Archive for 9 gennaio 2021

Meeting Minutes del 10/1/2020

gennaio 9, 2021

Quaccheri e cristiani non evangelici senza chiesa

Meeting Minutes del 10/1/2020

Preghiera Per Patrick Zaki

Altissimu, onnipotente, bon Signore,
tue so’ le laude, la gloria e l’honore et onne benedictione.
Ad te solo, Altissimo, se konfano,
et nullu homo ène dignu te mentovare.
Laudato sie, mi’ Signore, cum tucte le tue creature,
spetialmente messor lo frate sole,
lo qual’è iorno, et allumini noi per lui.
Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore:
de te, Altissimo, porta significatione.
Laudato si’, mi’ Signore, per sora luna e le stelle:
in celu l’ài formate clarite et pretiose et belle.
Laudato si’, mi’ Signore, per frate vento
et per aere et nubilo et sereno et onne tempo,
per lo quale a le tue creature dài sustentamento.
Laudato si’, mi’ Signore, per sor’aqua,
la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.
Laudato si’, mi’ Signore, per frate focu,
per lo quale ennallumini la nocte:
ed ello è…

View original post 393 altre parole

Buon 80° compleanno, Joan Baez, quacchera e mito della mia giovinezza

gennaio 9, 2021

Quaccheri e cristiani non evangelici senza chiesa

Buon 80° compleanno, Joan Baez (nata gennaio. 9, 1941). Quacchera. Pacifista. Attivista per la pace. ambientalista. Avvocatessa anti-povertà. Attivista per i diritti civili. Attivista per i diritti dei gay. Resistente fiscale di guerra. Cantante folk. Cantautrice. Nata a Staten Island, New York.

L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta, scarpe e spazio all'aperto

View original post

Lebanon’s racism is fanning the flames of violence towards Syrian refugees

gennaio 9, 2021

Quaccheri e cristiani non evangelici senza chiesa

09.01.2021-Al Arabiya

Lebanon’s racism is fanning the flames of violence towards Syrian refugees
Frans Timmermans and Lebanese Foreign Minister Gebran Bassil.jpg (Image by Creative Commons Genérica de Atribución/Compartir-Igual 2.0)

Makram Rabah

As Lebanon celebrated Christmas, a Syrian refugee camp in Miniyeh in the north of Lebanon was attacked by a group of local youths who set fire to tents amid clashes with residents. The number of violent incidents against displaced communities living in the country has grown steadily in recent months. This has run in parallel with the public becoming apathetic to these acts, and viewing them as normal daily occurrences.

The makeshift camp houses over 375 people, and the attack highlights a worrying trend. The 1.5 million Syrian refugees based in Lebanon are increasingly targets of intimidation and violence, on the back of the country’s disastrous economic conditions.

Tensions are running high. The killing of Joseph Tawk, a Lebanese national, by a Syrian living in Bcharre, led to…

View original post 462 altre parole

Attoniti per la sentenza choc sulla strage di Viareggio

gennaio 9, 2021

Quaccheri e cristiani non evangelici senza chiesa

09.01.2021-Medicina Democratica

Madicina Democratica: attoniti per la sentenza choc sulla strage di Viareggio
(Foto di Dire)

“E’ una sentenza che ci ha lasciato attoniti, un gravissimo colpo, una doccia fredda per i familiari delle 32 vittime innocenti e per le associazioni, enti e sindacati che come parti civili hanno sostenuto questa battaglia di giustizia e verità”, è quanto ha dichiarato Laura Mara, avvocata di Medicina Democratica Movimento di Lotta per la Salute, sulla sentenza della IV Sezione della Corte di Cassazione, emessa ieri e di cui si attendono le motivazioni, per avere un quadro più chiaro e preciso.

“ Come pure – ha aggiunto – rappresenta un grave e pericoloso precedente l’annullamento delle statuizioni civili per le 20 associazioni, enti e sindacati, che in questi anni si sono costituite parti civili e che di fatto saranno condannate a pagare le spese processuali”. Una beffa, che si aggiunge al danno incommensurabile della perdita di vite umane, perché i soggetti definitivamente…

View original post 549 altre parole

L’assalto al Campidoglio di Washington ha messo in evidenza l’amalgama tra cristianità e supremazia bianca

gennaio 9, 2021

Robert P. Jones

r+

Washington DC, 6 gennaio 2021, un partecipante al raduno pro-Trump mostra un cartello con “Gesù salva”

(RNS) — Se c’è una cosa importante emersa dal caos vergognoso dell’attacco di mercoledì al Campidoglio degli Stati Uniti e che i terribili eventi hanno palesato, sono le potenti correnti ideologiche e teologiche della politica americana che spesso vengono sottovalutate. I simboli portati dai riottosi – in particolare quelli riferiti al disinvolto amalgama tra cristianità e supremazia bianca – testimoniano di queste tendenze.

C’erano croci, cartelli con su scritto “Gesù salva” e bandiere recanti “Jesus 2020” che imitavano la grafica delle bandiere di Trump. Alcuni dei partecipanti, organizzati nell’ambito di una “Marcia su Gerico“, hanno suonato gli shofar – i corni rituali ebraici – mentre giravano intorno al Campidoglio, rievocando l’assedio della città di Gerico da parte degli israeliti descritto nel Libro di Giosuè nella Bibbia ebraica.

Un video mostrava la bandiera cristiana – bianca, con un angolo blu contenente una croce rossa e usata da molte chiese evangelicali bianche – esposta nell’aula vuota del Congresso dopo che le porte erano state sfondate e i membri del Congresso evacuati. Ricordo che quella stessa bandiera si trovava dietro il pulpito della mia congregazione della Mississippi Southern Baptist Church, e che da bambino ho giurato fedeltà sia alla bandiera americana che a quella cristiana. 

Sulle scale di Capitol Hill – un momento della diretta televisiva della CNN del 6 gennaio 2021

Jeffrey Goldberg, direttore del The Atlanticha scritto che tra i partecipanti al raduno che egli ha intervistato “la commistione tra Trump e Gesù era un tema ricorrente”. “È tutto nella Bibbia. Tutto è stato preannunciato. Donald Trump è nella Bibbia. Preparati”, gli avrebbe detto qualcuno, mentre un altro gli ha lanciato: “Arrenditi se credi in Gesù. Arrenditi se credi in Donald Trump!” – cosa che ha suscitato giubilo nei partecipanti intorno. 

Simboli inequivocabili della supremazia bianca erano mescolati con disinvoltura alla retorica e alla simbologia cristiana. Fuori dal Campidoglio, i sostenitori di Trump hanno eretto una grande forca di legno con un cappio arancione che pendeva minacciosamente dal centro. E ancora: i pro-Trump hanno sventolato la bandiera confederata all’interno del Campidoglio degli Stati Uniti, cosa che nemmeno l’esercito confederato era mai riuscito a fare.

Tra le immagini più condivise c’è quella che mostra un riottoso con la bandiera confederata che passeggia davanti al ritratto di William H. Seward, anti-schiavista e segretario di Stato di Abraham Lincoln, gravemente ferito nell’ambito della congiura che nel 1865 uccise lo stesso Lincoln.

Un partecipante è stato visto con una felpa con la scritta “Camp Auschwitz”, un riferimento al campo di concentramento dove oltre un milione di ebrei furono uccisi dai nazisti. Altri invece facevano strani paragoni tra i cristiani come vittime della società americana e gli ebrei europei del Terzo Reich. Assembramenti simili si sono formati anche nelle capitali negli Stati di Ohio, Kansas e Michigan. 

Se vogliamo capire gli eventi del 6 gennaio e le sfide che ci attendono come nazione, dobbiamo prendere sul serio queste narrazioni e questi simboli, non affrontandoli singolarmente, bensì guardandoli nel loro insieme e mettendoli a confronto. 

Quest’adunata sediziosa è stata motivata non solo dalla lealtà verso Trump, ma da una dissacrante fusione tra supremazia bianca e cristianesimo che ha afflitto la nostra nazione fin dalla sua nascita ed è ancora oggi tra noi. Come cerco di dimostrare nel mio libro “White Too Long: The Legacy of White Supremacy in American Christianity, continua ad esserci un forte ed inquietante legame tra atteggiamenti razzisti e l’identificazione in quanto cristiano bianco.

