Archive for 11 Maggio 2021

Be grateful

Maggio 11, 2021

Ecumenics without churchs by www.quaccheri.it

11.05.2021-Chris Hoellriegl

This post is also available in:German

Be grateful
(Quelle: Benjamin Wedemeyer via Unsplash)

It had been raining cats and dogs when I met Ana. In fact, if it had not been raining so heavily the day that I had to seek shelter with all my groceries in a nearby church, I would probably have never met this lovely old lady in her mobile wheelchair sitting exactly inside that church.

I remember very well the funny way she looked at me while I tried to get out of my soaked coat as soon as possible to not catch a cold.“All those young people! When I was young, we used to dance in the rain!”,she whispered with a bright smile on her face while I put my coat over the welcomingly warm heater. That comment was the beginning of a wonderful conversation while the rain outside pattered…

View original post 739 altre parole

Covid e disabilità. Vivere da disabili in un paese poverissimo ai tempi della pandemia

Maggio 11, 2021

Quaccheri e cristiani non evangelici senza chiesa

alcune persone disabili su carrozzine di fortuna viste dal fotografo attraverso i raggi di una ruota
Il Congo è il centro del quacchersmo mondiale. Non di certo Uk o USA

Un reportage da Goma, in Congo, dove i disabili combattono contro guerra, Covid e stigma

L’impatto della pandemia da Coronavirus nelle nostre vite è stato forte per tutti ma, come qualcuno ha detto, non siamo tutti sulla stessa barca. Siamo, piuttosto, tutti nella stessa tampesta: e c’è chi è attrezzato co barche migliori o peggiori.

Cosa significa vivere da persone disabili in un Paese poverissimo, ai tempi della pandemia? Lo raccontaElena L. Pasquininelreportage realizzato perDegrees of Latitude, pubblicato nella versione inglese daInter Press Service, tracciando una fotografia degli abitanti con disabilità del Congo.

Quel che ne esce è un ritratto pesantissimo: nella Repubblica democratica del Congo,le misure di contenimento del COVID-19stanno avendo un impatto drammatico sulla popolazione più vulnerabile.“Dall’inizio della pandemia oltre dodici persone disabili…

View original post 571 altre parole

Latvia’s Saeima notes Ottoman genocide against Armenians

Maggio 11, 2021

Ecumenics without churchs by www.quaccheri.it

11.05.2021-The Baltic Word

Latvia’s Saeima notes Ottoman genocide against Armenians
The eternal flame at the center of the twelve slabs, located at the Armenian Genocide memorial complex in Yerevan, Armenia (Image by Wikipedia / CC BY-SA 3.0 / Սէրուժ Ուրիշեան (Serouj Ourishian) /)

On Thursday, May 6, the Latvian Saeima adopted a declaration on the Armenian genocide carried out during the time of the Ottoman Empire, honoring the memory of all the victims of the Armenian genocide and paying tribute to the survivors.

The Saeima emphasizes that Latvia condemns all crimes against humanity and is aware of its obligation to recognize and commemorate these crimes in order to prevent their recurrence.

The Saeima is aware that as a result of the activities of the Ottoman authorities, a large number of Armenians were forcibly deported to other regions of the empire, resulting in the loss of many lives due to famine, physical violence and murder.

In…

View original post 140 altre parole

Fridays For Future in piazza per denunciare i crimini dell’Eni

Maggio 11, 2021

Quaccheri e cristiani non evangelici senza chiesa

Fridays For Future in piazza per denunciare i crimini dell’Eni

11.05.2021-Fridays For Future

Fridays For Future in piazza per denunciare i crimini dell’Eni
Protesta pacifica di Greenpeace su un iceberg simbolico al quartier generale dell’Eni (Foto di Greenpeace)

Il 12 maggio Fridays For Future manifesterà in tutta Italia per denunciare le responsabilità dell’Eni nella crisi climatica e nella devastazione ambientale dei territori in cui opera.

Il giorno dell’assemblea degli azionisti della prima azienda italiana di idrocarburi, che si terrà online e a porte chiuse, “torniamo a manifestare contro l’Eni, che cerca di ripulire la sua immagine mostrandosi in prima linea nella produzione di rinnovabili, mentre continua ad investire in gasdotti, oleodotti e petroliere”, affermano le attiviste e gli attivisti. “Nelle sue pubblicità si presenta come un’azienda green e al fianco delle persone. ma nei territori in cui è attiva ha devastato ecosistemi e compromesso la salute delle persone che li abitano. Basti pensare al Delta del Niger o…

View original post 266 altre parole

Meeting Minutes

Maggio 11, 2021

Quaccheri e cristiani non evangelici senza chiesa

Meeting Minutes

Le chiese cristiane hanno fatto a meno del Nuovo Testamento almeno per i primi due secoli, circa (cioè ALMENO fino al 220 dopo la morte di Gesù. E’ una cosa risaputa, ma moltissimi non ne tengono conto. In questi due secoli esistevano molto scritti cristiani e molti vangeli. Quindi Paolo non scriveva per costruire il Nuovo Testamento. Non ci pensava affatto e così anche Matteo o Marco o il vangelo di Pietro o quello degli Ebrei ecc. Erano scritti diversi e spesso in polemica fra loro: NON SI SENTIVANO LEGATI FRA LORO DA UN NUOVO TESTAMENTO CHE allora NON ESISTEVA.

Mauro Pesce, esegeta

L ‘ anno scorso i Quaccheri in Gran Bretagna hanno ufficialmente dato il loro sostegno a una prova di un reddito di base universale. L ‘ idea risale anche se almeno alla fine della prima guerra mondiale, quando Bertrand Russell ha chiesto un ′′ salario…

View original post 253 altre parole

Noi stiamo con Israele

Maggio 11, 2021

Ancora razzi su Israele ma gli estremisti palestinesi sbagliano calcoli sulla difesa del sacro suolo di Israele. Muoiono con tanto di vergini che li attendono nel loro paradiso. Noi in Italia come quaccheri non possiamo essere confusi coi quaccheri liberali di Londra, pro palestinesi. Per noi sono i padri della nostra fede cristiana e rispettano […]

Noi stiamo con Israele

Difendiamo le foreste

Maggio 11, 2021

In difesa delle nostre foreste

10.05.2021 – The Ecologist

Quest’articolo è disponibile anche in: InglesePortoghese

In difesa delle nostre foreste
Veduta aerea della foresta pluviale tropicale dei Monti Cardamomi in Cambogia. (Foto di Andyb3947 – Stung Proat Cardamom Mountains.jpg / CC BY-SA 4.0)

Possono i Diritti della Natura essere la risposta alle crisi ecologiche?

Nel 2020 è cominciato il piano di deforestazione delle zone boschive secolari interessate dal percorso previsto per la nuova linea ferroviaria ad alta velocità HS2 del Regno Unito. I lavori di disboscamento hanno avuto inizio nella foresta di Jones’ Hill Wood nel Buckinghamshire, luogo d’ispirazione letteraria del libro Fantastic Mr Fox di Roald Dahl, un classico della letteratura per l’infanzia.

Finché, in considerazione delle continue proteste, delle sfide legali e della scoperta di una rara specie di pipistrello, la HS2 è stata obbligata per legge a mettere i lavori in stand-by per condurre indagini e fare domanda per la licenza a tutela della chirotterofauna.

Poiché i pipistrelli sono una specie protetta, la legge prevede l’emissione di licenze del Natural England, senza le quali non è possibile interferire o danneggiare le zone boschive nelle quali essi vivono. Il 30 marzo 2021, Natural England ha emesso una licenza a favore degli appaltatori della HS2, consentendo la ripresa dei lavori al Jones’ Hill Wood a determinate condizioni.

Marianne Brown, redattrice di  Resurgence & Ecologist, ospiterà un dibattito sul tema di questo articolo con il Resurgence Readers’ Group il 14 maggio 2021Prenota il tuo posto online.

La tregua

Mark Kier, dell’Earth Protector Communities, ha impugnato la decisione di Natural England presso la Corte Suprema, e il 16 aprile la giudice Lang ha ordinato l’interruzione dei lavori in attesa della decisione inerente alla richiesta o di un’ulteriore ordinanza.

Nel frattempo, oltreoceano, i giudici che presiedono due udienze per azioni legali in tribunali di grado inferiore dell’Ecuador, hanno dato il via alla creazione di un precedente globale tramite il riconoscimento dei diritti costituzionali delle foreste nebulose delle Ande.

Il governo ecuadoriano ha presentato ricorso contro entrambe le sentenze. Se le decisioni prese verranno rispettate, ciò si tradurrà nell’interruzione dell’estrazione mineraria nella foresta e nella conseguente salvaguardia di centinaia di specie a rischio.

Sia nel Regno Unito che in Ecuador è in ballo il destino di specie rare tutelate dalla legge e di habitat insostituibili. In entrambi i Paesi, lo Stato ha sfruttato la legge per autorizzare la distruzione e il danneggiamento degli habitat da parte delle corporazioni, favorendo lo sviluppo economico nazionale.

Tuttavia, mentre c’è la possibilità di interrompere le estrazioni minerarie nella foresta nebulosa delle Ande senza un’inversione di tendenza a livello politico, per le zone boschive della HS2 si potrebbe trattare di nient’altro che una tregua.

L’estrattivismo

La differenza degli esiti ottenuti si spiega almeno in parte con il riconoscimento dei Diritti della Natura nella Costituzione dell’Ecuador del 2008: l’Ecuador è stato il primo Paese al mondo a realizzare una legislazione di questa portata.

Tali diritti sono il risultato della mobilitazione dei popoli indigeni e della società civile negli Stati Uniti e in Ecuador, che ha portato ad un movimento nazionale e globale teso al riconoscimento della Natura come soggetto legale avente diritti.

Attivisti nel campo legale e i Popoli Indigeni, supportati dall’esperienza degli ecologisti, hanno sfruttato il movimento per portare nei tribunali ecuadoriani le rivendicazioni costituzionali per i Diritti della Natura e dei Popoli Indigeni. La forza di questo movimento si è dimostrata essere fondamentale nel corso di più di un decennio di rivendicazioni dei Diritti della Natura.

In un contesto di grande appoggio da parte dell’opinione pubblica, nel settembre 2020, un tribunale Cotacachi ha concesso un atto di tutela costituzionale a favore dei Diritti della Natura per proteggere due rare specie endemiche di rane, così come delle scimmie e centinaia di altre specie il cui habitat veniva minacciato dal progetto di estrazione del rame Llurimagua.

Questo è successo a seguito di una sentenza del Tribunale Provinciale di Imbabura, che ha sostenuto i Diritti della Natura della Foresta Protetta di Los Cedros contro l’estrazione mineraria. Il governo dell’Ecuador ha fatto ricorso per entrambe le sentenze.

Le miniere

Il risultato finale produrrà un precedente globale indicativo dell’equilibrio ultimo tra i diritti costituzionali di un ecosistema forestale e il potere di sfruttamento delle riserve minerarie da parte dello stato e delle corporation a favore dello sviluppo economico.

Per contro, le zone boschive secolari del Regno Unito hanno una tutela giuridica limitata, malgrado la loro rilevanza storica e culturale e la ricchezza di biodiversità. I boschi e gli alberi secolari vengono riconosciuti come “insostituibili” dal National Planning Policy Framework [politica di pianificazione dell’uso del suolo nel Regno Unito].

Tuttavia, solo una piccola parte delle zone boschive secolari è stata dichiarata area protetta. Alcune specie rare, compresi i pipistrelli, hanno il più elevato livello di protezione contro i danni che i cantieri causano al loro habitat.

Non esiste né una legge né una politica di pianificazione in grado di offrire una garanzia di protezione contro gli interventi infrastrutturali sostenuti dallo Stato. Tale carenza in materia di tutela giuridica della Natura ha consentito al governo del Regno Unito di esercitare il potere discrezionale e di proseguire con il progetto della linea di alta velocità, malgrado la crescente pressione dell’opinione pubblica e le sfide legali mosse a favore della salvaguardia delle zone boschive secolari.

Eppure, nemmeno il riconoscimento a livello costituzionale offre una garanzia di protezione. Dal 2017 il governo dell’Ecuador ha infatti ampliato il proprio programma di concessione per l’estrazione mineraria. Nel caso Cóndor Mirador del 2013, la prima azione legale sui Diritti della Natura intrapresa dalla società civile, la corte d’appello ha confermato il piano statale per le miniere a cielo aperto in Amazzonia.

Le strategie

Tutto questo ci ricorda le effettive carenze legislative presenti nei diritti umani. Quando si parla di diritti umani a fronte di un argomento di interesse statale, le corti hanno spesso emesso sentenze a favore di quest’ultimo.

Mentre la Costituzione ecuadoriana apre nuove prospettive sancendo i Diritti della Natura, finora la maggior parte dei casi riguardanti i Diritti della Natura si sono conclusi a favore degli interessi statali per lo sviluppo economico, o hanno favorito le argomentazioni dello Stato per la protezione della Natura a discapito delle attività delle comunità locali.

Nonostante il percorso turbolento dei Diritti della Natura in Ecuador, la guida fornita dalla Costituzione del Paese ha creato un effetto a catena che ha attraversato il Sud America per poi spingersi oltre. In Nuova Zelanda, il fiume Whanganui, la foresta Te Urewera e la montagna Taranaki Maunga sono stati tutti dichiarati aventi diritti inalienabili.

Lo Stato e le popolazioni Māori locali hanno concordato una governance congiunta nell’interesse del fiume, della foresta e della montagna. Questi accordi di gestione condivisa non escludono però completamente l’eventualità di estrazione mineraria.

La legge è uno strumento che può essere manovrato dallo Stato o da altri potenti organismi per prevalere e assoggettare, tanto quanto può essere usata per emancipare e trasformare. L’esperienza ecuadoriana mostra che il riconoscimento legale dei Diritti della Natura non offre la garanzia che il governo adotti delle politiche che li rispettino.

Dal punto di vista politico

Il modello neozelandese si adopera per la condivisione del potere, ma permette ancora, in determinate circostanze, lo sfruttamento delle risorse naturali. Più che la legge di per sé, sono l’appoggio dell’opinione pubblica e la volontà dei governi e dei tribunali di impegnarsi a livello legislativo seguendo metodi ecologicamente progressivi che determinano ciò che accade nella pratica.

Quando l’attivista ambientale Chris Packham ha intrapreso un’azione legale nel 2020 contro il governo e la HS2 Ltd nei tribunali inglesi, il caso è stato respinto sostanzialmente in quanto considerato una questione di giudizio politico entro i limiti fissati dalla legge, ivi compresi gli accordi sul clima del Regno Unito.

Generalmente, i tribunali hanno un potere di intervento limitato sul processo decisionale del governo attraverso il ricorso giudiziario. Le nuove inquadrature legislative di stampo ecologico, come i Diritti della Natura, l’ecocidio e i diritti umani ambientali, sono necessarie per raggiungere nel Regno Unito il tipo di protezione per la Natura contro l’esercizio del potere statale e corporativo pari a quello che si è affermato in Ecuador.

Tuttavia, come è accaduto in Nuova Zelanda, bisogna che la legge venga concepita in modi che siano anche culturalmente significativi, per poter essere socialmente e politicamente accettata.

La differenza

In un momento in cui ci accostiamo alla Natura tanto velocemente quanto la stiamo perdendo, le persone e gli Stati dovranno ripensare l’approccio ecologico alla legge e una modalità di condivisione del potere equa tra le persone e lo Stato nei diversi contesti.

I Diritti della Natura rappresentano un possibile approccio, ma comportano delle sfide e necessitano del supporto dell’opinione pubblica se si vogliono proporre come strumento legislativo efficace. In ogni Paese e cultura esiste l’opportunità di sviluppare delle normative partendo dagli spazi in cui la connessione uomo-Natura viene alimentata e riscoperta.

Alla fine, ciò potrebbe portare alla decentralizzazione degli interessi statali e a un mutamento radicale nelle culture e gerarchie giuridiche, riconoscendo la natura differente e interdipendente della relazione uomo-Terra


Yolanda - "Det här är mitt privata krig"

Kreativ text, annorlundaskap, dikter, bipolaritet, Aspergers syndrom, samhällsdebatt

Pioniroj de Esperanto

esplori la pasinton por antaŭenrigardi = esplorare il passato per guardare avanti

Haoyan Do

stories about English language and people in Asian communities in America and in Asia.

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Luciana Amato

Parole e disincanto

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Acquistaditutto.com

acquistionline,venditeonline,sport,casa,smartwatch,smartphone,iPhone,integratori,cucina,motori,pizza,pasta,

Giornalista Indipendente

Riproduzione Riservata - Testata Giornalistica n.168 del 20.10.2017

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

among Friends

the blog of four Quakers

Medicina, Cultura, e Legge.

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie. Autore: Stefano Ligorio.

Quaker Scot

Occasional thoughts from Troon and beyond

Gioia per i libri

Recensioni - Poesie - Aforismi

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.