Archive for 10 giugno 2021

Oltre’ le logiche distruttive e menzognere di attacco alla “Legge Zan”

giugno 10, 2021

10.06.2021 – Antonio Minaldi – Redazione Palermo

‘Oltre’ le logiche distruttive e menzognere di attacco alla “Legge Zan”

Difficilmente una norma in discussione nel nostro parlamento ha aperto tante problematiche e provocato tante polemiche e distinguo come il ddl-Zan contro l’omotransfobia.  La cosa è in sé tutt’altro che negativa poiché l’asprezza delle polemiche ci appare tipica di un passaggio, in qualche modo storico, nella considerazione dei valori che stanno alla base del modo di intendere la sessualità come parte delle relazioni personali e sociali.

Diciamo subito che il ddl-Zan, anche da parte di chi ne difende l’impianto generale e le finalità, può presentare diverse criticità, sulle quali tuttavia non si può intervenire (noi lo faremo in seguito), se non si sgombra il campo da quella vera e propria crociata, fatta di critiche strumentali e vere e proprie menzogne, messa in atto dalle forze più retrive, col solo scopo di affossare la legge (anzi qualsiasi possibile legge sull’argomento).

La prima questione, forse la più importante, riguarda l’identità di genere. È vero che in vari paesi occidentali esistono leggi sulla self identity che prevedono la possibilità di autocertificare la propria identità sessuale come diritto della persona, con esiti assurdi, come nel caso, ormai divenuto famoso, dei circa 170 detenuti della California che si sono dichiarati donne pretendendo il trasferimento nelle carceri femminili. Ma tutto questo col ddl-Zan è impossibile, poiché il concetto di identità di genere non è introdotto come diritto immediatamente esigibile, ma come elemento di protezione contro discriminazioni o violenze. Per intenderci:  con la nuova legge, se una mattina mi sveglio pensando di essere diventato donna, io non posso andare all’anagrafe e pretendere che sulla mia carta di identità sia scritto “femmina”, ma posso essere protetto da discriminazioni e violenze, per esempio non posso essere licenziato né aggredito. Altra questione riguarda la maternità surrogata (utero in affitto) che secondo l’on. Pillon con le nuove norme diventerebbe un “diritto dei gay”. Cosa che è semplicemente falsa, poiché nella legge la questione non viene neppure menzionata.

Va aggiunto, per la verità, che a questo proposito, oltre le logiche distruttive e menzognere di attacco alla legge, diverse perplessità, per così dire “preventive”, sono nate anche tra le femministe storiche. L’arcilesbica per esempio propone di cancellare il concetto di identità di genere e di rendere esplicito che la nuova legge è coerente con l’attuale normativa che esclude come impossibile l’autocertificazione di genere e vieta il cosiddetto “utero in affitto”. La questione merita di essere approfondita.

È vero che una norma più recente ne può abrogare una precedente di pari livello, ma non mi pare che, almeno in senso strettamente tecnico, il ddl-Zan metta in discussione gli attuali divieti normativi, nel qual caso bisognerebbe ammettere che i detrattori “senza appello” della legge avrebbero una qualche ragione. Credo che le perplessità di alcuni ambienti della sinistra femminista non siano tanto di natura giuridica e non riguardino in particolare la salvaguardia di norme già vigenti. Credo che la loro preoccupazione riguardi il fatto che l’attuale legge possa fare da apri pista a norme più liberalizzanti nel senso inaccettabile di una totale deregulation,  dei cui mali abbiamo detto. La cosa può avere un qualche fondamento, ma ha poco a che fare col diritto. Una legge in se non ne prefigura una futura, magari peggiorativa. La battaglia rimane oggi, e penso anche in futuro, una questione di ordine politico e culturale che non si concluderà semplicisticamente sul piano normativo né tanto meno, vogliamo sottolinearlo, nell’ambito delle pure sanzioni penali, come l’asprezza del dibattito attuale, tutto centrato su questioni giuridiche, a volte potrebbe fare pensare.

Fatte queste dovute precisazioni, la proposta di rendere esplicita la coerenza delle norme del ddl-Zan con le attuali restrizioni riguardanti la self identitye la maternità surrogata sono, in linea di principio, ricevibili nella loro logica “cautelare”, anche perché non interferiscono minimamente con il contenuto sostanziale e con le finalità generali della legge. Questo anche a prescindere da quanto ciascuno le possa considerare indispensabili o meno dal punto di vista strettamente giuridico, e senza entrare nel merito dell’esigenza, prospettata da alcuni (ma non da tutti), di arrivare ad una rapida approvazione della legge, prima di un suo possibile affossamento.

Una ultima questione, ma per certi versi di grande rilevanza, riguarda le (enormi) criticità legate all’art. 4. Un articolo che ha tutta l’aria di essere posticcio e del tutto estraneo ai contenuti della legge. Una sorta di concessione fatta ai detrattori. In particolare a coloro che vedevano nel ddl un attacco alla libertà d’espressione. Pensato per tranquillizzarli, e che invece credo sortisca l’effetto contrario.

L’articolo in questione ha come contenuto dichiarato: “Pluralismo delle idee e libertà delle scelte”. Come si può vedere si tratta di questioni di rilevanza costituzionale, e che infatti sono ampiamente contenuti nella nostra Carta Fondamentale, e che è del tutto improprio, anzi sbagliato, che vengano ripresi, anzi parafrasati e “scimmiottati”, in una legge ordinaria. Potrebbe sembrare una semplice ed inutile sottolineatura di principi generali se l’articolo non si concludesse precisando che le suddette libertà sono legittime “… purché non idonee a determinare il concreto pericolo del compimento di atti discriminatori o violenti”.

Ora è bene precisare che non solo il senso, ma anche i limiti della libertà d’espressione sono nel loro contenuto oggetto di diritto costituzionale e vengono poi resi efficaci da fattispecie generali di tipo penale, come – per esempio –  il reato di “istigazione a delinquere”. Farne menzione in una specifica legge può solo dare il senso di una precisazione con un vago sapore restrittivo: pericolosa in sé (per esempio in una possibile interpretazione giurisprudenziale liberticida) ed assist  perfetto per chi vuole liquidare tutto.

Ultima notazione legata a quanto già detto sull’art 4.

Nel successivo art.7, che istituisce la Giornata nazionale contro l’omofobia ecc., allo scopo “di promuovere la cultura del rispetto e dell’inclusione nonché di contrastare i pregiudizi, le discriminazioni e le violenze…”, credo che il termine “pregiudizi” vada cassato. Io non ho alcun dubbio che tanti pregiudizi limitano oggi la nostra libertà sessuale (e non solo sessuale), ma il termine inserito in una norma giuridica è troppo vago e si presta a qualsivoglia interpretazione. I pregiudizi si sconfiggono nelle piazze e, come già detto, nel dibattito-scontro politico e culturale, e non negli articolati legislativi o nelle aule dei tribunali.

Meeting minutes

giugno 10, 2021

Meeting Minutes del 10-6-2021

ERASE

My sins

God will erase

With his gifts

Of love and grace

David Herr

La pazienza e la perseverana hanno un effetto magico davanti al quale le difficoltà scompaiono e gli ostacoli svaniscono.

John Q, Adams

  • Beata Vergine Maria, Madre della Chiesa (cattolici)
  • Shavu’ot ” giorno (ebraismo)
  • 1917 nasce a Roma Antonello Trombadori, giornalista e critico d’arte

“La Chiesa è davvero tale se è presente per gli altri”

Dietrich Bonhoeffer

Non parlare di Nonviolenza

Se non ami la vita, la gente,
la folla variopinta,
la libertà degli altri,
la follìa degli altri,
non parlare di nonviolenza.

Se non sei cittadino del mondo,
amico dei neri, dei gialli, di tutti,
non parlare di nonviolenza.

Se non denunci confini,
barriere, nazionalismi,
patrie, bandiere, galere,
non parlare di nonviolenza.

Se non ti opponi ad eserciti di ogni colore,
a corpi separati, consacrati,
ubriachi di potenza,
non parlare di nonviolenza.

Se non ti rivolti contro il verticismo,
il centralismo, l’ autoritarismo,
non parlare di nonviolenza.

Se non contesti il sacro che nasconde il vero,
il dio in terra che nasconde il cielo,
il consumismo che risucchia il sangue
dei dannati della terra,
non parlare di nonviolenza.

Se non ti getti nel folto della mischia,
come la dinamite nel pozzo di petrolio
per spegnere l’ incendio,
pronto a perir con esso,
non parlare di nonviolenza.

O, se ne parli,
di’ che stai favoleggiando
intorno a qualche cosa
che non sai.

(Davide Melodia, Sardegna, 14 agosto, 1976)

Disarmo nucleare: un mese per ripensarci, e ricordare la nostra umanità

giugno 10, 2021

09.06.2021 – Redazione Italia

Disarmo nucleare: un mese per ripensarci, e ricordare la nostra umanità

Iniziative di mobilitazione in tutta Italia promosse da “Italia, ripensaci” per la richiesta di ratifica del Trattato di proibizione delle armi nucleari TPNW

9 giugno 2021 – 9 luglio 2021

Un mese per comprendere ancora meglio il devastante impatto umanitario delle armi nucleari. Un mese per attivarsi a favore del percorso di disarmo nucleare previsto dal Trattato TPNW (Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons) votato all’ONU nel luglio del 2017. Un mese per coinvolgere anche l’Italia nei passi necessari a mettere fuori dalla storia le armi più distruttive mai costruite, incompatibili con la stessa presenza sul pianeta dell’umanità.

Sono questi gli obiettivi di giorni di mobilitazione lanciati fino al 9 luglio dalla Rete Italiana Pace e Disarmo e dalla campagna Senzatomica, che insieme promuovono la mobilitazione “Italia ripensaci”. Un’iniziativa attiva dal 2016 che chiede al nostro Paese di non rimanere spettatore passivo rispetto al processo che negli ultimi anni ha portato all’approvazione e in seguito all’entrata in vigore, avvenuta il 22 gennaio del 2021, della prima norma internazionale che mette fuori legge armi di distruzione di massa come quelle nucleari. Il TPNW è un Trattato fortemente voluto dalla società civile internazionale: un risultato che ha consentito alla International Campaign to Abolish Nuclear Weapons (ICAN) di cui facciamo parte di ricevere il Premio Nobel per la Pace 2017.

La mobilitazione culminerà con tre date conclusive altamente significative: il 7 luglio si celebra infatti l’approvazione del TPNW, l’8 luglio ricorre il 25º anniversario del pronunciamento della Corte Internazionale di Giustizia contro le armi nucleari mentre il 9 luglio viene ricordata la pubblicazione del Manifesto Russell-Einstein pietra miliare delle iniziative per un disarmo nucleare globale.

Forti del grande sostegno dell’opinione pubblica italiana, che per l’87% vuole l’adesione al Trattato TPNW e per il 74% l’eliminazione dal nostro territorio delle testate nucleari statunitensi attualmente presenti, la mobilitazione di queste settimane cercherà di rendere più facili e concreti alcuni importanti passi volti a favorire, come obiettivo ultimo, l’adesione dell’Italia al Trattato.

L’obiettivo principale dell’iniziative che verranno messe in campo è quello di un maggior coinvolgimento delle istituzioni nazionali in un percorso di disarmo nucleare globale concreto, che non si limiti a dichiarazioni di facciata. Da un lato coinvolgendo maggiormente il Parlamento sia con un rilancio del “Pledge” (Appello ai parlamentari) proposto da ICAN, nella scorsa legislatura sottoscritto da oltre 240 Deputati e Senatori, sia richiedendo un dibattito sul tema nelle Commissioni competenti. A questo scopo “Italia ripensaci” sta per inviare a tutti i parlamentari una lettera in cui si evidenziano i termini della questione chiedendo un riscontro positivo alle proposte della società civile. Al Governo verrà invece inviata la richiesta di partecipazione come “Paese osservatore” alla prima conferenza degli Stati, attualmente 54, che hanno già ratificato questa norma internazionale e che si terrà a Vienna nel gennaio del 2022. Riteniamo infatti importante che, pur non avendo ancora potuto aderire al TPNW anche per la già ricordata presenza di testate nucleari a Ghedi e ad Aviano, l’Italia possa positivamente condividere un momento di dibattito e di approfondimento sul tema del disarmo nucleare con  Paesi del mondo che invece hanno già dato la propria adesione formale al Trattato.

Incontri, eventi online, azioni informative e di comunicazione, campagne social, pubblicazione e rilancio di report e nuovi dati ed analisi. Sono queste le iniziative che caratterizzeranno l’attività di “Italia ripensaci” nelle prossime settimane e fino al 9 luglio 2021. Con un pieno coinvolgimento delle organizzazioni parte delle nostre reti e di associazioni ed Enti Locali, numerosi ed in prima fila nel percorso verso un disarmo nucleare grazie al loro compito di difesa e protezione dei propri cittadini. Che non possono più vivere in un mondo minacciato ogni giorno dalla distruzione nucleare e impoverito dalla sottrazione di risorse miliardarie impiegate per gli arsenali atomici invece che per usi sociali e di progresso.


Yolanda - "Det här är mitt privata krig"

Kreativ text, annorlundaskap, dikter, bipolaritet, aspergers syndrom, samhällsdebatt

Pioniroj de Esperanto

esplori la pasinton por antaŭenrigardi = esplorare il passato per guardare avanti

Haoyan Do

Casual Notes Along The Margin

Il Blog di Roberto Iovacchini

Prima leggo, poi scrivo.

Luciana Amato

Parole e disincanto

friulimosaicodilingue

*più lingue conosci più vali*

Acquistaditutto.com

acquistionline,venditeonline,sport,casa,smartwatch,smartphone,iPhone,integratori,cucina,motori,pizza,pasta,

Giornalista Indipendente

Riproduzione Riservata - Testata Giornalistica n.168 del 20.10.2017

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

among Friends

the blog of four Quakers

Medicina, Cultura, e Legge

Articoli su Medicina, Legge e Diritto, ma anche Aforismi, Riflessioni, e Poesie. Autore Stefano Ligorio

Quaker Scot

Occasional thoughts from Troon and beyond

Gioia per i libri

Recensioni - Poesie - Aforismi

Manuel Chiacchiararelli

Scrittore, Fotografo, Guida Naturalistica, Girovago / Writer, Photographer, Naturalist Guide, Wanderer

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.