Ricordiamo che questo momento storico, ma anche le divisioni degli ultimi quattro anni, sono da inserire in un quadro di sconvolgimenti sul fronte religioso e demografico. Dal 2008, il Paese è passato dall’essere una nazione a maggioranza cristiana ad una in cui i cristiani bianchi sono diventati minoranza (dal 54% al 44%). Questo cambiamento è avvenuto durante il mandato del nostro primo presidente afroamericano. Le disfunzioni e le violenze che stiamo sperimentando sono in gran parte un tentativo di preservare una visione dell’America cristiana bianca che sta invece uscendo di scena.

La propensione dei riottosi di mercoledì scorso a credere a stravaganti teorie cospirazioniste e la loro riluttanza ad accettare i risultati delle elezioni, in fondo hanno la stessa origine: un disperato bisogno da parte di alcuni cristiani bianchi di voler essere loro i proprietari di un Paese, che invece è in via di “pluralizzazione”.

Come molti hanno giustamente rilevato, il violento disprezzo per lo stato di diritto a cui abbiamo assistito non è esattamente il meglio di ciò che siamo. Ma se vogliamo guarire la nostra nazione, dobbiamo ammettere che questa parte della nostra identità rimane, ancora oggi, un elemento preoccupante dell’eredità politica e religiosa dell’America. (da: RNS; trad. e adat.: G. Courtens)

L’autore Robert P. Jones è CEO e fondatore del Public Religion Research Institute (PRRI) con sede a Washington DC.

Turchia: appello degli universitari: “Non accettiamo e non ci arrendiamo!”

gennaio 9, 2021

Quaccheri e cristiani non evangelici senza chiesa

08.01.2021-Murat Cinar

Turchia: appello degli universitari: “Non accettiamo e non ci arrendiamo!”

“Non accettiamo e non ci arrendiamo!

A mezzanotte del 1 gennaio 2021, un nuovo rettore è stato nominato all’Università di Boğaziçi.

Per la prima volta, dopo il colpo di stato militare dell’80, la nomina ha aggirato il normale processo di selezione, violando i principi di autonomia, democrazia e libertà accademica adottati nel 2012 dal Senato dell’Università. Di conseguenza, studenti, laureati e personale accademico e di supporto l’hanno categoricamente rifiutata.

In qualità di ex alunni dell’Università Boğaziçi, che rappresentano il nostro Paese in tutto il mondo, stiamo seguendo da vicino gli sviluppi con grande preoccupazione.

La nostra università ha formato le nostre prospettive, identità e competenze individuali e ci ha offerto opportunità senza la quale non avremmo potuto avere. Sosteniamo pienamente i principi stabiliti dal Senato universitario per la nomina di un rettore, sosteniamo la nostra università e sosteniamo con tutto il cuore gli studenti e il…

View original post 192 altre parole


Nonviolent Campaign Strategy

Learn how to plan and implement a nonviolent strategy for your campaign

Positive Peace Warrior Network

More People! More Power!! More Progress!!!

The Armchair Theologian

Disestablishmentarianism in the UK, okay?

Fronte Popolare

Organizzazione militante comunista

Quaccheri Medio Olona - www.quaccheri.it

Sempre antifascisti: ieri e oggi. Anche domani - creato e gestito dai quaccheri cristiani non evangelici in Italia

Maurizio Benazzi by www.quaccheri.it

Resistenza olgiatese -by- maurizio_benazzi@libero.it

A Friendly Letter

Chuck Fager -- Writer, Editor

ValleOlonaRespira

Basta veleni sul nostro territorio

lessicocristianoblog

Nuova alleanza: usalo come preghiera

Friends in Christ

(Primitive Quakers)

The Postmodern Quaker

An experiment in publishing by George Amoss Jr.

Partito Comunista Italiano Federazione di Varese

Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti. -- Antonio Gramsci

quaccheri cristiani non evangelici e hutteriti in Italia

Io non vi chiamo più servi; perché il servo non sa quel che fa il suo signore; ma voi vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto conoscere tutte le cose che ho udite dal Padre mio (Gv 15,15)