Archive for the ‘Uncategorized’ Category

Is it time to put the Baby Trump blimp to bed?

dicembre 8, 2019

08.12.2019 – US, United States – Waging Nonviolence

Is it time to put the Baby Trump blimp to bed?
The debut of the Baby Trump blimp at London’s Parliament Square (Image by Flickr/Michael Reeve)

By Erica Etelson -This article was originally published on Waging Nonviolence

It began as an irreverent stunt during Donald Trump’s 2018 visit to London, a helium-filled swirl of yellow hair atop an obese, orange, diaper-clad Trump, his small hands clutching a phone. After a brief nap, Baby Trump has been pressed into service as the unofficial mascot of the anti-Trump resistance, with at least nine appearances in the United States so far.

It’s easy and gratifying to insult Trump. He offers a daily smorgasbord of contemptible flaws to feast upon. And he dishes out as good as he gets, his Twitter feed a virtual firing range of baseless, crude and bigoted put-downs. Mocking him as a fat, tantruming baby may seem a fitting and well-deserved counterattack, one that is orders of magnitude less terrible than the many acts of cruelty Trump has perpetrated.

The Baby Trump blimp, however, is emblematic of the counterproductive manner in which the left too often registers our very justified outrage.

To start with, there’s the body shaming. Hardly a day goes by without Trump’s body size, shape and color being ridiculed as grotesque. Body shaming is a form of bullying that isn’t any less cruel when done to people we don’t like. Even though Trump is the target, the blimp stigmatizes every person with bodies deemed too fat by our thinness-obsessed culture, much like the atrociously cruel and classist — yet wildly popular — People of Walmart website, which lampoons unsuspecting shoppers with shabby clothes, fat asses and other “white trash” offenses. Sizeism is one of the few forms of bigotry still tolerated by mainstream society. Why do we perpetuate it?

Spectacles of leftist schadenfreude paint us into a hypocritical corner, as was pointed out to me by a conservative woman I met at a cross-partisan dialogue. To put it in crass, realpolitik terms, cruelty damages our brand. It prompts the public to fixate on our ugliness instead of the dastardly policies of the Trump administration. Furthermore, it perpetuates the us-versus-them divisiveness that adult Trump so masterfully leverages to his advantage. (One of his supporters recently slashed a Baby Trump balloon with a razor blade in a self-proclaimed act of “good versus evil.”)

Like any skillful demagogue, Trump has forged a counterfeit bond with his base, a bond premised on a shared victimhood narrative of lost honor and wounded pride. What I’ve learned from conservatives over the past two years is that Trump supporters perceive an attack on him as an attack on themselves — those high and mighty liberal elites are not only smugly self-righteous, they’re mean, they hate us, we are under siege and must protect our tribe and our leader Trump.

Conservative journalist Rod Dreher has written that, when Trump goes off the rails, his voters justify their support by saying to themselves, “He may be a fool, but he’s our fool.” Liberal mockery of Trump’s copious flaws only serves to entrench their loyalty and bolster Trump’s persecution narrative.

As has been amply documented, partisan (some call it “tribal”) polarization has reached a deleterious extreme in the United States, leading people to form knee-jerk partisan opinions instead of reflecting on the merits of contentious issues.
Social psychologist Jonathan Haidt told National Affairs that, when we attempt to rationalize our partisan bias, we get rewarded with a highly pleasurable hit of dopamine. It feels good to belong to our team, our party, our tribe, and if tribal membership requires that we denigrate the “other” tribe and publicly humiliate their leader, we do it, and we do it gleefully. And when we do so, we prompt the right to hate and fear us back. For this reason, humiliating Trump plays into Trump’s us-versus-them strategy of rousing his supporters to battle against the common enemy: us.

There is, to be sure, a long tradition of satire aimed at undermining the authority and respectability of the powerful. The question is, what, if anything, does the public learn from it? Literary critic Tim Parks distinguishes effective satire, which points toward positive change, from failed satire. “[W]itty mockery of a political enemy can be hilarious and gratifying and can intensify our sense of being morally superior. But as satire it has failed,” he writes in the New York Review
of Book
. “The worst case is when satire reinforces the state of mind it purports to undercut, polarizes
prejudices, and provokes the very behavior it condemns.”

Baby Trump falls short of Park’s standard, for it is no more enlightening than playground taunts — such as “you’re a baby,” “no you are” and “I know you are but what am I?” The overarching problem with Trump isn’t that he’s immature (or fat), it’s that he’s created what Ralph Nader calls a “cocoon of falsity” in which he smashes and breaks democratic and cultural norms and governmental functions that keep people safe, healthy, fully included and respected.

Poking fun at a degenerate figurehead is not automatically effective. If mocking Trump turned fence-sitters against him, late night comedians would have successfully blocked Trump’s candidacy before it ever gathered steam. For all the ridicule Trump’s endured, it doesn’t seem to have undermined his brazen abuse of power.

Perhaps if our national culture were one of reverence for politicians, then the mere act of mocking one would have some shock value and jolt us into seeing them in a new and unflattering light. Perhaps if Trump attempted to present himself as a dignified head of state, we would need Baby Trump to expose the contradiction between his pretend and actual disposition. At this point, anyone who doesn’t already see that the emperor has no clothes is not likely to be enlightened upon seeing him in diapers. It’s simply meanness for meanness sake.

The creators of Baby Trump said they wanted to boost the morale of Trump’s foes and to “get under his skin.” As one of the organizers wrote in the Independent, “Trump has repeatedly shown that he doesn’t respond to reason, to facts or to science. What he does respond to is humiliation.” Yes, he sure does, and that’s precisely the problem.

Evelin Lindner, a psychologist and founder of Human Dignity and Humiliation Studies, or Human DHS, has documented cycles of humiliation met by violent reprisals met by more humiliation, until the society spirals into genocidal violence. “Humiliation,” she writes, “is the nuclear bomb of the emotions, perhaps the most toxic social dynamic of our age.” It reinforces the tyrant’s self-serving rationalization that they are valiantly fighting the evildoers who are attacking them.

Linda Hartling, a community psychologist and director of Human DHS, emphasizes the boomerang nature of humiliation. “If you use humiliation as a shortcut to attack an opponent, it will come back in some way, if not at you then at someone more vulnerable,” she said. Hartling sees Trump as a “humiliation entrepreneur” who is constantly retaliating against those who pierce his thin skin.

Trump has already been ratcheting up his incitement of violence, calling for his persecutors to be tried and executed for treason and warning that civil war could break out if he’s impeached. Dozens of preeminent psychiatrists have raised red flag warnings about Trump’s anti-social, narcissistic, sadistic and sociopathic behavior. “Trump’s sociopathic characteristics … create a profound danger for America’s democracy and safety,” retired Harvard psychiatry professor Lance Dodes told the Washington Post. “Over time these characteristics will only become worse, either because Mr. Trump will succeed in gaining more power and more grandiosity with less grasp on reality, or because he will engender more criticism producing more paranoia, more lies and more enraged destruction.”

Ridiculing Trump achieves nothing and risks provoking him to even more outrageous attacks and counterattacks. That’s what narcissists and demagogues do when their fragile egos are threatened. Psychiatrists warn that someone with Trump’s malignant narcissism and anti-social personality is vulnerable to a total psychotic breakdown and that, by the time the warning signs are evident, it may already be too late.

Criticism of Trump and vigorous efforts to remove him are vitally necessary, no matter what the risk of further destabilizing his mental health. But piling on personal insults adds unnecessary fuel to the fire. A deranged Trump is incredibly dangerous.

For all the grievous harm Trump has done, I cannot and do not respect him. But withholding respect and diminishing his humanity are two different things. At a minimum, I feel obliged to treat Trump with the basic decency I extend to every human being, no matter how awful I find them. To do otherwise, to dehumanize them as the “enemy other,” is to set in motion a vindictive spiral that cannot end well. Human dignity is sacred and, when it’s violated, our ability to negotiate and tolerate discord erodes, and hate and violence reign.

“Humiliation is the most destructive force on the planet,” Hartling said. “It leaves a wake of destruction, disrupting relationships in ways that are extremely difficult to repair.” Why risk so much collateral damage just for the sake of inflicting suffering on a man who is already seemingly one of the unhappiest on earth, his
inner life its own perpetual torment?

“Speak the truth but not to punish,” Buddhist monk and peace activist Thich Nhat Hanh counsels. What that means to me is that, when I criticize Trump’s rampant misconduct, I focus on the actions, not the person, and contextualize the actions in systems and structures of white supremacy, patriarchy, capitalism, militarism and the resource extraction mindset. I also want to contrast Trump’s nihilism with my vision for an equitable and sustainable future, a beautiful, inclusively-interconnected sacred place where humans and all living creatures bow to each other in the great dance of life.

During the Sept. 25 Climate Strike in San Francisco, artists and activists from 10 environmental justice and human rights groups transformed two downtown blocks into a series of street murals representing “community-oriented and earth-based solutions” to the climate crisis. Taken together, the murals invited viewers to envision a more beautiful future that celebrates the interconnected lives of people, plants and wildlife. To me, honoring what’s sacred is worlds more inspiring than denigrating what we already know is awful.

Diné (Navajo) land and water protector and poet Lyla June Johnston suggests that the struggle of resistance against Trump and fossil fuels shouldn’t be one of hate-driven revenge against but, rather, a movement for life in all its sacred beauty. It’s not about winning, Johnston said in an interview with the podcast “For the Wild,” it’s about sustaining, diversifying, protecting and, above all, loving life.

So long as I attempt to implement my vision by denigrating those evil people who stand in my way, I am taking one step forward and two back. Aggressors usually rationalize their behavior as serving some higher purpose; seldom is that the case.

Trump must be held accountable but accountability need not take a vindictive cast. I don’t believe murderers should be executed or rapists raped. I don’t want Trump hung in effigy or body shamed, I simply want him gone and, potentially, imprisoned where he can do no further damage. And I want his supporters to feel that they have a rightful place in a post-Trump America, a place where they are treated with the same basic decency and respect as everyone else. If they don’t feel this way, brace yourself for President Donald Trump, Jr. or whatever other humiliation entrepreneur is waiting in the wings.

Hating on Trump incessantly isn’t going to be any more effective in 2020 than it was in 2016. The more we hate and humiliate him, the more his supporters will be inclined to defend him. Even if we win, we’ll be sowing the seeds of a vicious backlash. And our hatred could trigger an adult Trump tantrum of existential dimensions. Our desperately sick culture needs to heal, and more poison isn’t what the doctor ordered.

Felicia Bartolotta Impastato, un ricordo e l’antimafia sociale

dicembre 8, 2019

07.12.2019 – Alessio Di Florio

Felicia Bartolotta Impastato, un ricordo e l’antimafia sociale

Il 7 dicembre è l’anniversario (quest’anno sono quindici anni) della scomparsa di Felicia Bartolotta, la madre di Peppino Impastato. A Cinisi è iniziato il 6 dicembre, per proseguire fino al 12 dicembre, un nutrito ciclo di iniziative per ricordarla da parte di scuole, del Centro Siciliano di Documentazione “Giuseppe Impastato” e Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato e momenti spontanei di riflessione e condivisione. “Felicia è stata una donna e madre che ha detto di no alle logiche mafiose ed ha dedicato la propria vita al racconto della verità e alla consegna della memoria, in nome del figlio Peppino, militante ucciso perché aveva lottato contro la mafia”  hanno ricordato gli organizzatori  e “nel suo impegno svolto quotidianamente, ha creato comunità, la sua casa è diventata un luogo di aggregazione ed un punto di riferimento per tantissime persone che sognano una società migliore”.  Quella casa dove rifiutò di far entrare i mafiosi locali e di cui spalancò le porte a giovani e meno giovani, persone interessate e attivisti impegnate per la giustizia e la solidarietà, per un mondo migliore e contro ogni ingiustizia e oppressione.

Felicia, mentre si batteva per ottenere giustizia e verità per l’assassinio di Peppino, ha accolto e intrecciato le resistenze antimafia, anticapitalista, solidali di ogni latitudine, i partigiani di ieri e coloro che oggi lottano per un mondo migliore. La sua casa è stata la casa di dei pacifisti che si impegnano contro le guerre e per il disarmo da decenni e coloro che, a partire da Seattle, Genova e Firenze sono scesi in piazza contro la globalizzazione neoliberista e le ingiustizie globali. E tantissime altre associazioni, movimenti, circoli, parrocchie. E giovani. Ai quali ripeteva sempre di studiare e conoscere. Gramsci scrisse che c’è bisogno di studiare perché è necessaria tutta la nostra intelligenza, don Lorenzo Milani che il padrone è tale perché conosce mille parole e il povero cento. Ed è quindi necessario studiare, imparare, approfondire. Per poter documentare, denunciare, spezzare le catene dell’ingiustizia sociale, del classismo dei potenti, di ogni oppressione e sfruttamento. Spesso si parla e scrive di antimafia sociale. Ma l’antimafia o è sociale o non è. La ribellione di Peppino, la testimonianza esemplare di Felicia e dei tantissimi compagni che hanno proseguito la sua attività politica sono la dimostrazione incarnata che lottare contro le mafie è ribellione ai codici di una società omertosa e ingiusta, abituata a chinare il capo davanti ai forti per imporsi sui deboli, a trasformare tutto in occasione di profitto, devastazione e saccheggio del bene comune per gli sporchi interessi di pochi.

La tenacia di Felicia Bartolotta ci restituisce, ed è per questo importante ancora ricordarla e cercare di proseguire sui suoi passi, un’ulteriore grande lezione: la storia non la scrivono i potenti e non è solo quella dei libri dei vincitori, ma gli oppressi, gli ultimi, gli impoveriti che possono rovesciare la storia già scritta, la piramide della disuguaglianza e dell’ingiustizia e costruire un avvenire diverso e migliore. E la ribellione di chi, nonostante questa società perbenista, conformista e ipocrita va in tutta direzione, crede ancora nei valori dell’umanità e della solidarietà, che si ribella al patriarcato e ai soprusi di regimi opprimenti neocapitalisti, della globalizzazione del mercato ad ogni costo e del trionfo dei ricchi e prepotenti. Felicia Bartolotta Impastato, nonostante le tante archiviazioni e delusioni, ha sempre proseguito la tenace lotta contro chi assassinò Peppino. Perché, ripeteva, non poteva morire prima di vedere la giustizia. E così accadde, grazie all’impegno del giudice Franca Imbergamo, che riaprì l’inchiesta portando alla condanna di don Tano Seduto.

 

Thousands of workers march in France

dicembre 7, 2019

06.12.2019 – Paris, France – Countercurrents

Thousands of workers march in France

By Countercurrents Collective

A countrywide union strike against pension reform has brought transportation across France to a standstill. Thousands of workers marched in what has been described as the largest protest of its kind since 1995. The protest dwarfed the weekly Yellow Vests demonstrations that have been happening every Saturday for over a year now.

The massive worker walkouts and marches were called in the hope of forcing President Emmanuel Macron to abandon his plans to overhaul France’s pension system.

Police, lawyers, hospital and airport staff, and other professions for the general walkout joined teachers and transport workers.

In Paris, 11 of the city’s 16 metro lines were shuttered and schools in the capital and across the country closed down.

The strike, which is expected to continue until Monday, also paralyzed 90 percent of the country’s trains, and forced Air France to cancel 30 percent of its domestic flights.

1.5 million people join protests

The interior ministry said: More than 800,000 people had joined demonstrations in more than 100 cities across France.

The CGT union said: 1.5m people had turned out, including 250,000 in Paris.

Photographs of Thursday’s demonstrations show public workers carrying banners and flares as they march through France’s largest cities.

Riot police mobilized

In Paris, 6,000 riot police were mobilized as the capital braced for street protests.

Oil refineries blocked

The CGT also said workers had blocked seven of the country’s eight oil refineries, potentially causing fuel shortages if the strike continues.

Eiffel Tower did not open

The strike also forced France’s most iconic tourist spots to shut their doors. The Eiffel Tower and the Orsay museum did not open on Thursday due to staff shortages, while the Louvre, the Pompidou Centre and other museums said some of its exhibits would not be available for viewing. The Palace of Versailles was also shut for the day.

Yellow Vest

According to local media, Yellow Vest protesters were blocking fuel depots in the Var department in the south and near the city of Orleans.

Petrol stations out of fuel

As a result, on Thursday over 200 petrol stations had totally run out of fuel while over 400 were almost out of stock. The group has been demonstrating against Macron’s austerity measures for over a year.

Experts say that the strike, described as the largest of its kind in decades, could spell trouble for Macron. Building on ongoing demonstrations by the Yellow Vests, the strike could paralyze France and force Macron to rethink his planned reforms.

Demonstrators and police clash

Riot police and demonstrators have clashed in some cities amid the ongoing general strike by labor unions against proposed pension reforms.

Dozens arrested

Dozens have been arrested in Paris alone as over a million people marched across the country.

One report said: Police in Paris had arrested 71 people, officials said.

Footage from Paris shows protesters hurling objects at police, and riot-geared officers charging in response.

Stun grenades

As flares light up the night, stun grenades can be heard exploding. There is also what appears to be tear gas.

Sporadic violence

Reports from across France during the day spoke of sporadic violence on the sidelines of the protests, including the smashing of shop windows and security cameras and setting fire to bicycles and effigies. Demonstrators blocked buses in Marseille.

Police fired tear gas in Nantes

Violence was reported in Nantes, Bordeaux and Rennes.

Police have fired tear gas at protesters in Nantes participating in a nationwide strike, according to local media.

Videos taken at the scene show demonstrators fleeing as large tear gas clouds obstruct the marchers’ path.

In one clip, shots can be heard coming from the police as demonstrators chant and jeer.

French BFM TV also reports that tear gas has been used to quell the rally.

Largest strike in years

BBC report headlined “Macron pension reform: France paralyzed by biggest strike in years” said:

France’s largest nationwide strike in years has severely disrupted schools and transport.

“What we’ve got to do is shut the economy down,” said union official Christian Grolier of the Force Ouvrière (Workers’ Force). “People are spoiling for a fight.”

Transport

The BBC report told about the extent of affect of the strike on transport. It said:

  • Some 90% of high-speed TGV and inter-city trains were cancelled
  • In Paris, just five of the city’s 16 metro lines were running
  • Train operators Eurostar and Thalys cancelled at least half their services linking Paris with London and Brussels. Eurostar will operate a reduced timetable until December 10
  • Hundreds of flights were cancelled
  • Air France cancelled 30% of internal flights and 10% of short-haul international flights amid walkouts by air traffic controllers
  • Low-cost carrier EasyJet cancelled 223 domestic and short-haul international flights, and warned passengers to expect delays.

Sabotage by Extinction Rebellion

The Extinction Rebellion group said it had sabotaged thousands of e-scooters by painting over the QR codes that smartphone users scan to unlock the vehicles.

The group said this was because e-scooters – despite being widely viewed as an ecologically-friendly form of transport – actually required large quantities of energy and resources during their manufacture and had short life cycles.

How do French workers view the reforms?

The BBC report said:

Train driver Cyril Romero from Toulouse told France Info he would reconsider his job if the reforms went through.

“I started in 2001 with a contract that allowed me to leave at 50. But like everyone else, I got the reforms which pushed back my early retirement age to 52-and-a-half and then, in reality, 57-and-a-half for full pension. Now they want to make us work even longer.”

An unnamed history teacher, writing in HuffPost, was planning to strike on Friday as well as Thursday.

“For me, the pension reforms are one punch too many. We’re fighting not to lose hundreds of Euros of pension a month – after more than 40 years in a job.

“How can you even think of ending your career in front of pupils beyond the age of 70, in worsening conditions and on what for many of us is just a minimum wage?”

How much support is there for the strike?

The report said:

Some trade union leaders have vowed to strike until Macron abandons his campaign promise to overhaul the retirement system.

One opinion poll put public support for the strikes at 69%, with backing strongest among 18- to 34 year olds.

Single, points-based pension system

Macron has proposed making a single, points-based pension system, which he said would be fairer to workers while also saving the state money. The planned scheme would replace current system, which has 42 different pension schemes across its private and public sectors, with variations in retirement age and benefits.

The official retirement age in France has been raised in the last decade from 60 to 62, but remains one of the lowest among the OECD group of rich nations – in the UK, for example, the retirement age for state pensions is 66 and is due to rise to at least 67.

The move would remove the most advantageous pensions for a number of jobs ranging from sailors to lawyers and even opera workers.

Meanwhile, those retiring before 64 would receive a lower pension. For example, someone retiring at 63 would receive 5% less, so unions fear it will mean having to work longer for a lower pension.

Labor unions oppose the move, arguing that the changes would require millions of people to work beyond the legal retirement age of 62 in order to receive their full pension.

The unrest could signal dark days ahead for Emmanuel Macron’s pro-austerity government.

However, farmers, whose pensions are among the lowest in the country, are not taking part.

Since coming to power, Macron has pushed through other reforms including relaxing labor laws and cutting taxes for businesses.

Mezzo milione di persone in marcia per la giustizia climatica: i politici siano all’altezza dell’emergenza globale

dicembre 7, 2019

07.12.2019 – Madrid – WILPF (Women’s International League for Peace and Freedom)

Mezzo milione di persone in marcia per la giustizia climatica: i politici siano all’altezza dell’emergenza globale
(Foto di Giovanna Pagani)

6 Dicembre, Madrid.Nel giorno della Costituzione, festa nazionale in Spagna,  mezzo milione di persone hanno sfilato chiedendo GIUSTIZIA CLIMATICA, criticando l’inadeguatezza dei politici di fronte all’emergenza globale.

Il corteo che si era dato appuntamento al Museo del Prado alle ore 18, ha raggiunto  alle ore 20  Nuevos Ministerios, per avvicinarsi simbolicamente alla zona della Feria de Madrid, dove si tiene il vertice dell’Onu sul Clima.  La Marcia si è chiusa con la lettura del  Manifesto  “Il mondo si è svegliato di fronte all’emergenza climatica”.

L’attore  Javier Bardem, durante la lettura del Manifesto, a titolo personale ha definito  “molto stupidi” sia  Il presidente USA Trump -per essersi ritirato dagli Accordi di Parigi – sia il Sindaco  di Madrid che consente ai veicoli contaminanti di circolare in città. Due esempi di politici non all’altezza del momento storico.

E’ seguito l’intervento di Greta Thumberg che in mattinata aveva partecipato alla manifestazione dei FFF nell’area Blu della COP25. Greta continua a definirsi un piccolo pezzo di un grande movimiento, ad accusare il “tradimento” dei politici e ad annunciare un cambiamento in corso inarrestabile.

In contemporanea,  altre manifestazioni in altre capitali del mondo. Tra queste Santiago de Cile arrivata al 50esimo giorno di mobilitazione popolare in nome della “giustizia sociale”  oltre che  climatica. La Corte Interamericana per i Diritti Umani ha nuevamente condannato il Governo cileno per l’uso della repressione e si e’ dichiarata preoccupata per il crescente numero di denunce. La gente protesta  per la  selvaggia política di  privatizzazioni (acqua, salute, educazione) che continua ad arricchire le imprese private e a impoverire il popolo sempre più deprivato dei  suoi legittimi diritti.   Il governo non ascolta, non dialoga e continua  con la dura repressione dei carabineros.

A Madrid, insieme ai numerosi attivisti di ONG e associazioni ecologiste ed ambientaliste di tutto il mondo, arrivati   per la COP25:  insegnanti, sindacalisti, famiglie coi loro bambini al grido “curiamo il pianeta, altrimenti moriamo”. Tanti, tantissimi giovani. E poi tante Femministe appassionate e creative nell’esprimere la loro volontà di contribuire alla giustizia climatica nel pieno rispetto dei diritti umani e dei popoli. Assieme ad altri slogan, ripetuttamente cantato  l’inno delle femministe cilene  che accusa lo Stato che reprime :  “El estado opresor es un macho violador”.

Ben rappresentati nella Marcia pure i  Popoli indigeni coi i loro coloratissimi costumi. Auspichiamo che lo loro ancestrale saggezza – collegata a una visione del mondo in  l’essere umano è  una parte della “ comunità dei viventi” asieme agli animali e alle piante –  sappia farci sentire (così come loro lo sentono) il grido di dolore della nostra  “madre terra” troppo a lungo violentata da un modelo di sviluppo militarizzato e predatorio.

L’Agenda 2030 0nu per lo Sviluppo Sostenibile dipende per i 2/3 dal raggiungimento degli obiettivi climatico-ambientali e tra questi c’è la Pace.

Giovanna Pagani WILPF Italia

COP25: Alternative Climate Summit Honors Those “Suffering the Crimes of Transnational Corporations”

dicembre 7, 2019

07.12.2019 – Madrid, Spain – Democracy Now!

COP25: Alternative Climate Summit Honors Those “Suffering the Crimes of Transnational Corporations”
(Image by Democrarcy Now)

We broadcast from Madrid, Spain, where the United Nations Climate Change Conference, known as COP25, began Monday and will continue through next week, as environmental leaders from around the world gather to negotiate global solutions to the climate crisis. Activists have converged on Madrid for the conference and are hosting an alternative summit of their own: Cumbre Social por el Clima — the Social Summit for the Climate. The alternative summit has been organized by social justice and environmental groups to draw attention to the ongoing political repression in Chile, corporate influence on the climate summit, Spain’s own failure to address the climate crisis and the Eurocentrism of the climate conference. This is the third year in a row that the conference is being held in Europe. We speak with Tom Kucharz, one of the organizers of the alternative climate conference. He is a journalist and activist with the group Ecologists in Action.

AMY GOODMAN: This is Democracy Now!Democracynow.org, The War and Peace Report. I’m Amy Goodman. We are broadcasting from Madrid, Spain, where the United Nations Climate Change Conference, known as COP25, began Monday and will continue through next week as environmental leaders from around the world gather to negotiate global solutions to the climate crisis. The summit was supposed to be held in Santiago, Chile, but the country’s right-wing president Sebastián Piñera canceled the summit just over a month ago amid massive protests against economic inequality and austerity. Spain’s president Pedro Sánchez then offered to host the summit.

Activists have converged in Madrid for the summit and are hosting an alternative summit of their own, Cumbre Social por el Clima, the Social Summit for the Climate. The alternative summit has been organized by social justice and environmental groups to draw attention to the ongoing political repression in Chile, corporate influence on the climate summit, Spain’s own failure to address the climate crisis and the Eurocentrism of the climate conference, which is being held in Europe for the third year in a row.

The alternative summit begins Saturday morning—that’s tomorrow—at the University of Madrid and will kick off tonight with a climate march through the city center. We are broadcasting from the convergence space that activists are using as a hub for their organizing. It’s a union hall and former monastery that today is covered in colorful protest art and bustling with organizers that have pulled the alternative summit together with only a few months notice.

So we are right here in the Cumbre Social, in the Social Summit for the Climate, with one of the organizers, Tom Kucharz. He is a journalist and activist with Ecologists in Action.
It is great to be with you. Welcome to Democracy Now! Tom, as we sit here, this place is surrounded by posters. Maybe we could do a broad view of the walls. It says “Plaza de los Pueblos”—the Plaza of the People. “Salvemos la Tierra”—Save the Earth—as well. “Let’s Decolonize.”

TOM KUCHARZ: That is a very important issue. We have a huge historic debt with millions of people who were slaved from Africa to America and never have been justice about that. So the issue of antiracism and anticolonialism is very important for the march also today at six in the afternoon. So hopefully, thousand of people will gathering in this very important march.

AMY GOODMAN: Tell us about this place that we are in. It is a former monastery?

TOM KUCHARZ: Yes, it was built more than 400 years ago, but it was a trade unions building since the ’80s. Fortunately, the trade unions, UGT, said we can have it for two weeks to make gatherings, assemblies and prepare the march and actions of the different groups who are involved in the preparation of the activities these two weeks, like Fridays for Future, Extinction Rebellion and many environmental and human rights groups, trade unionists and many international solidarity groups also fighting all around the world for justice, both environmental and social justice.

AMY GOODMAN: Tell us about this Social Summit for the Climate, where it will be held, from the university to here to where else? And talk about the 850 groups who organized this space in a very short period of time, since you guys just got the summit a few months ago.

TOM KUCHARZ: Actually, the social summit was organized in less than four weeks. First of all, it is a solidarity action with the people in Chile, with all of the people in the world who are suffering crimes against humanity, who are suffering repression, who are suffering the crimes of transnational corporation and corrupt states, who are only doing business and doing politics in favor of a very small minority, which are the big businesses, who are also gathering here in the official climate summit. So it’s a complete unjust world. We have heard that in your news at the beginning.

And also in Spain, we have a huge situation of injustice, unemployment. So for us, the issues of social injustice, the problem of corruption, the problem of huge economic and social and environmental crisis all over the world brings us together. Social movements, trade unions, environmental groups, but also social justice groups from all over the world.

And it’s first of all a denouncement also of the repression of the right-wing government of Chile against the people in Chile. And that is very important for us. We are very connected with the movement in Santiago de Chile. And today, the march actually will be at the same time as the march in Santiago de Chile. We will be marching together. And we are connecting also with the organizers of the civil society space held at the same time in Santiago de Chile, also criticizing the farce and the theater is done in the official summit because they are not the solution to the huge climate emergency. We, the people, are the solution.

AMY GOODMAN: Talk about how Spain ended up getting the U.N. Climate Summit. Originally it was Brazil and the far-right president, when he was elected, one of his first actions in office, canceled the COP. Then Chile took it. Then because of those protests, the right-wing president there canceled it. And President Sánchez of Spain picked this up very quickly. Talk about the significance for him, and now the right-wing government that runs Madrid, what it means for them, who actually campaigned against climate regulations, its major campaign focus in the last weeks.

TOM KUCHARZ: Exactly. We should know that Spain is one of the European countries which is most responsible for the increase of greenhouse gas emissions over the past decades. So Spain has a huge ecological and historical debt with the Global South, completely dependent on imports of fossil fuels. And the big transnational corporation from Spain are committing crimes and human rights violation all the time and are very responsible for the natural destructions all over the world. So Spain is very responsible for the climate emergency.

And we have had social democratic governments and conservative right-wing governments who are very irresponsible. They were not caring sufficiently about the climate emergency. And even if they bring the official climate summit from the U.N. here to Madrid, it was a kind of political shift to help them to get some votes towards the last elections we had very recently on the 10th of November. Actually, the Spanish social democratic governments have shown in the last year that they were not increasing their willingness to fight climate emergency. They are not really willing to change the economic and also energy policy in Spain, and that needs also a completely shift, a paradigm shift of the development model in Europe, which is completely irresponsible and a root cause of the climate emergency all over the world.

That is why we are feeling that it’s a greenwashing both of the national very gray and dark fossil fuel policies of the Spanish government. It’s a greenwashing of the right-wing government in Madrid. Because only some months ago, this Madrid major from the right-wing party who was denying climate change, who was saying he will eliminate all the environmental policies which the municipal left-wing government put in place only some months ago, like a low-emission scheme to try to stop entering many cars into the Madrid center.

We should know that Spain is one of the most polluting countries also in the world. We have nearly 40,000 people who are dying, so we have premature deaths, 40,000 a year. That means in Madrid, it’s about more than 3,000 people dying prematurely because of the air contamination. And that is mostly because of this huge traffic. So we have unsustainable transport system.

AMY GOODMAN: So you have the previous mayor, Manuela Carmena, a socialist mayor, who pushed for the Madrid Central, this low-emission zone—

TOM KUCHARZ: Exactly.

AMY GOODMAN: —so you don’t have this mass traffic jam all day—

TOM KUCHARZ: We still have them, unfortunately.

AMY GOODMAN: —as much. And then you have the new mayor, Almeida—

TOM KUCHARZ: Yes.

AMY GOODMAN: —who actually made his total campaign about getting rid of these restrictions.

TOM KUCHARZ: Exactly. And just before the climate summit, he says that is the best thing he have ever done. So now he is trying to greenwash completely his very unresponsible campaign he did. And actually the popular party is very responsible to filling the most polluting companies in Spain with public money. That is why Spain gives hundreds and thousands of millions of euros to the energy companies, to the oil companies, to the gas companies over the last years. That is why we have a real problem that it’s very difficult to get out of this fossil feel industry right now.

AMY GOODMAN: So you stopped—Ecologists in Action, your group, stopped the mayor from getting rid of the low-emission zone?

TOM KUCHARZ: Not alone. We have a very interesting platform created of many people here in the city center. So there are dozens of organizations involved in the platform to defend Madrid Central. And it was collective work, and tens of thousands of people poured into the streets in summer just after the local elections to ask to not eliminate Madrid Central, this low-emission scheme.

And that is very linked to fight for climate justice not only in Spain but over the whole world. That is why those people who are fighting to get Madrid rid of car traffic and air contamination is also fighting together with many people in the world against air contamination, but the whole silly system of putting public money into the car industry and the oil industry which then are also very responsible for the mining and human rights violation all over the world. We have that in Middle East and also Latin America.

AMY GOODMAN: Talk about nationally. We have just arrived in Madrid from Stockholm. The prime minister won a snap election recently, Pedro Sánchez. He is in the midst of negotiating with Podemos.

TOM KUCHARZ: Unidos Podemos, yeah, which—it’s currently [inaudible] Podemos Together.

AMY GOODMAN: But talk about the role and the increasing power of the extreme-right group Vox and how that plays in here, whether we are talking about the environment or gender violence.

TOM KUCHARZ: The extreme-right party is coming out actually on the split of the right-wing scheme which was the Popular Party. Because there’s a huge problem of impunity in Spain, so the crimes against humanity committed by Spanish fascism of the Franco dictatorship was never been judged, and we have still hundreds of thousand of people in graves all over Spain and people are looking for the bodies of their families. So that is a very anxious system. And still from this we have a very fascist legacy in the judicial system, in the political system.

But because of the corruption scandals, because [inaudible] Popular Party of Spain is one of the most corrupted party in the world, the right-wing political party split it up to neoliberal Ciudadanos, to Vox, the extreme right, and still the PP is the Popular Party. So there is also a growing vaulting towards this extreme-right party, which is very dangerous and very similar to things happening with Trump in the U.S., with Salvini in Italy, or Le Pen in France, or Alternative für Deutschland in Germany.

So it is very dangerous because it’s giving oxygen to the right-wing groups, trying to make attacks on migrants, on refugees, and maybe there is a new fear towards these very extreme fascist groups to make attacks against migrants like we had this attack with a bomb this week.

AMY GOODMAN: A grenade was just thrown into a residential center of mainly unaccompanied minors, refugees from other countries, and also orphans here in Spain.

TOM KUCHARZ: In Madrid, yeah. That is an attack which we can explain that there is a growing institutional racism which is legitimized both by the right-wing Popular Party and the social democrats, because unfortunately the social democratic government is talking about human rights in the official climate summit, but at the end, they are responsible for migration policies which brings the deaths of thousand of people in the Mediterranean Sea. You just mentioned the example in Mauritania, migrants and refugees trying to get to the Canary Islands.

AMY GOODMAN: Sixty-two people dying yesterday.

TOM KUCHARZ: Exactly. And that is happening all the time.

AMY GOODMAN: As they tried to make it to what is Spain’s Canary Islands.

TOM KUCHARZ: To Spain, exactly. But this is happening all the time because the Spanish government, together with the European Union, are pulling hundreds of millions of public money to finance the militaries and the police in Morocco, in Libya and also Turkey to stop refugees and migrants getting to Europe, and then they are responsible for these very criminal policies which makes people dying all the time in the Mediterranean Sea. That’s why we are talking about one of the biggest mass graves in the world. So very similar to the very criminal migration policies of Trump in the Mexican border.

AMY GOODMAN: Tom, very quickly, we only have about 30 seconds, but we started by you talking about decolonization and how that relates to climate. I’m sitting in front of a big sign that you have here at the Cumbra, at this Social Summit for the Climate, that says “Let’s decolonize.” Explain that more fully.

TOM KUCHARZ: “Let’s decolonize” means there is a deep, historic impunity of the crimes committed by Europe in colonial time, both with the slave trade, but also with the assassination of millions of indigenous people in America. And these historical crimes against humanity was never been judged. And this is still impugn and we will not accept it. That’s why for us it is so important that indigenous people, migrant and refugees are on the forefront of the demonstration today at six. But those indigenous communities and the frontline communities all over the world are also fighting against fossil fuels, megaproject, of these same Spanish and European transnational corporation who are financing the official climate summit. So this is completely injust policies. And unfortunately, the European Union and the Spanish social democratic government are very responsible for those very unjust situations.

AMY GOODMAN: Tom Kucharz, journalist, activist with Ecologists in Action, one of the leading environmental groups organizing the alternative climate summit, thank you so much for welcoming us into your space, rapidly put together in the last few weeks since Spain took on the U.N. Climate Summit. When we come back, we will be joined by two Fridays for Future youth activists from Chile and Uganda who are here in Madrid for the U.N. summit. They will join activists from around the world today in the climate march. Stay with us.

10 punti fermi dagli scienziati sul clima

dicembre 7, 2019

06.12.2019 – Giornalisti Nell’Erba

10 punti fermi dagli scienziati sul clima

 Clima: nel rapporto “10 New Insights in Climate Science 2019”, presentato oggi a COP25 e consegnato alla segretaria esecutiva dell’UNFCCC Patricia Espinosa, si legge chiaramente, al primo punto, che il cambiamento climatico è più veloce e potente di quanto avessimo mai previsto: “Il ritmo dell’aumento contemporaneo delle concentrazioni di gas a effetto serra non ha precedenti nella storia del clima negli ultimi 66 milioni di anni e le concentrazioni di metano sono ora a un livello record del 257% dei livelli preindustriali. Un aumento della temperatura globale di 1,5 ° C al di sopra dei livelli preindustriali potrebbe essere raggiunto già nel 2030, anziché nel 2040 come è la proiezione media dell’IPCC”.

Il report- non certo l’unico proveniente dal mondo della ricerca presentato alla conferenza ONU sul clima – è in 10 punti chiave.

Secondo punto: non andiamo per niente bene. “Nonostante i fattori trainanti della riduzione delle emissioni, come la crescita dell’energia verde, le istituzioni che disinvestono dai combustibili fossili e alcuni paesi che eliminano gradualmente il carbone, l’industria fossile è ancora in crescita e i leader globali non si stanno ancora impegnando per i necessari tagli alle emissioni. Non siamo sulla buona strada per raggiungere l’accordo di Parigi”.

Terzo risultato del reporttutte le montagne saranno devastate con danni per tutto il pianeta. “Le montagne sono in prima linea per l’impatto dei cambiamenti climatici. I ghiacciai, la neve, il ghiaccio e il permafrost stanno diminuendo, il che influenzerà la disponibilità di acqua e aumenterà i pericoli naturali come frane e cascate, che potenzialmente colpiscono più di un miliardo di persone in tutto il mondo. Il cambiamento climatico influenzerà anche in modo irreversibile gli ecosistemi montani e la loro biodiversità, riducendo l’area dei punti di crisi della biodiversità, facendo estinguere le specie e compromettendo la capacità delle montagne di fornire servizi ecosistemici chiave. Dobbiamo riconoscere che la conoscenza locale e indigena nelle regioni montane svolge un ruolo chiave nella loro conservazione e gestione”.

Anche le foreste sono minacciate, con conseguenze globali. “Le foreste del mondo sono un importante pozzo di anidride carbonica, assorbendo circa un terzo delle emissioni antropogeniche di anidride carbonica. Gli incendi boschivi causati dall’uomo però hanno ridotto questi pozzi e il cambiamento climatico amplifica globalmente gli incendi boschivi selvatici. L’aumento degli incendi è stato osservato negli Stati Uniti occidentali e in Alaska, Canada, Russia e Australia a causa della prolungata siccità. Enormi emissioni sono state registrate dai cambiamenti nel terreno dell’Etiopia occidentale e dell’Africa tropicale occidentale. La perdita di foreste influenza sia il clima locale che quello globale. Combattere la deforestazione e incoraggiare la riforestazione, insieme alla gestione sostenibile delle foreste e altre soluzioni climatiche naturali, sono opzioni importanti per ridurre le emissioni nette”.

Le condizioni meteorologiche estreme sono la “nuova normalità” nel 2019”, scrivono i ricercatori.  Il cambiamento climatico ci sta costringendo a riconsiderare l’idea che abbiamo di un evento estremo. Ciò che una volta era considerato improbabile o raro – sia in termini di intensità che di frequenza – sta diventando parte di una “nuova normalità”. Gli eventi meteorologici e climatici estremi da record hanno continuato a dominare i titoli nel 2019, con l’impatto di eventi che vanno al di là della semplice registrazione e del danno ambientale: i costi materiali e umani sono particolarmente elevati. Sempre più le società dovranno adattarsi  ad eventi “composti”, che possono amplificare in modo significativo il rischio di gravi impatti, e ad eventi “a cascata”, che non lasciano abbastanza tempo alle società di riprendersi prima che ne arrivi un altro. Gli estremi persistenti delle piogge e le ondate di calore, i modelli meteorologici insoliti dovuti al mutamento del flusso di correnti nell’emisfero settentrionale, così come i mari più caldi e più alti, influenzeranno tutte le regioni del mondo in modi diversi. Una mitigazione ambiziosa può contenere i rischi se manteniamo il riscaldamento a 1,5 ° C, ma a livello regionale verranno comunque raggiunti livelli pericolosi”.

Altra questione, la biodiversità: “la custode della resilienza della terra è minacciata”. “La biodiversità sulla terra, le barriere coralline e le popolazioni ittiche vedranno perdite tra il 14 e il 99 % a un riscaldamento da 1 a 2 ° C”, figuriamoci cosa potrebbe accadere se andassimo oltre. Inoltre, “la biodiversità è una caratteristica chiave degli ecosistemi stabili, fornendo – tra molti altri servizi all’umanità – riserve e pozzi di carbonio e proteggendo in tal modo la resilienza del sistema terrestre contro l’interruzione delle emissioni antropogeniche di carbonio. Pertanto, è urgente fermare il degrado degli ecosistemi”, continuano i ricercatori.

I cambiamenti climatici minacciano la sicurezza alimentare e la salute di centinaia di milioni di persone. “La denutrizione sarà il maggior rischio per la salute a causa dei cambiamenti climatici con il calo della produttività agricola, in particolare nelle zone aride dell’Africa e delle regioni montuose dell’Asia e del Sud America. Inoltre, l’aumento delle concentrazioni di anidride carbonica ridurrà la qualità nutrizionale della maggior parte delle colture di cereali. I cambiamenti climatici stanno già influenzando la produzione alimentare riducendo i raccolti agricoli, in particolare ai tropici, e aumenteranno perdite e danni in tutto il sistema alimentare. Gli stock ittici globali sono destinati a ridursi ulteriormente con il cambiamento climatico ed è un’ulteriore pressione sulle scorte già in calo di pesci e molluschi, importanti fonti di proteine ​​e sostanze nutritive umane”.

I più poveri e vulnerabili saranno anche i più colpiti dai cambiamenti climatici. “La mancata risposta e relativo mancato adattamento ai cambiamenti climatici avranno conseguenze disastrose per centinaia di milioni di persone, principalmente le più povere, e ostacoleranno lo sviluppo nei paesi in via di sviluppo. Mentre tutti noi saremo colpiti dai cambiamenti climatici, i poveri sono più vulnerabili alla siccità, alluvioni, alte temperature e altri disastri naturali, anche per la loro scarsa capacità di adattamento. Con l’aumentare della frequenza dei pericoli naturali e climatici, sfuggire alla povertà sarà particolarmente difficile”.

Equità e uguaglianza sono fondamentali per mitigare e adattare con successo i cambiamenti climatici. “La giustizia sociale è un fattore importante per la resilienza della società di fronte ai cambiamenti climatici, vitale per la cooperazione sia locale che globale per facilitare la mitigazione e l’adattamento. L’elevata disuguaglianza è stata identificata come un fattore che contribuisce al disastro: l’esaurimento delle risorse ha spinto le civiltà a collassare in passato e minaccia la capacità della nostra attuale civiltà di sopravvivere ai cambiamenti climatici e ad altri cambiamenti ambientali. Il successo della politica climatica dipende anche dall’accettazione sociale, dalla giustizia, dalla correttezza e da un’equa distribuzione dei costi. Si tratta di fattori importanti per il sostegno pubblico alla politica e per evitare pericolosi sentimenti nazionalisti. Potrebbe essere giunto il momento per i punti di svolta sociale sull’azione per il clima”.

I sondaggi dell’opinione pubblica indicano che un numero crescente di cittadini in vari paesi è seriamente preoccupato per i cambiamenti climatici e che le recenti massicce proteste civili si stanno avvicinando alle soglie in cui ci si potrebbe aspettare il “ribaltamento” di alcuni sistemi socioeconomici. Tuttavia, le misure politiche devono accompagnare il cambiamento comportamentale e per soddisfare l’accordo di Parigi sono necessarie trasformazioni profonde e di lungo periodo guidate da una grande varietà di attori”.

A proposito di sondaggi, anche gli italiani sono preoccupati. L’89% degli intervistati del sondaggio del XVII Rapporto “Gli Italiani, il solare e la green economy” fatto da Noto Sondaggi per Fondazione UniVerde, è preoccupato dai cambiamenti climatici, il 79% è convinto che si sta facendo poco per contenere l’aumento delle temperature entro i 2 gradi e solo il 2% crede nell’azione del Governo. Inoltre per il 34% degli italiani a mettere in campo azioni sono associazioni e società civile, seguono scienziati (25%), Università e scuole (8%). Per fermare il cambiamento climatico, la convinzione è che si stia facendo di più nel settore del riuso e riciclo dei materiali (27%) e nella produzione di energia da fonti rinnovabili (24%).

Il nostro primo ministro dice che il governo è in azione: “L’Italia c’è, nella sfida ai cambiamenti climatici”, dichiara Giuseppe Conte: “Noi lavoriamo innanzitutto per rispettare i parametri di riduzione della Co2 così come indicato dall’Accordo di Parigi e per raggiungere gli obiettivi posti dall’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite”, dice. Si tratta di “una sensibilità declinata molto puntualmente e in modo molto prospettico nel programma di governo. Va arricchita di contenuti”. Appunto. E di incisività, aggiungiamo noi.

Greece: Camp Conditions Endanger Women, Girls

dicembre 6, 2019

05.12.2019 – Human Rights Watch

Greece: Camp Conditions Endanger Women, Girls
(Image by Gemma Bird)

Women and girls face relentless insecurity in Greece’s overcrowded Moria “hotspot” for asylum seekers and migrants on Lesbos island, Human Rights Watch said today, releasing a video that shows the dire conditions. The Greek government should take immediate action to ensure safe, humane conditions for women and girls in line with their international human rights obligations and standards for humanitarian emergencies.

As of December 2, 2019, the Moria Reception and Identification Center was holding nearly 16,800 people in a facility with capacity for fewer than 3,000. Overcrowding has led authorities, as well as some asylum seekers and migrants themselves, to erect shelters outside Moria’s fenced boundaries, first in the adjacent area called the Olive Grove and now in a second olive grove, which has no water and sanitation facilities. In all areas, women and girls, including those traveling alone, are living alongside unrelated men and boys, often in tents without secure closures.

“Just going to the bathroom feels too risky for women and girls in Moria,” said Hillary Margolis, senior women’s rights researcher at Human Rights Watch. “Their lives are defined by fear, and that won’t change unless the Greek government addresses the pervasive dangers they face.”

During research on Lesbos in October, Human Rights Watch found women and girls in and around Moria lack safe access to essential resources and services including shelter, food, water and sanitation, and medical care. Interviews with 32 women and 7 girls, as well as 7 representatives of aid agencies working on Lesbos, revealed a threatening environment, with few protections from sexual harassment and gender-based violence.

Women and girls said they avoid leaving their shelters or using the toilets, bathing, or waiting in food distribution lines due to fear. Parents said they do not allow their daughters to go out unaccompanied, including to attend school. “I don’t go out [of the tent] alone,” said Naima, 12, who lives in the Olive Grove with her mother and 14-year-old sister. “The men and boys looking at me, I don’t like it…. [If I need the toilet at night], I have to wait all night – I have no choice.”

Women with disabilities face additional barriers because the toilets and showers are far from their shelters over rough terrain or are not adaptable for people with disabilities. Aid workers handling cases of sexual and gender-based violence said protection systems are virtually nonexistent, exposing women and girls to high risk that has increased with overcrowding.

A high-level Greek official said during a call with Human Rights Watch that maintaining adequate conditions in the camps is impossible, especially following recent large numbers of arrivals, because Greece is hosting asylum seekers and migrants well beyond the facilities’ capacity. He noted the pressure on Greece and lack of support from other European Union countries. “Greece cannot be the gatekeeper of Europe, as it is being asked to be by the EU, and also be expected to respect human rights fully,” he said.

Conditions in Moria violate Greece’s obligations to migrants and asylum seekers under international law and fall far below standards of treatment developed for humanitarian emergencies around the world, Human Rights Watch said.

With the intent of facilitating speedy processing and return to Turkey under the EU-Turkey deal, Greece has adopted a “containment policy” that traps people in under-resourced camps on the Aegean islands while awaiting the outcome of their asylum claims or return, which can take months or even years. Combined with a lack of government-supported services, this creates an inordinate burden for aid agencies, which provide almost all camp services, interviewees said.

The government’s move in July to stop issuing social security numbers to asylum seekers exacerbates the situation, obstructing their access to public health services except in emergencies. Aid agency representatives said overwhelming demand means they sometimes have to turn away all but the most extreme cases for medical care and gender-based violence support. “Organizations just can’t respond anymore to the increased needs,” said one service provider. “People are being pushed to make horrifying decisions.”

Under Greek law, the authorities should identify “vulnerable” people, including pregnant women and new mothers, survivors of sexual and other serious violence, single parents with children under 18, and people with disabilities, and refer them to appropriate support services and accommodation. This may include housing in apartments outside of Moria.

Human Rights Watch interviewed women and girls who meet current vulnerability criteria but said they had not been screened for vulnerability or identified as vulnerable after weeks or even months, including survivors of gender-based violence, pregnant women, new mothers, women with disabilities, and women alone with children under 18. Since late 2018, staff resignations and shortages at the government agency conducting vulnerability screenings in Moria have led to lengthy delays in identification of vulnerable individuals, and resulting delays in any additional support.

The Greek government should urgently improve security and living conditions for women and girls in Moria, ensuring safe access to secure shelter, food, adequate water and sanitation, and specialized medical care. The government should identify and assist vulnerable asylum seekers and migrants on Greek islands, including survivors of gender-based violence, women alone with children under 18, pregnant women, new mothers, and people with disabilities. It should prioritize awareness-raising about existing services and availability of trained female interpreters.

Other EU countries should share responsibility for accepting asylum seekers and migrants, processing their asylum applications, and facilitating family reunification.

“Women and girls who have come to Greece seeking safety are finding the exact opposite at Moria, and the situation is only getting worse,” Margolis said. “The Greek government has a duty to make sure women and girls don’t have to hide in tents all day out of fear.”

For more information on risks for women and girl asylum seekers on Lesbos, please see below.

For more Human Rights Watch reporting on Greece, please visit:
https://www.hrw.org/europe/central-asia/greece

For more Human Rights Watch reporting on women’s rights, please visit:
https://www.hrw.org/topic/womens-rights

Additional information at this link

Scherzi a parte, si rafforza il partito della guerra

dicembre 6, 2019

Manlio DinucciIl Manifesto

EDIZIONE DEL06.12.2019

PUBBLICATO5.12.2019, 23:58

Il presidente francese Macron ha parlato di «morte cerebrale» della Nato, altri la definiscono «moribonda». Siamo dunque di fronte a una Alleanza atlantica che, senza più una testa pensante, si sta sgretolando per effetto delle fratture interne? I litigi al Summit di Londra sembrano confermare tale scenario. Occorre però guardare alla sostanza, ai reali interessi su cui si fondano i rapporti tra gli alleati.

Mentre a Londra Trump e Macron polemizzano sotto gli occhi delle telecamere, in Niger senza tanta pubblicità lo US Army Africa (Esercito Usa per l’Africa) trasporta con i suoi aerei cargo migliaia di soldati francesi e i loro armamenti in diversi avamposti in Africa Occidentale e Centrale per l’Operazione Barkhane, in cui Parigi impegna 4.500 militari, soprattutto delle forze speciali, con il sostegno di forze speciali Usa anche in azioni di combattimento. Contemporaneamente i droni armati Reaper, forniti dagli Usa alla Francia, operano dalla Base aerea 101 a Niamey (Niger). Dalla stessa base decollano i Reaper della US Air Force Africa (Forza aerea Usa per l’Africa), che vengono ora ridislocati nella nuova base 201 di Agadez nel nord del paese, continuando a operare di concerto con quelli francesi.

Il caso è emblematico. Stati uniti, Francia e altre potenze europee, i cui gruppi multinazionali rivaleggiano per accaparrarsi mercati e materie prime, si compattano quando sono in gioco i loro interessi comuni. Ad esempio quelli che hanno nel Sahel ricchissimo di materie prime: petrolio, oro, coltan, diamanti, uranio. Ora però i loro interessi in questa regione, dove gli indici di povertà sono tra i più alti, vengono messi in pericolo dalle sollevazioni popolari e dalla presenza economica cinese. Da qui la Barkhane che, presentata come operazione anti-terrorismo, impegna gli alleati in una guerra di lunga durata con droni e forze speciali

Il più forte collante che tiene unita la Nato è costituito dai comuni interessi del complesso militare industriale sulle due sponde dell’Atlantico. Esso esce rafforzato dal Summit di Londra. La Dichiarazione finale fornisce la principale motivazione per un ulteriore aumento della spesa militare: «Le azioni aggressive della Russia costituiscono una minaccia per la sicurezza Euro-Atlantica». Gli Alleati si impegnano non solo a portare la loro spesa militare almeno al 2% del Pil, ma a destinare almeno il 20% di questa all’acquisto di armamenti. Obiettivo già raggiunto da 16 paesi su 29, tra cui l’Italia. Gli Usa investono a tale scopo oltre 200 miliardi di dollari nel 2019. I risultati si vedono. Il giorno stesso in cui si apriva il Summit Nato, la General Dynamics firmava con la US Navy un contratto da 22,2 miliardi di dollari, estendibili a 24, per la fornitura di 9 sottomarini della classe Virginia per operazioni speciali e missioni di attacco con missili Tomahawk anche a testata nucleare (40 per sottomarino).

Accusando la Russia (senza alcuna prova) di aver schierato missili nucleari a raggio intermedio e aver così affossato il Trattato Inf, il Summit decide «l’ulteriore rafforzamento della nostra capacità di difenderci con un appropriato mix di capacità nucleari, convenzionali e anti-missilistiche, che continueremo ad adattare: finché esisteranno armi nucleari, la Nato resterà una alleanza nucleare».

In tale quadro si inserisce il riconoscimento dello spazio quale quinto campo operativo, in altre parole si annuncia un costosissimo programma militare spaziale della Alleanza. È una cambiale in bianco data all’unanimità dagli Alleati al complesso militare industriale.

Per la prima volta, con la Dichiarazione del Summit, la Nato parla della «sfida» proveniente dalla crescente influenza e dalla politica internazionale della Cina, sottolineando «la necessità di affrontarla insieme come Alleanza». Il messaggio è chiaro: la Nato è più che mai necessaria a un Occidente la cui supremazia viene oggi messa in discussione da Cina e Russia.

Risultato immediato: il Governo giapponese ha annunciato di aver comprato per 146 milioni di dollari l’isola disabitata di Mageshima, a 30 km dalle sue coste, per adibirla a sito di addestramento dei cacciabombardieri Usa schierati contro la Cina.

Non siamo protestanti

dicembre 6, 2019

Non siamo chiesa, non siamo protestanti o evangelici così ho risposto come soli laici religiosi ad una domanda su Messanger in facebook. Temiamo che fonti informative distorte circolano sul web a proposito di presenza di quaccheri.
La verifica delle fonti è sempre necessaria in internet.

Istanbul un dramma politico

dicembre 6, 2019

Non avendo ricevuto donazioni tutti i siti avranno la sola estensione wordpress.com, che rimane gratuita e senza oneri per il gestore. Il prezzo della libertà dell’otto per mille cattolico o valdese lo paghiamo volentieri. Ci rifiutiamo di chiedere fondi otto per mille valdesi per la traduzione professionale dell’antico catechismo quacchero (Bori si era guardato bene dal tradurlo pur avendo disponibilità e competenze maggiori di quelle personali, l’area liberal ha sempre pensato di fare a meno delle nostre radici esclusivamente cristiane). Col tempo grazie al prof. Colacino abbiamo tradotto la fondamentale base teologica di Barcleys. Senza quella non si è quaccheri. Altro che solo rifiuto del battesimo….come indica un sito milanese.

Istanbul, crocevia di omicidi politici

06.12.2019 – Murat Cinar

Istanbul, crocevia di omicidi politici

La città più grande della Turchia si vanta tristemente di essere un luogo di omicidi commessi contro i giornalisti, oppositori oppure ex agenti segreti stranieri e locali.

Una storia centenaria

Hasan Fehmi Bey forse è uno dei primi di questo lungo curriculum. Giornalista oppositore al gruppo dirigente dell’epoca ottomana, fu assassinato nel 1905 a Istanbul. Infatti secondo l’Associazione dei Giornalisti di Turchia è il primo “martire della stampa”, per cui tuttora nel Paese il giorno della sua morte, 6 maggio, vengono commemorati tutti i colleghi assassinati.

Abdi İpekçi è un altro giornalista assassinato tra le vie della vecchia Costantinopoli. L’ex capo redattore del quotidiano nazionale Milliyet fu ucciso nel 1979 dal famoso Mehmet Ali Ağca, che tentò di assassinare Papa Giovanni Paolo II, nel 1981, in Piazza San Pietro. L’altro sicario di Ipekçi fu Oral Çelik, anche lui coinvolto nell’attentato contro Wojtyla. Entrambi ultra nazionalisti assassinarono Ipekçi per via delle sue idee progressiste e pacifiche.

Tra gli ultimi omicidi commessi a Istanbul contro i giornalisti andrebbe messo anche Hrant Dink. giornalista armeno di cittadinanza turca assassinato a due passi dal suo giornale, Agos, nel 2007 da un minorenne ultra nazionalista. Il caso di Dink è ancora aperto e fino a oggi sono stati inserite nella lista degli  imputati e sospettati anche diverse persone impiegate nelle forze armate. Pochi mesi prima dell’uccisione di Dink era stata avviata una campagna di linciaggio e calunnia mediatica e politica contro di lui.

Assassinati stranieri

Negli anni 90 la capitale economica della Turchia ha assistito alla resa dei conti del conflitto russo ceceno. In quel periodo si rifugiavano nel Paese diversi cittadini ceceni che alzavano la voce contro il Cremlino. Secondo il quotidiano britannico The Guardian e l’emittente televisiva BBC, il caso di Abdülvahid Edelgireyev è uno di quelli più interessanti. Edelgireyev, prima di essere assassinato nel 2015 era coinvolto in un tentativo fallito di attentato contro il presidente russo, Putin, e faceva parte dell’organizzazione terroristica El Nusra. Quindi si tratterebbe di un personaggio molto importante a livello internazionale. Dal 2008 fino ad oggi, a Istanbul sono stati assassinati almeno 5 cittadini russi e ceceni, definiti come “terroristi”, “oppositori” oppure “ex agenti segreti”.

Forse una delle figure più particolari trovate morte a Istanbul è Umarali Quvvatov. Imprenditore tagiko e leader del movimento dell’opposizione Grup 24 dopo aver accusato di corruzione l’ex Presidente della Repubblica di Tagikistan, Emomali Rahmon, aveva lasciato il suo Paese. Quvvatov è stato assassinato nel 2015; viveva in Turchia da un anno con sua moglie e cinque figli.

Jamal Ahmid Khashoggi è uno degli ultimi casi di assassinio avvenuti sul Bosforo. Giornalista saudita, è stato assassinato il 2 ottobre del 2018 nel palazzo consolare dell’Arabia Saudita. Il suo caso è diventato un elemento di grande crisi diplomatica tra una serie di attori internazionali, tra cui ovviamente gli Stati Uniti d’America, il governo di Ankara e una parte della famiglia reale saudita.

I casi di morte che coinvolgono personaggi chiave e importanti comprendono anche i cittadini occidentali. L’11 novembre del 2019 è stato trovato morto vicino alla sua abitazione James Gustaf Edward Le Mesurier, ex membro dei servizi segreti britannici, fondatore e direttore del May day Rescue e sostenitore dei “Caschi bianchi”, Syria Civil Def, in Siria. Tuttora non è chiaro se l’ex agente segreto sia stato assassinato oppure si sia suicidato, ma secondo i media locali ci sono diversi indizi importanti che sosterrebbero la tesi dell’omicidio.

L’ultimo caso invece riguarda Masoud Molavi Vardanjani, giovane cittadino iraniano. La polizia trova il cadavere di un cittadino straniero il 14 novembre di quest’anno, nel cuore della città, a Sisli. Dopo due settimane il corpo viene identificato. La voce comune dei media parla dell’assassinio di un altro ex agente segreto straniero. Secondo l’articolo firmato da Murat Yetkin pubblicato sul portale di notizie Gazete Duvar, pochi giorni dopo l’uccisione di Vardanjani, il Ministro degli Affari Esteri del governo statunitense, Mike Pompeo, pronunciò queste parole: “L’assassinio dell’oppositore iraniano rifugiato in Turchia è la dimostrazione del fatto che l’aggressività del regime iraniano ha superato i suoi confini nazionali”. Con questa dichiarazione si rafforza l’ipotesi dell’ennesimo assassinio politico commesso a Istanbul. In questi ultimi giorni, la polizia ha arrestato 11 persone accusate di essere coinvolte nell’uccisione di Vardanjani, tra cui anche alcuni cittadini iraniani. Vardanjani è conosciuto per il suo canale Telegram in cui diffondeva documenti segreti che sostenevano di provare la “corruzione dentro il governo iraniano”. Definito un genio informatico, mentre collaborava con i servizi segreti iraniani per la sicurezza informatica, durante la sua permanenza in Turchia, dal 2018 portava avanti un lavoro di contro-informazione che fa pensare all’ipotesi del suo cambio di posizione, forse in collaborazione con i servizi segreti statunitensi.

Sembra che la il principale centro industriale, finanziario e culturale della Turchia continui, tristemente, a essere anche il centro della resa dei conti delle operazioni nazionali e internazionali.

——————————-

A – La nostra fede quacchera

Traduzione delle 15 preposizioni quacchere di Barclays dell’Amico Prof. Carlo Nicola Colacino – Inedito in italiano del marzo 2016

1

La prima proposizione ha a che fare col fondamento della conoscenza.    Vedendo che l’altezza di tutta la felicita’ e’ posta nella vera conoscenza di Dio (“questa e’ la vita eterna, conoscere te, l’unico vero Dio, e Gesu’ Cristo, che tu hai mandato”), la comprensione autentica e giusta di questa fondamento e’ cio’ che e’ piu’ necessario conoscere ed in cui e’ piu’ necessario credere in prima istanza.

 

2

La seconda proposizione ha a che fare con la rivelazione immediata.

2.1

Dato che “nessuno conosce il Padre se non il Figlio, e quelli cui il Figlio lo rivela” e dato che la rivelazione del Figlio e’ con e attraverso lo Spirito; pertanto solo e soltanto attraverso la testimonianza dello Spirito la vera conoscenza di Dio e’ stata, e’, e puo’ solo essere rivelata; colui il quale, mosso dal suo stesso Spirito, ha convertito il caos del mondo in questo meraviglioso ordine in cui era il principio, e creo’ l’uomo come essere vivente, per dominarlo e governarlo, cosi’ attraverso la rivelazione dello stesso Spirito ha manifestato se stesso ai figli dell’uomo, patriarchi, profeti e apostoli; queste rivelazioni di Dio attraverso lo Spirito, siano date da voci esteriori e apparizioni, sogni o manifestazioni oggettive interiori nel cuore, erano dello stesso oggetto formale della fede e tali rimangono; perche’ l’oggetto della fede dei santi e’ lo stesso in tutte le epoche, anche se sotto diverse manifestazioni.

2.2  Inoltre, queste rivelazioni interiori divine, che noi riteniamo assolutamente necessarie per la costruzione della vera fede, non contraddicono in alcun modo la testimonianza esteriore delle scritture, ne’ la solida e giusta ragione
2.3

Tuttavia da questo non deve seguire che queste rivelazioni divine devono essere soggette all’esame, ne’ della testimonianza esteriore della scrittura, ne’ della ragione naturale dell’uomo, ne’ di una qualche regola ancora piu’ nobile o certa ne’ di qualche principio primo: perche’ questa illuminazione divina e interiore, e’ cio’ che e’ evidente e chiaro di per se’ e forza, per la sua stessa evidenza e chiarezza, la comprensione ben disposta verso l’assenso, cosi’ come i principi comuni delle verita’ naturali muovono e spingono la mente ad un assenso naturale, cioe’ che il tutto e’ maggiore delle sue parti; che due affermazioni mutuamente contradditorie non possono essere entrambe vere, ne’ entrambe false; cio’ che e’ anche manifesto, secondo i principi dei nostri avversari che -supposta la possibilita’ delle rivelazioni divine interiori- ciononostante confesseranno a noi che ne’ la scrittura ne’ la ragione pura le contraddiranno. E pero’ non deve seguire nemmeno- secondo i nostri avversari- che sia necessario sottoporre la scrittura e la ragione alle rivelazioni divine del cuore.

 

3

La terza proposizione: le Scritture

3.1

Da queste rivelazioni dello Spirito di Dio ai Santi sono scaturite le Scritture della verita’ che contengono 1) un racconto storico fedele degli atti del popolo di Dio nelle diverse epoche, e di come, in modo singolare e incredibile, la provvidenza abbia spesso assistito tale popolo. 2) Un racconto profetico di molte cose, di cui alcune sono passate e altre ancora da venire. 3 Un racconto completo e ampio di tutti i principi fondamentali della dottrina di Cristo, mantenuti e sviluppati in diverse preziose dichiarazioni, esortazioni, sentenze che, per opera dello Spirito di Dio, in diverse occasioni e numerose circostanze. furono pronunciate e scritte nelle chiese dai pastori. Tuttavia, poiche’ esse sono solo una dichiarazione della sorgente, e non la sorgente stessa, non devono essere ritenute il campo principale di tutta la verita’ e la conoscenza, ne’ la regola immutabile della fede e delle opere. Ciononostante, come cose che danno una testimonianza vera e fedele del fondamento primario della fede, esse sono e devono essere apprezzate come seconda regola, subordinata allo Spirito, dal quale ricevono tutta la loro eccellenza e la certezza; perche’ solo dalla testimonianza interiore dello Spirito noi sappiamo che esse sono vere, pertanto loro testimoniano che lo Spirito e’ quella guida dalla quale i santi sono condotti verso la verita’: ribadiamo pertanto che lo Spirito e’ la guida prima e principale.

3.2

E dunque noi riceviamo e crediamo nelle scritture, perche’ esse procedono dallo Spirito. Pertanto lo Spirito e’ la regola in modo piu’ originale e principale, anche secondo quella massima che noi studiamo a scuola “Propter quod unumquodque est tale, illud ipsum est magis tale” che possiamo tradurre come: “quello per cui una cosa e’ tale, quello stesso e’ ancora piu’ tale”.

 

 

4

La quarta proposizione, che ha a che fare con l’uomo nel peccato.

4.1

Tutta la posterita’ di Adamo, o umanita’, sia Ebrei che Gentili, cosi’ come il primo Adamo o uomo terreno, e’ peccatrice, degenerata e morta, prima della sensazione o del sentimento di questa luce interiore o seme di Dio, ed e’ pertanto soggetta al potere, natura e seme del serpente, che egli semina nei cuori degli uomini, mentre loro vivono in questo stato naturale e corrotto; da cui segue che non solo le loro parole e le loro azioni ma che anche i loro pensieri sono perpetuamente malvagi di fronte a Dio, perche’ nascono da questo seme depravato e cattivo.

4.2

L’uomo pertanto, mentre si trova in questo stato, non puo’ conoscere niente in modo giusto; si’, i suoi pensieri e le sue idee riguardo Dio e le cose spirituali, fino al momento di essere disgiunto dal seme del male e unito alla luce divina, sono infruttuose sia per se’ stesso che per gli altri; da cui rigettiamo gli errori Sociniani e Pelagiani, che esaltano una luce naturale; cosi’ come gli errori dei Papisti e dei Protestanti che affermano, che l’uomo, privo della vera grazia divina, possa essere un vero ministro della novella.

4.3

Cionostante questo seme non e’ imputato anche ai piccoli, fino a quando loro per trasgressione non si uniscono ai peccatori; perche’ essi sono per natura i figli della rabbia divina, che camminano secondo il protere del principe dell’aria.

5 e 6

La quinta e la sesta proposizione riguardano la Redenzione Universale di Cristo, e anche la salvezza e la Luce Spirituale, attraverso la quale ogni uomo e’ illuminato

5

Dio, che e’ amore infinito, che non gode della morte del peccatore ma che gode che tutti gli uomini possano vivere ed essere salvati, ha tanto amato il mondo da dare al Suo unico Figlio la luce, che chiunque credesse in Lui fosse salvato; che illuminasse ogni uomo che viene al mondo e rendesse manifeste tutte le cose che sono riprovevoli e che insegnasse tutta la temperanza, la giustizia, e la santita’: e che in questa luce illuminasse i cuori di tutti in un giorno (Pro tempore: per un tempo) per raggiungere la salvezza, se non resistita: nemmeno e’ tale salvezza meno universale che il seme del peccato, che e’ l’acquisto della sua morte, che provo’ la morte per ogni uomo: “perche’, cosi’ come in Adamo tutti muoiono, cosi’ in Cristo tutti sono resi vivi”.
6.1

Secondo dunque questo principio o ipotesi, tutte le obiezioni contro l’universalità della morte di Gesù Cristo sono facilmente superate; non è nemmeno necessario ricorrere al ministero degli angeli, o ad altri messaggeri miracolosi, di cui si dice Dio faccia uso, per manifestare la dottrina e la storia della passione di Cristo a quelli che, vivendo in quelle parti del mondo così remote da non essere state raggiunte dalla predicazione del vangelo, hanno comunque usufruito della grazia primaria e comune; da cui segue logicamente che, come alcuni degli antichi filosofi potrebbero essere stati salvati, così potrebbero esserlo ora coloro che, messi dalla provvidenza in parti del mondo remote dove la conoscenza della storia è lacunosa, vengono fatti partecipi del mistero divino, se ricevono aprendosi senza resistenze a quella grazia “la cui manifestazione è data ad ogni uomo affinché ne approfitti”.

6.2

Questa dottrina certa dunque, avendola ricevuta, e’ da testimoniare: che c’e’ una luce ed una grazia evangelica e salvifica in tutti, l’universalita’ dell’amore e della misericordia di Dio verso l’umanita’ – sia nella morte del suo amato figlio, il Signore Gesu’ Cristo, e nella manifestazione della luce nel cuore- e’ stabilita e confermata anche contro le obiezioni di quelli che la negano.

6.3

Pertanto “Cristo ha assaporato la morte per ogni uomo”: non solo per tutti i tipi di uomini, come alcuni dicono invano, ma per ognuno, di ogni specie; il beneficio di questo regalo non e’ esteso solo a coloro che hanno una conoscenza specifica della sua sofferenza e della sua morte, cosi’ come sono descritte nelle scritture, ma anche a coloro i quali sono necessariamente esclusi da tale conoscenza a causa di qualche accidente inevitabile; conoscenza che noi volutamente dichiariamo essere molto utile e di grande conforto, ma non assolutamente necessaria a colui, al quale Dio stesso l’ha celata; tuttavia anche loro possono essere compagni nel mistero della sua morte, nonostante non ne conoscano la storia- se lasciano il suo seme e la sua luce entrare ed illuminare i loro cuori; nella cui luce viene vissuta la comunione col Padre e col Figlio, cosi’ che gli uomini malvagi diventino santi, e amanti di quella potenza, dai cui tocchi interiori e segreti loro si sentono allontanati dal male e avvicinati al bene, e imparano a fare agli altri quello che loro vorrebbero fosse fatto a loro; in cui Cristo stesso afferma tutti siano inclusi.

6.4

Pertanto coloro i quali hanno negato che Cristo fosse morto per tutti gli uomini, hanno insegnato il falso; e nemmeno sono stati sufficientemente fedeli alla verita’ coloro i quali pur affermando che egli fosse morto per tutti, hanno aggiunto l’assoluta necessita’ della conoscenza esteriore del fatto, per poter ottenerne l’effetto salvifico; tra questi i Remostanti olandesi sono stati i piu’ approssimativi, e tanti altri assertori della redenzione universale, per il fatto che non hanno posto la grandezza di questa salvezza nel principio divino ed evangelico della luce e della vita, secondo il quale Cristo illumina ogni uomo che viene al mondo, principio che pure viene ribadito in modo eccellente ed evidente in queste scritture, Gen. VI 3, Deut. XXX 14, John I 7,8,9 Rom X 8, Tito II 11

 

7

La settima proposizione. A proposito della giustificazione

7.1

Come molti non resistono questa luce, ma la ricevono, in loro viene prodotta una nascita santa, pura e spirituale, che sviluppa santita’, giustizia, purezza e tutti questi altri frutti benedetti che sono graditi a Dio; dalla cui nascita santa, per testimoniare Gesu’ Cristo, formato dentro di noi e compiendo le sue opere in noi, dato che noi siamo santificati e pertanto giustificati agli occhi di Dio, secondo le parole dell’apostolo: “ma voi siete purificati, ma voi siete santificati, ma voi siete giustificati, nel nome del Signore Gesu’ e dallo Spirito di nostro Signore.

7.2

Pertanto non e’ per le nostre opere imbellite dalla nostra volonta’, ne’ per le nostre buone opere considerate in se’, ma per Cristo, che e’ sia il regalo che il donatore, e la causa che produce gli effetti in noi; il quale, cosi’ come ci ha riconciliati quando eravamo nemici, nella sua sapienza ci salva e ci giustifica in questo modo, come dice lo stesso apostolo in un altro passaggio: “secondo la sua misericordia ci ha salvatp, rigenerandoci e rinnovandoci tramite lo Spirito Santo”.

 

8

L’ottava proposizione. A proposito della perfezione.

8.1

In colui il quale questa nascita santa e pura e’ completamente realizzata, il corpo della morte e del peccato arriva ad essere crocifisso e rimosso e i loro cuori sono uniti e soggetti alla verita’, in modo da non obbedire ad alcuna suggestione del Maligno, ma per essere liberi dal peccare e dal trasgredire la legge di Dio e in tal rispetto pertanto perfetti.

8.2

Tuttavia perfino questa perfezione ammette una crescita, e rimane la possibilita’ di peccare, se la mente non si attiene diligentemente e attentamente ai comandamenti del Signore.

 

 

9

A proposito della perseveranza, e della possibilita’ di cadere dalla Grazia.

9.1

Nonostante questo dono, grazia interiore di Dio, sia sufficiente a condurre alla salvezza, tuttavia in quelli in cui non si realizza puo’ diventare e spesso diventa la loro condanna.

9.2

Inoltre, in coloro in cui e’ stata posta, per purificarli e santificarli, per condurli ad un’ulteriore perfezione, a causa della disobbedienza coloro possono uscire dalla grazia, e trasformarla in lascivia e lussuria, facendo naufragare la fede; e dopo “aver assaggiato il dono divino, ed essere stati fatti messaggeri dello Spirito Santo, essi peccano di nuovo”.

9.3

Tuttavia si puo’ raggiungere in questa vita una tale crescita e stabilita’ nella fede, che un’apostasia totale non e’ piu’ possibile.

 

10

La decima proposizione. Il ministero

10.1

Per questo dono, o luce di Dio, tutta la conoscenza vera nelle cose spirituali e’ ricevuta e rivelata; cosi’ per lo stesso motivo, come e’ manifestata e ricevuta nel cuore, dalla forza e per il potere della stessa, ogni vero ministro del Vangelo e’ ordinato, preparato e istruito nel lavoro del ministero; e attraverso la guida e l’attrazione di questa luce sia ogni evangelista e pastore Cristiano guidato e ordinato nel suo lavoro del vangelo, sia nel posto dove intende predicare, sia su coloro i quali devono essere istruiti sia sui tempi in cui deve svolgere il suo ministero.

10.2

Inoltre, coloro i quali hanno questa autorità e devono predicare il vangelo, devono farlo senza pretendere commissioni o riconoscimenti; perché d’altro canto, coloro i quali vogliono appropriarsi delll’autorità di questo dono divino, comunque colti o autorizzati dalle commissioni di uomini e chiese, sono da ritenersi degli impostori, e non degli autentici ministri della parola.

10.3

Così, coloro i quali hanno ricevuto questo dono santo e puro, “così come hanno ricevuto così sono liberi di donare” senza procurarsi alcun vantaggio, ancora meno come mezzo per procurarsi denaro; tuttavia se Dio ne avesse chiamato alcuni dalle loro occupazioni o mestieri, attraverso i quali essi si procurano il sostentamento, potrebbe essere legale per costoro, secondo la libertà che loro si sentono dati nel Signore, di ricevere anche queste cose temporali -quanto strettamente necessario per il cibo e i vestiti- se donati liberamente da coloro ai quali hanno comunicato le cose spirituali

 

11

Undicesima proposizione: l’adorazione

11.1

Tutta la vera e accettabile adorazione a Dio è offerta nel movimento e nell’attrazione interiore del suo Spirito, che non è limitato né a posti, né a tempi, né a persone; poiché nonostante noi dobbiamo adorarlo sempre, nel fatto che dobbiamo sempre temerlo, tuttavia per ciò che riguarda il significato esteriore di tale adorazione in preghiere, lodi, prediche, non dobbiamo adorarlo quando e dove vogliamo noi, ma quando e dove ci muove lui attraverso l’ispirazione segreta del Suo Spirito nei nostri cuori, che Dio ascolta e accetta, e non manca mai di muoverci lì dove serve, cosa della quale lui è il solo giudice.

11.2

Tutte le altre forme di adorazione dunque, sia lodi che preghiere che prediche, che l’essere umano mette in piede di sua spontanea volonta’ e a sua decisione, che lui puo’ iniziare e finire a proprio piacimento, che fanno e disfanno, come lui stesso vede, siano esse in forma prescritta e canonica, come una liturgia o preghiere concepite spontaneamente, non sono altro che superstizioni, adorazioni della volonta’ e idolatria abominevole agli occhi di Dio: che l’uomo deve rigettare, rinnegare e da cui si deve separare, nel giorno della sua rinascita spirituale; comunque gli sia piaciuto -lui che strizzava l’occhio nei tempi d’ignoranza, con rispetto alla semplicita’ ed all’integrita’ di alcune di queste pratiche, e del suo seme innocente, che giace come se fosse stato sepolto nei cuori degli uomini, sotto la massa della superstizione- soffiare sui morti e sulle ossa asciutte e sollevare alcuni respiri e rispondere loro, e questo fino al giorno in cui la luce albeggera’ e si propaghera’ chiaramente.

 

12

La dodicesima proposizione: il battesimo

12.1

Poiche’ c’e’ un solo Signore ed una sola fede, cosi’ c’e’ un solo battesimo: che non e’ la rimozione dei peccati della carne, ma la risposta della buona coscienza davanti a Dio per intercessione della resurrezione di Gesu’ Cristo.

12.2

E questo battesimo e’ una cosa pura e spirituale, da testimoniare, il battesimo dello spirito e del fuoco, attraverso il quale siamo sepolti con lui, e che avendo lavato ed essendo mondati dai nostri peccati, possiamo camminare nel rinnovamento della vita, del quale rinnovamento il battesimo di Giovanni era un simbolo, che era stato ordinato per un tempo determinato e non per continuare per sempre.

12.3

Per quanto riguarda il battesimo dei neonati, e’ solamente una tradizione umana, per la quale non c’e’ ne’ un precetto ne’ un riferimento alla pratica nella scrittura.

 

13

La tredicesima proposizione: a proposito della comunione o della partecipazione al corpo e sangue di Cristo.

La comunione del corpo e sangue di Cristo e’ interiore e spirituale, e’ la partecipazione della sua carne e del suo sangue, attraverso i quali l’uomo interiore viene nutrito giornalmente nei cuori ci coloro in cui abita Cristo; di cio’ lo spezzare il pane da parte di Cristo coi suoi discepoli fu un simbolo, che fu usato per un certo tempo dalla chiesa, che aveva ricevuto la sostanza per la causa dei deboli; anche se “astenersi dalle cose strangolate e dal sangue”; la lavanda reciproca dei piedi e l’unzione degli infermi con l’olio; tutte queste cose sono ordinate con non meno autorita’ e solennita’ che il vecchio testamento; tuttavia vedendo che questi riti non sono altro che ombre di cose migliori, cessano in coloro i quali hanno ottenuto la sostanza.

 

14

La quattordicesima proposizione: concernente il potere del Magistrato Civile in questioni puramente religiose, e che hanno a che fare con la coscienza.

Dal momento che Dio ha assunto per se’ il potere ed il dominio sulla coscienza e quindi e’ il solo a poterla rettamente istruire e governare, pertanto non e’ legale per nessuno, per alcuna virtu’ di autorita’ o principalita’ che si hanno nei governi di questo mondo, forzare le coscienze degli altri; pertanto tutti gli omicidi, le espulsioni, le multe, gli imprigionamenti e queste altre cose, da cui gli uomini sono afflitti, per il solo esercizio della loro coscienza o per differenze nel culto o nelle opinioni, procedono dallo spirito di Caino, l’omicida, e sono contrarie alla verita’. Purche’ sia stabilito che nessun uomo, sotto la scusa della coscienza, faccia del male al suo vicino o attenti alla di lui vita o proprieta’; o faccia cose distruttive o inconsistenti con la convivenza umana; nel qual caso la legge si applica al trasgressore e la giustizia viene amministrata su tutti, senza riguardo per i singoli.

 

15

La quindicesima proposizione: saluti e riposo, etc.

Dato che lo scopo primario di tutta la religione e’ di redimere l’uomo dallo spirito del mondo e dalle vane conversazioni mondane, e di condurlo ad un’intima comunione con Dio, davanti al quale, se noi lo temiamo sempre, siamo felici; pertanto tutti i vani usi e costumi e tutte le vane abitudini, sia in parola che in opera, devono essere respinte e dimenticate da coloro che sentono questo timore; cose come il togliersi il cappello di fronte ad un altro uomo, gli inchini e le posture del corpo, e altri saluti di questo genere, con tutte le formalita’ folli e superstiziose che accompagnano tali gesti; tutto questo l’uomo lo ha inventato nel suo stato degenere, per nutrire il suo orgoglio nella vanita’ e nella vanagloria di questo mondo; e cosi’ anche i giochi inutili, i divertimenti frivoli, lo sport e i giochi, che sono stati inventati per passare il tempo prezioso e distogliere la mente dalla testimonianza di Dio nel cuore, e dal sentire in modo vivo e profondo il timore di Lui, e dallo Spirito evangelico con cui i Cristiani devono sempre essere rigenerati, spirito che conduce alla sobrieta’, alla serieta’ ed al timor di Dio; in cui, se noi ci sottomettiamo, la benedizione di Dio viene sentita accompagnarci in quelle azioni in cui dobbiamo impegnarci, per poterci prendere cura necessariamente dell’umo esteriore.


Nonviolent Campaign Strategy

Learn how to plan and implement a nonviolent strategy for your campaign

Positive Peace Warrior Network

More People! More Power!! More Progress!!!

The Armchair Theologian

Disestablishmentarianism in the UK, okay?

Fronte Popolare

Organizzazione militante comunista

Quaccheri Medio Olona

Sempre antifascisti: ieri e oggi. Anche domani - creato e gestito dai quaccheri in Italia

Maurizio Benazzi

Resistenza olgiatese - Coalizione civica per l'alternativa - maurizio_benazzi@libero.it

A Friendly Letter

Chuck Fager -- Writer, Editor

ValleOlonaRespira

Basta veleni sul nostro territorio

lessicocristianoblog

Nuova alleanza: usalo come preghiera

Friends in Christ

(Primitive Quakers)

The Postmodern Quaker

An experiment in publishing by George Amoss Jr.

Partito Comunista Italiano Federazione di Varese

Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti. -- Antonio Gramsci

Quaccheri cristiani ecumenici per fare il bene

A cura del quacchero conservative Maurizio Benazzi

quaccheri e hutteriti in Italia

Io non vi chiamo più servi; perché il servo non sa quel che fa il suo signore; ma voi vi ho chiamati amici, perché vi ho fatto conoscere tutte le cose che ho udite dal Padre mio (Gv 15,15)