Filantropia e riforme sociali: seconda parte

Quaccheri e cristiani non evangelici senza chiesa

G. Fox si adoperò nella sua visita in America ; e il movimento contro l’istituto stesso della schiavitù s’iniziò fra gli Amici già nel 1657. Un secolo dopo, nella loro Assemblea annuale di Filadelfia, veniva, – per la prima volta da una Confessione cristiana, – dichiarava inconciliabile la professione cristiana con lo schiavismo.

Contro le condanne a morte pronunziate “contro ladri di bestiame, di denaro e di altre piccole cose” G. Fox protestò con vemenza presso i magistrati fin dal 1650, dopo la sua prima esperienza delle prigioni di Derby, e ancora ripetute volte in altre occasioni; e ciò in seguito a “gravi sofferenze di spirito, anzi ad un vero senso di morte” , causatagli da tale disprezzo delle vite umane. E vi associò la protesta contro le lunghe prigionie preventive e le lungaggini della giustizia, che facevano delle carceri una “scuola di corruzione”. La riforma penitenziaria doveva poi divenire…

View original post 793 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: