Teoria e pratica delle rose: una best practice critica del capitalocene

Quaccheri e cristiani non evangelici senza chiesa

15.06.2021 – Annalisa Laudicella

Teoria e pratica delle rose: una best practice critica del capitalocene

Quest’anno ho fatto il primo esperimento di semina delle rose, andato a buon fine con 55 piantine superstiti di cui molte si stanno già preparando alla fioritura.

Uno tra i fiori da giardino più ricercati, sui quali i profitti dati dalla sua commercializzazione sono tra i più alti e la ricerca continua di nuovi ibridi con caratteristiche particolari impegna ancora moltissimi appassionati (e interessati ad ottenere i brevetti).

Io rimango della mia idea: dalle piante abbiamo un mondo da imparare e trovo assolutamente sconsigliabile l’acquisto continuo di piante da parte di chi non riesce a far crescere neppure le infestanti, per pura bellezza di arredamento, contribuendo a questo consumismo continuo che termina con la pianta buttata in mezzo alla strada. In realtà trovo sconsigliabile l’acquisto in generale (se non per casi specifici di piante con particolari caratteristiche) perché ci priva del momento riproduttivo che è quello…

View original post 633 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: