advocacy, and encourage everyone to examine and improve their environmental, economic and socio-political relationships.

The Relational Learning Circles provide a more personal opportunity for learning by conversing and relating with participants from different parts of the world.

What strategies do you use to continue striving for peace and justice in so difficult a world? 

Nurture resilient, supportive and loving community relationships. Love through nonviolent relationships is the ‘super-power’, the unseen ‘fusion atomic power’.

Individual and community healing and self-care, including care for our emotional and psycho-social health. Small, local and concrete alternatives need to be intentionally and passionately established to give avenues for another world to be ‘born’. No alternative is too small or too insignificant. No light is too little in darkness.

We continue telling each other: Never give up! Plans, programs, and even life itself often don’t work out in Afghanistan. But when things don’t work out, it shouldn’t be because we gave up.

We continue telling each other of having timeless patience. Many of the Afghan Peace Volunteers say that they are working for future generations as they don’t expect to see results in their lifetime.

We continue telling each other that we should have fun and play in our activism. This energy could be called joy. I personally tend to give this priority.

We would enjoy inquiries through our email: relationallearningproject@protonmail.com

L’Afghanistan Con 18 Anni di Guerra Addosso

dicembre 12, 2019

11.12.2019 – Cristina Mirra

Quest’articolo è disponibile anche in: Inglese

L’Afghanistan Con 18 Anni di Guerra Addosso

L’Afghanistan ha raccontato dal dott. Hakim che ha lasciato la tranquillità di Singapore per aiutare il popolo afghano a rialzarsi: 18 anni di guerra, 100 milioni di mine antiuomo, il 40% della popolazione analfabeta

Ci racconti l’Afghanistan di oggi?

Ogni giorno penso: “Gli umani non devono vivere in questo modo”. Purtroppo ritengo che l’Afghanistan sia un esempio di come gli stranieri e locali non organizzati siano organizzati dalla società. Gli afgani hanno un proverbio che dice: “Il fiume è fangoso dalle sue origini”. Le attuali basi della società afghana sono una copia “fangosa” delle pratiche militaristiche dei sistemi globali elitari e commerciali sul profitto. I sistemi ambientali, economici, socio-politici, educativi e sanitari dell’Afghanistan sono insostenibili e si sfaldano. La “guerra al terrorismo” USA / NATO in Afghanistan, condotta dal 2001 è stata un pretesto e adesso ci sono osservati in un Afghanistan classificato il peggiore sul Global Terrorism Index 2019 e vittime civili che hanno ottenuto numeri record.

Il terrorismo, la corruzione, l’eroina e la produzione di marijuana, il maggior numero di tossicodipendenti, la mortalità infantile, la mortalità materna, il più grande numero di disoccupati, il più grande numero di rifugiati per un tempo prolungato nel mondo, la maggior parte della città per l’inquinamento dell’aria, la maggior parte delle persone depresse, uno dei venti paesi più vulnerabili al cambiamento climatico …

Conseguentemente, il suolo e il popolo afghano sono gravemente debilitati e feriti. Sopravvivere alla guerra e alla povertà è un obbligo quotidiano, che ha imposto un pesante tributo ai rapporti sociali. Gli afgani devono affrontare la vendetta ciclica, la sfiducia, lo stress di vent’anni di guerra, il dolore e la rabbia.

Per molti, la vita in Afghanistan è insostenibile. Quindi, fuggono. Partono per rifugiarsi altrove.

Il 64% della popolazione afghana ha meno di 25 anni. Come i giovani di tutto il mondo, ho visto come cercano di superare le tragedie. I volontari afghani per la pace (APV) che interagiscono tra loro presso il Centro comunitario di non violenza di Kabul reagiscono con forza e resilienza nel loro viaggio verso relazioni e pratiche non violente.

Quali sono le questioni ei problemi fondamentali che riguardano nell’Afghanistan di oggi?

Le tre grandi crisi che gli APV (I Volontari di Pace Afghani) stanno cercando di affrontare nel loro lavoro volontario sono il cambiamento dell’attuale e distruzione del mondo naturale: crisi idrica tra cui siccità, malnutrizione, insicurezza alimentare, deforestazione, desertificazione, esaurimento di suoli sani e pozzi di carbonio, il futuro delle industrie di estrazione distruttiva minerali tra cui rame, ferro, uranio, elementi terrestri e combustibili fossili. Le disuguaglianze guidano dagli elitari, comprese le disuguaglianze economiche e socio-politiche: povertà, aumento del divario di disuguaglianza nel GINI, corruzione endemica, governo farsesco di signori armati e persone che si ignorano e calpestando il “99%”. Il militarismo e la guerra: uso internazionale di violenza, violenza che a volte può essere psicotica, trasformando le persone da tutte le parti del conflitto in oggetti odiati e dispensabili. Gli afgani a volte descrivono questa de-umanizzazione come: “Siamo stati uccisi come mosche”.

E i problemi fondamentali dell’Afghanistan sono gli stessi del resto del mondo, condividono le stesse radici umane. Due di queste radici sono il nostro rapporto disfunzionale con il denaro e il potere. Il denaro ha sostituito il cibo, l’immagine e un luogo dove abitare come bisogno umano, quindi siamo meno preoccupati di consumare cibo nutriente o di tutelare le risorse idriche di quanto lo siamo di ottenere denaro.

Cerchiamo il significato della vita, ma ci distraiamo dall’affascinante esca dello stato e del potere. Lasciamo gli altri ci facciano credere che gli individui e la società che raggiungono lo stato e il potere, ci renda umani umani “di successo”, quando in realtà, questo stato e potere artificiale ci sono al di sopra degli altri esseri umani nelle relazioni fondamentalmente disuguali e non naturali.

In Afghanistan, nei paesi impoveriti e dilaniati dalla guerra, questo rapporto disfunzionale è ulteriormente complicato dal forte istinto di sopravvivenza attraverso l’acquisizione di denaro e potere, spesso in modo violento.

Le nostre relazioni disfunzionali con il mondo naturale e l’un l’altro sfociano in violenza.

L’industrializzazione, l’urbanizzazione, il materialismo, la mercificazione, la digitalizzazione e altri sviluppi ci sono allontanati dai nostri rapporti e dalla cura per il mondo naturale e dell’altro.

Abbiamo organizzato i giovani dell’Afghanistan portandoli dai campi profughi di ieri al gruppo organizzato di volontari APV di oggi. Puoi descrivere quel viaggio, le difficoltà e gli obiettivi raggiunti?

Gli afgani e gli internazionalisti che ho incontrato in questo viaggio hanno capovolto la mia vita, in quanto sono incoraggiati a concentrarmi sull’essenziale della vita, ad essere l’uomo che cerca di miglioramenti e sensibile come tutti noi dobbiamo essere, e ad amare con passione.

Ho subito minacce, depressione dovuta alla guerra, corruzione e miei legami familiari e sociali si sono spezzati. In vari momenti, queste sfide mi hanno ‘distrutto’, ma dalla mia ‘distruzione’, cerco di rimanere forte.

Ho imparato da tutti quelli delle relazioni e desidero dirigere la mia vita oltre i passioni attraverso il lavoro con APV e la mia famiglia nel mondo per migliorare la scienza e l’umanità delle relazioni. Stiamo sviluppando il Progetto di Apprendimento Relazionale ei Circoli di Apprendimento Relazionale, e sto elaborando l’Enciclopedia delle Relazioni. Ora stiamo lavorando per istituire un Istituto di Nonviolenza a Kabul, attraverso il quale abbiamo organizzato la pedagogia relazionale.

Ho riscoperto e ho iniziato a prendermi cura delle mie emozioni. Mi sono allontanato dall’esprimere emozioni perché sono cresciuto nella comune credenza che ‘i maschi-non dovessero piangere’ e invece ora mi sento libero di esprimerle se, come e quando voglio. Ho visto quanto possiamo essere fragili e forti. Come nella citazione di Eric Fromm, “io sono il criminale e il santo”.

Ho imparato non solo a pensare fuori dagli schemi, ma a vivere fuori dagli schemi: un medico australiano che lavora anche tra i rifugiati afghani a Quetta, in Pakistan, mi ha dato questo consiglio: “Non solo devi essere flessibile. Devi essere fluido! “

Non sento più il bisogno di misurare i risultati raggiunti. Essere in grado di camminare con l’APV lungo un percorso più sano, in mezzo a un mondo orwelliano e fortemente militarizzato, è abbastanza appagante.

Quali elementi della comunità afghana apprezza di più? Come sono gli afghani? 

Apprezzo l’umanità “grezza”, la resilienza dell’erede e il valore che danno alle relazioni.

Gli afgani sono sopravvissuti. Il loro istinto di sopravvivenza è stato dimenticato da decenni di guerra e, mentre li mantiene in vita, le insidie ​​di questa spinta a sopravvivere porta alcuni di loro in un senso di diritto fuori luogo, e una brutta competitività.

Gli afgani sono stati devastati psicologicamente e feriti, e questo li fa empatizzare, confortare ed essere nella solidarietà umana con gli altri.

Hai iniziato il Progetto di apprendimento relazionale che offre partecipazione e connessione con i gruppi educativi, di supporto e attivisti interessati in tutto il mondo. Puoi fornirci una breve descrizione del progetto e cosa si speri di ottenere con i dati raccolti?

L’obiettivo del Progetto di apprendimento relazionale è quello di incoraggiare la ricerca di relazioni più profonde e più significative in tutto il mondo.

Il progetto ha due componenti: un sondaggio online “Conoscenza, attitudini e pratiche”, che fornirà dati su come i partecipanti in tutto il mondo sono in relazione con il mondo naturale e la famiglia umana e conversazioni online di aggiornamenti tramite Circoli di apprendimento relazionale .
Immagina di fornire dati su come i partecipanti in tutto il mondo sono in relazione con il mondo naturale e con il mondo.

Ad esempio, i dati dell’indagine includono le opinioni dei partecipanti sull’inclusione dei diritti della natura nelle leggi di un paese e le loro opinioni sulle differenze di genere.

Questi dati possono aiutare gli attivisti nella loro difesa e incoraggiare tutti a esaminare e migliorare le loro relazioni ambientali, economiche e socio-politiche.

I Circoli di Apprendimento Relazionale offrono un’opportunità più personale per imparare conversando e relazionandosi con partecipanti provenienti da diverse parti del mondo.

Quali strategie devono continuare a lottare per il ritmo e la giustizia in un mondo così difficile?

Coltivare relazioni comunitarie resilienti e amorevoli. L’amore attraverso le relazioni empatiche è il “superpotere”, l’invisibile “potenza atomica della fusione”.

Guarigione individuale e comunitaria e cura di sé, compresa la cura per la nostra salute emotiva e psico-sociale.

Le alternative che possono condurci altrove devono essere concrete e devono essere istituite intenzionalmente e con passione per osare un altro mondo di strade per “nascere”. Nessuna alternativa è troppo piccola o troppo insignificante. Nessuna luce è troppo fioca nell’oscurità.

Continuiamo a dicendoci di non rinunciare mai. I piani, i programmi e persino la vita stessa spesso non servono in Afghanistan. Ma quando le cose non servono, non dovrebbe essere perché ci siamo arresi.

Continuiamo a dire di non perdere una pazienza senza tempo. Molti dei APV dicono che stanno lavorando per le esigenze future in quanto non si aspettano di vedere i risultati nella loro vita.

Continuiamo a dire che dovremmo divertirci e giocare nel nostro attivismo. Questa energia potrebbe essere chiamata gioia. Personalmente tendo a dare questa priorità.

Altre informazioni alla posta: relationshipallearningproject@protonmail.com

Cristina Mirra e J Jill


Yolanda - "Det här är mitt privata krig"

Kreativ text, annorlundaskap, dikter, bipolaritet, Aspergers syndrom, samhällsdebatt

Pioniroj de Esperanto

esplori la pasinton por antaŭenrigardi = esplorare il passato per guardare avanti

Haoyan Do

stories about English language and people in Asian communities in America and in Asia.

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Luciana Amato

Parole e disincanto

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Acquistaditutto.com

acquistionline,venditeonline,sport,casa,smartwatch,smartphone,iPhone,integratori,cucina,motori,pizza,pasta,

Giornalista Indipendente

Riproduzione Riservata - Testata Giornalistica n.168 del 20.10.2017

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

among Friends

the blog of four Quakers

Medicina, Cultura, e Legge

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie. Autore: Stefano Ligorio

Quaker Scot

Occasional thoughts from Troon and beyond

Gioia per i libri

Recensioni - Poesie - Aforismi

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.