India, Punjab: contadini contro riforme agrarie che privilegiano le multinazionali

Quaccheri e cristiani non evangelici senza chiesa

30.11.2020-Lorenzo Poli

India, Punjab: contadini contro riforme agrarie che privilegiano le multinazionali

Il Senato (Rajya Sabha) ha approvato due provvedimenti di riforma agraria il 20 settembre; la Camera bassa (Lok Sabha) tre giorni prima. Migliaia di persone già il 22 settembre hanno organizzato proteste e blocchi stradali in Stati agricoli come Punjab, Andhra Pradesh, Kerala e Hariyana.

Dalla mattina del 6 novembre è iniziata quella che è stata chiamata “chakka jaam”: mezzo milione di contadini in India ha bloccato le principali strade in 18 stati e hanno protestato in oltre 2.500 località. A promuovere l’agitazione sono stati i leader dell’All India Kisan Sangharsh Coordination Committee (AIKSCC), la più grande organizzazione di agricoltori del paese. Secondo le agenzie di stampa, le manifestazioni con la partecipazione più rilevante sono in corso in Punjab e in Haryana.

La protesta era la prova generale della mobilitazione nazionale che si è tenuta il 26 e 27 di novembre a Delhi. “Gli agricoltori si…

View original post 450 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: